Tofu, come farlo in casa: la ricetta vegan a base di nigari
Base di preparazione per le ricette vegane e vegetariane, il tofu è un formaggio vegetale che si può preparare in casa. Vediamo come in 4 mosse

Il tofu, questo sconosciuto. Chi si approccia alla cucina naturale e alle ricette vegane conosce bene il tofu, questo impasto bianco utilizzato come base per piatti sfiziosi. Il tofu è un formaggio vegetale a base di soia gialla: alla base della sua preparazione c’è il caglio ottenuto, non da stomaci animali, ma grazie al cloruro di magnesio contenuto in uno degli ingredienti base del tofu, il nigari ottimo per la vostra ricetta vegan.

Il tofu, questo sconosciuto.
Chi si approccia alla cucina naturale, vegetariana e soprattutto vegana, conosce bene il tofu, questo impasto bianco utilizzato come base per piatti sfiziosi.

Il tofu è un formaggio vegetale a base di soia gialla: alla base della sua preparazione c’è il caglio ottenuto, non da stomaci animali, ma grazie al cloruro di magnesio contenuto in uno degli ingredienti base del tofu, il nigari ottimo per la vostra ricetta vegan.
Il nigari si può reperire nei negozi di alimentazione naturale, vendute in delle buste sotto forma di fiocchi.
Preparare il tofu casalingo è semplice, richiede un po’ di tempo e, una volta preparato, si può conservare in frigorifero per una settimana: ricordate che i primi due giorni sarà, però, più saporito pronto per la ricetta vegan che più ci aggrada

Ingredienti
500 gr di fagioli di soia gialla
1 cucchiaio colmo di nigari
4 litri d’acqua

La sera prima
Mettere in ammollo i fagioli di soia in acqua, scegliendo un contenitore capiente, poiché essendo fagioli, si gonfiano molto.

La mattina seguente
1- Fare il latte di soia
Frullare tutti i fagioli nel mixer, aggiungere via via acqua qualora i fagioli non riuscissero a frullarsi adeguatamente: dovrete ottenere una crema omogenea.
Mettere 4 litri d’acqua in una capiente pentola e far bollire.
Aggiungere la purea di fagioli. Girate e mescolate rapidamente perché si formerà una spessa schiuma, che deve continuare a bollire per 2 minuti. Trascorso tale tempo separate la polpa di fagioli dal latte, facendo filtrare il liquido attraverso un canovaccio pulito e non lavato con detersivi tradizionali.

2- Cagliare il latte
Avrete così ottenuto circa 4 litri di latte di soia: rimettete il latte nella pentola e fate bollire per circa 10 minuti.
Lasciare quindi riposare il latte e portarlo alla temperatura di 80°, ve ne accorgerete perché smetterà di fumare.
Nel frattempo, sciogliere il nigari in una tazza di acqua tiepida, aggiungere questa soluzione al latte: fatelo in in 3 tempi, aspettando qualche istante e mescolando tra un’aggiunta e l’altra.

3- Formazione e lavaggio del tofu
Il latte inizierà ora a cagliare, è l’ora di dare la forma al tofu. Se avete in casa le classiche formine da ricotta utilizzate quelle, altrimenti procedete come segue.
Foderare un colino di garza, versare dentro la cagliata e chiudere i lembi della garza su se stessa. Ponete un peso sopra al panetto e fatelo scolare per circa 30 minuti.
Trascorso tale tempo, mettere il panetto, liberato dalle garze, in acqua fredda per 15 minuti.
Il tofu è pronto per la tua ricetta vegan o vegetariana!

4- L’okara
La purea di fagioli che avrete separato all’inizio non si butta. Si può utilizzare come fertilizzante, ma anche come base di dolci, torte salate, polpette.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × tre =