Risparmio energetico: la guida pratica per risparmiare in casa
Rispettare l’ambiente e risparmiare è semplice come spegnere un interruttore. Tanti semplici consigli per risparmiare sulle bollette di casa

Crisi di coscienza ambientale o economica? È il momento giusto per migliorare il vostro risparmio energetico. Basti pensare che in Europa ben il 40% dei consumi energetici è speso per gli edifici abitativi e ad uso ufficio. Tutto “materiale” per ridurre sprechi, emissioni e spese! Oggi Stile Naturale vi guida in piccole soluzioni green per ridurre i consumi (ed i costi) della bolletta elettrica.
Regola generale?
All’acquisto di nuovi prodotti  scegliete quelli a certificazione migliore: Classe A o superiore per elettrodomestici e lampadine, certificazione Energy star (ad es. per il PC) o Ecolabel e in generale, confrontate i consumi!
Ma partiamo da esempio concreti (e attendiamo i Vostri sulla nostra pagina fb).


COME RISPARMIARE IN CASA
: LA GUIDA PRATICA

ILLUMINAZIONE. Argomento ovvio direte voi? Vediamo quanto! Le lampadine. Oltre che alla classe energetica, avete mai posto attenzione alla potenza? Sceglietela in base alle reali esigenze. E il posizionamento delle lampade? 4 punti luce da 20 watt agli angoli della stanza produrranno una illuminazione maggiore rispetto a una lampada centrale da 100 watt. E ora che lampadario scegliamo? Niente schermature con plafoniere o applique. Saranno ben gradite superfici chiare o meglio che rifrangano la luce come l’alluminio. Se avete poi luoghi (garage, cantine, scantinati) dove passate saltuariamente, inserite una accensione a timer o con sensore. Finito? Non proprio! Ricordatevi periodicamente di spolverare le lampadine, altrimenti potreste perdere fino a 1/3 dell’efficienza.
E poi ricordate che la luce del sole è gratis quindi posizionate tavoli e postazioni  lavoro vicino a finestre ben illuminate (senza oscurarle con pesanti tendaggi) per avere un’ottima illuminazione a costo zero.

ELETTRODOMESTICI. Controllata la classe energetica sceglieteli dimensionati alle reali esigenze.
Fornelli e frigo devono stare lontani, anzi quest’ultimo è meglio posizionarlo nell’angolo più fresco di cucina, evitando sistemi ad incasso. Visto che ci siete, lasciate uno spazio adeguato alla ventilazione rispetto al muro. La temperatura ideale all’interno è tra i 3 e i 5° e evitate di inserire cibi caldi. Lo “sforzo energetico” altrimenti sarebbe notevole. Congelate prodotti solo quando è necessario, preferite cibi che si conservano “nature” e ricordate di chiudete gli sportelli! Magari facilitatevi scegliendo modelli col “richiamo” sono e, visto che ci siete, controllate che siano no frost.
Lavatrici e lavastoviglie? Utilizzatele solo a pieno carico: la funzione di “mezzo carico” non significa mezzo consumo! L’orario da preferire è tra le 19 e le 8 del mattino, o il fine settimana. Evitate il prelavaggio e l’asciugatrice (l’aria è gratis).


COME RISPARMIARE IN CASA: GEO & GEO

CALDO. In estate ovviamente fa caldo. in questi casi gli antichi suggerimenti della nonna sono i migliori: tenete le serrande sprangate durante le ore più calde per poi aprirle all’alba e al tramonto sperando nella visita di una brezza rinfrescante.
Chi non riuscisse a proteggersi dalla calura con un salutare e gratuito ventaglio né con un più comodo ventilatore e ricorresse ai climatizzatori, dovrà ricordarsi di impostare temperature che non differiscano di oltre 2/3 c° da quella interna. I reali benefici infatti li porta l’attività di deumidificazione e il vostro impianto sarà molto meno energivoro.
Tende, sia esterne che alle finestre, permetteranno poi un minor ingresso dei raggi solari.

APPARECCHI ELETTRICI vari ed eventuali (TV, PC, macchina del caffè, boiler ecc.) vanno tenuti accesi solo il tempo necessario all’utilizzo. Consumano molto sia in stand-by (circa il 10%) che da spenti. È sempre bene quindi utilizzare interruttori esterni (ad es. le cd “ciabatte”), magari col timer per le ore di sicuro inutilizzo.

RISPARMIO ENERGETICO:


ULTIME RACCOMANDAZIONI

Effettuate manutenzioni periodiche: sia quelle che potete fare voi (come pulizia di filtri, grate di ventilazione e turbine) sia quelle degli specialisti. Un apparecchio che funziona bene è più efficiente e consuma meno energia.
Dotatevi di piccole soluzioni green, magari grazie all’energia solare come caricatori per il cellulare da mettere sul davanzale della finestra o segna-passi per i viali del vostro giardino, senza dover portare la corrente. Un tocco di fashion-green niente male, no?
A fine anno controllate i consumi per verificare gli effettivi risparmi. Visualizzare i vantaggi ambientali ed economici vi aiuterà a fare sempre meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − tre =