Spugne naturali dall’Asia alla Sardegna
Da una disavventura commerciale e un po? di testardaggine, le spugne di luffa artigianali di Laura Meloni, prodotte nell’orto e lavorate nel laboratorio di famiglia

Spugne naturali, spugne di luffa ipoallergeniche e biodegradabili ottenute dalla “luffa cylindrica”, una pianta della famiglia delle zucche. Succede in Sardegna, dove questa pianta originaria dell?Asia tropicale ha trovato un habitat ideale.
«Tutto è iniziato 15 anni fa – racconta Laura Meloni – quando a mio marito Marcello è stato proposto di coltivare un ettaro di luffa nella sua azienda agricola. Il raccolto è stato molto abbondante ma non è stato mai ritirato né pagato. Ci siamo ritrovati quindi con una montagna di ortaggi che a malapena conoscevamo». Con un po? di testardaggine e tanti sacrifici hanno provato a trasformare questa situazione spiacevole in qualcosa di positivo.
Negli anni hanno realizzato pouff, materassini, presine, cuscini, sottopentole, ma la loro produzione principale sono le spugne per il corpo e per la casa, che vendono a erboristerie, farmacie, negozi di prodotti naturali e a gruppi d?acquisto.
«La spugna vegetale è composta di fibre naturali e biodegradabili, si può lavare in lavatrice con il resto del bucato. Inoltre non trattiene il sapone, si sciacqua facilmente e asciuga in fretta. E? perfetta per l?igiene personale, sul corpo è delicatamente esfoliante e aiuta la circolazione. Senza dimenticare la pulizia della casa, compresi piatti e pentole antiaderenti. Noi la usiamo anche per lavare l?automobile!».Spugne naturali, spugne di luffa ipoallergeniche e biodegradabili ottenute dalla “luffa cylindrica”, una pianta della famiglia delle zucche. Succede in Sardegna, dove questa pianta originaria dell’Asia tropicale ha trovato un habitat ideale.

«Tutto è iniziato 15 anni fa – racconta Laura Meloni – quando a mio marito Marcello è stato proposto di coltivare un ettaro di luffa nella sua azienda agricola. Il raccolto è stato molto abbondante ma non è stato mai ritirato né pagato. Ci siamo ritrovati quindi con una montagna di ortaggi che a malapena conoscevamo». Con un po’ di testardaggine e tanti sacrifici hanno provato a trasformare questa situazione spiacevole in qualcosa di positivo.

 

Da allora ogni anno Marcello coltiva la luffa e Laura la trasforma nel laboratorio nato nel cortile della loro casa di Samassi, nella provincia del Medio Campidano. «Si semina a inizio primavera e con la maturazione la polpa del frutto si modifica e, da morbida e commestibile diventa fibrosa e spugnosa. Da settembre può iniziare il raccolto: tutto viene fatto a mano. Di fatto la sua produzione è interamente biologica (anche se non certificata), in quanto non usiamo nessuna sostanza chimica. Ha bisogno solo di acqua, sia per crescere che per essere lavorata. E la lavorazione è interamente manuale: uso mani, forbici e macchina da cucire».

 

Negli anni hanno realizzato pouff, materassini, presine, cuscini, sottopentole, ma la loro produzione principale sono le spugne per il corpo e per la casa, che vendono a erboristerie, farmacie, negozi di prodotti naturali e a gruppi d’acquisto.
«La spugna vegetale è composta di fibre naturali e biodegradabili, si può lavare in lavatrice con il resto del bucato. Inoltre non trattiene il sapone, si sciacqua facilmente e asciuga in fretta. E’ perfetta per l’igiene personale, sul corpo è delicatamente esfoliante e aiuta la circolazione. Senza dimenticare la pulizia della casa, compresi piatti e pentole antiaderenti. Noi la usiamo anche per lavare l’automobile!».

Spugne Vegetali di Laura Meloni – Via Garibaldi 41, Samassi (Cagliari) – www.spugnevegetali.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + nove =