Stitichezza in gravidanza? Ecco i rimedi naturali
La stitichezza in gravidanza è un disturbo che affligge molte donne. Ecco i rimedi naturali a base di piante ed erbe terapeutiche per combatterla in modo sicuro e senza effetti collaterali

La stitichezza in gravidanza è la diretta conseguenza delle metamorfosi sul piano chimico, fisico e ormonale che interessano il corpo della donna durante i nove mesi di gestazione. In particolare è proprio l’alterazione del normale funzionamento del sistema gastrointestinale a comportare il disturbo della stipsi. Un disturbo che interessa un’alta percentuale di donne e che si aggrava in quelle che già ne soffrono normalmente. La stipsi deve essere contrastata e preferibilmente non con i farmaci che possono comportare effetti collaterali incidendo sulla salute della donna incinta e sul feto. L’ideale sarebbe procedere con l’assunzione di erbe e piante medicinali che rappresentano dei rimedi naturali sicuri ed efficienti. Grazie alla loro azione lassativa e antinfiammatoria aiutano a contrastare la peristalsi e ad espellere le feci in modo naturale.

 

STITICHEZZA IN GRAVIDANZA: LE CAUSE
La causa principale della stitichezza in gravidanza è da ricondurre all’aumento di un ormone importante, il progesterone soprattutto nel primo trimestre. Se da un lato il progesterone è fondamentale per controllare le contrazioni uterine e rilassare i muscoli dell’utero per far si che possa ospitare la crescita del feto, dall’altro rende più lenti i movimenti della peristalsi. I muscoli dell’intestino, essendo più rilassati del solito, hanno più difficoltà a condurre le feci per tutto il tratto intestinale. A contribuire al mal funzionamento dell’intestino è anche il peso che l’utero gravido comprime sul suo tratto finale. Man mano che va avanti la gravidanza, l’utero cresce e lo schiaccia raggiungendo il massimo volume negli ultimi tre mesi quando anche la presenza e il fastidio della stitichezza è alta.
Se a tutte queste cause aggiungiamo anche lo stile di vita cambiato con poco movimento fisico, aumento di peso e dieta variata, allora possiamo comprendere del perché una donna incinta presenta più difficoltà di evacuare le feci.

 

STITICHEZZA IN GRAVIDANZA: RIMEDI NATURALI
Di seguito vengono proposti diversi rimedi naturali che sono utili per combattere la stipsi durante i mesi della gravidanza. Si tratta di fibre solubili alimentari che devono essere accompagnate da una considerevole quantità di acqua. La particolarità di queste fibre ad alto peso molecolare è che contengono mucillagine. Una sostanza che proprio a contatto con l’acqua crea un gel che lubrifica le feci e le aumenta di volume. Rese più morbide non si ha nessuna difficoltà di espulsione. Ecco quindi i principali lassativi naturali che riescono a pulire l’intestino e aiutano la donna gravida a regolare la sua normale funzione intestinale senza effetti negativi sul feto.

 

SEMI DI PSILLIO
Questi semi derivano dalla pianta del Psillio ed è conosciuto come un lassativo naturale ricco di mucillagine e con proprietà antinfiammatorie. Le mucillagini sono delle sostanze di una consistenza gelatinosa che aiuta le feci ad essere più morbide e quindi ad eliminarle più facilmente. Allo stesso tempo sono capaci di ripulire tutte le pareti dell’intestino. Con l’assunzione di questi semi, Immergete un cucchiaio dei semi di psillio per circa un’ora in una tazza con dell’acqua. Una volta che hanno rilasciato tutte le loro proprietà nutritive potete ingerirli. Preferibilmente a digiuno la mattina. Questa operazione la potete fare anche con dello yogurt.

 

GLUCOMANNANO
Questa fibra naturale è di origine giapponese e viene ricavata dalla pianta erbacea che appartiene al gruppo delle Aracee. Anche il glucomannano è a base di mucillagine e quindi è utile assumerlo con del liquido per favorire ancora di più il suo rigonfiamento nell’intestino. Basta assumere tra i 3 e i 4 gr di sostanza al giorno.

 

MALVA
E’ una pianta dalle mille potenzialità. Non solo è un lassativo naturale ma svolge un’azione antinfiammatoria e idratante. Può essere assunta preparando un decotto fatto con delle foglie di malva immerse in infusione in acqua e poi messe a bollire sul fuoco. Prima di berlo è consigliato filtrare la bevanda. E’ ideale per un’assunzione da parte sia delle donne gravide che per i bambini e gli anziani.

 

MANNA
Si tratta di una linfa estratta dalla corteccia degli alberi tra cui il Frassino. Ha un’azione lassativa e contribuisce a regolare l’attività intestinale e a rinfrescarlo. La manna in polvere può essere assunta tra i 20 ai 50 gr mescolati in un liquido come l’acqua o il latte.

 

TAMARINDO
E’ un albero tropicale conosciuto anche come “dattero dell’India” ad alte potenzialità lassative. Anche in questo caso siamo in presenza di una sostanza naturale che è ricca di mucillagini. Lo si trova facilmente in commercio anche sotto forma di sciroppo. E’ consigliato assumerne una piccola quantità, 10 ml, diluita in acqua.

 
Attenzione: Queste informazioni sono esclusivamente di carattere informativo. Non vogliono e non devono sostituire le indicazioni del medico al quale vi esortiamo di affidarvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + uno =