Propoli: le migliori cure fitoterapiche

Propoli: tutte le virtu’! Alla fine della stagione della raccolta dei pollini le api, più o meno da agosto a ottobre si danno un gran daffare per proteggersi dall’inverno. Per fare questo alle api apposite, le bottinatrici, viene affidato il delicato compito di raccogliere la resina dai germogli di foglie e cortecce di albero per trasformarle – grazie alla secrezione digestiva – in propoli e con questa “sigillano” e proteggono l’alveare. Le ingegnose api così non solo proteggono prima della deposizione delle uova la loro regina, ma creano il miglior prodotto antibiotico e antibatterico che mai sia stato inventato.

LE TANTE QUALITÀ
La propoli in soluzione idroalcolica al 10-20% è in grado di inibire lo sviluppo di vari ceppi batterici, quali Escherichia coli, Proteus vulgaris, Mycobacterium tuberculosis, Bacillus alvei, Bacillus subtilis, numerose salmonelle, stafilococchi, streptococchi, Corynebacterium diphtheriae.
I costituenti maggiormente implicati nell’attività antimicrobica sono, oltre l’olio essenziale, i flavonoidi (tra l’altro questa categoria di composti ha un ruolo chiave nel rinforzare il sistema immunitario), in particolare galangina, pinocembrina e crisina, e gli acidi clorogenico, caffeico e benzoico.
Al suo interno anche moltissimi principi attivi fra cui i flavonoidi, le aldeidi aromatiche, i polifenoli i fenolacidi i derivati dell’acido benzoico, i derivati dell’acido cinnamico e i terpeni. Oltre a questi all’interno di questo prodotto straordinario anche cere, resine, balsami, pollini, grassi e steroli, aminoacidi, polisaccaridi, oligoelementi (calcio, ferro, rame, cobalto, nichel, zinco, silicio, vanadio e titanio), vitamine del gruppo B e provitamina A.

COSA CURARE
L’azione batterica della propoli si esercita attraverso i principi attivi anche in combinazione con i comuni antibiotici. Grandi risultati ad esempio contro lo Streptococcus aureus e l’Escherichia coli. Come antimicotico agisce grazie alla pinocembrina e la pinobankina, in azione combinata e sinergica con l’acido caffeico e p-cumarato di benzile; le sperimentazioni hanno dimostrato ed evidenziato proprietà fungicide su infezioni da Candida (albicans, tropicalis, …), su saccaromiceti, tricofiti e microspori che causano micosi sulla pelle.
Come antivirale la sua azione è da ricercarsi soprattutto nei componenti idrosolubili. Inibisce bene sull’Herpes simplex e il Corona virus, ma anche su ceppi virali dell’influenza A e B, della parainfluenza 1-2-3, dell’adenovirus e virus respiratori.
E come se non bastasse, la propoli è in grado di stimolare il timo – la ghiandola preposta alla regolazione del sistema ormonale ed immunitario nel periodo della pubertà – attivare il metabolismo delle cellule ed incrementare la loro scissione arrivando a raddoppiarne il ritmo (questo spiega come la propoli agisca sulla guarigione delle ferite, accelerandone il decorso).
E’ anche coadiuvante in tutte le infiammazioni della cute e delle mucose, anche in quelle con produzione di pus; è utile anche per i disturbi metabolici correggendo gli alti valori di lipidi nel sangue ed è considerato anche un valido antiallergico. Insomma, è questo il prodotto più grandioso che la natura offra.

PROPOLI: FORMULAZIONI IN COMMERCIO ED INDICAZIONI TERAPEUTICHE

Le forme farmaceutiche in commercio sono numerose, ma le più frequentemente utilizzate sono l’estratto idroalcolico, o tintura, (10-40 gocce, 2-3 volte al giorno); l’estratto secco (1 o 2 capsule da 200mg per 2-3 volte al giorno); tavolette masticabili (1 per 3 volte al giorno); l’estratto glicolico per uso esterno, quindi creme, unguenti, lozioni, spray e colluttori.
Una buona tintura di propoli dovrebbe contenere dal 50 al 70% di propoli.
Questi prodotti vengono utilizzati per diverse problematiche, quindi si può affermare che la propoli è un fitoterapico che offre un valido aiuto nella cura di svariate sintomatologie.

MALATTIE OTORINOLARINGOIATRICHE
(infiammazioni di bocca e faringe; raffreddori, sinusiti, tonsilliti ed otiti)

MALATTIE DELLE VIE RESPIRATORIE
(riniti allergiche e bronchiti acute e croniche)

MALATTIE DEL TRATTO DIGERENTE

(gengiviti, alitosi, afte, mal di denti, ascessi dentari, ulcere gastriche e duodenali);

MALATTIE DELL’APPARATO UROGENITALE
(nefriti; cistiti; infiammazioni dell’uretra, della prostata, della vagina);

MALATTIE DELLA PELLE 

(psoriasi, herpes labiale, foruncoli, acne, ferite purulente di difficile guarigione, ustioni e scottature solari);

FERITE E CONTUSIONI

DISTURBI METABOLICI
(es. ipercolesterolemia);

DEFICIT DEL SISTEMA IMMUNITARIO
(profilassi contro malanni di stagione e recidive di malattie infettive).

LEGGI ANCHE

 

 

One response to “Propoli: le migliori cure fitoterapiche

  1. Oh my goodness! Amazing article dude! Thanks, However I am experiencing difficulties with your RSS.
    I don’t understand why I can’t join it. Is there anyone
    else having the same RSS problems? Anybody who knows the answer
    can you kindly respond? Thanks!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 + 13 =