Marmellata di ciliegie: come farla passo dopo passo
Come ottenere una buona marmellata di ciliegie? Dalla scelta delle ciliegie alla sterilizzazione dei barattoli, ecco tutte le fasi della preparazione

Cosa c’è di meglio che conservare un po’ di estate in un barattolo di marmellata di ciliegie? Vediamo insieme come fare passo dopo passo.

INGREDIENTI PER LA MARMELLATA DI CILIEGIE

Avrete bisogno di:

1 kg di ciliegie snocciolate

500 gr zucchero (in misura della metà del peso della frutta snocciolata)

succo di un limone piccolo

pentolone dai bordi alti

cucchiaio di legno

barattoli in vetro da sterilizzare

PREPARAZIONE DELLA MARMELLATA DI CILIEGIE

Per preparare una buona marmellata di ciliegie è più che mai opportuno scegliere dei frutti succosi e di media misura, altrimenti il risultato potrebbe essere una marmellata difficilmente spalmabile.

LAVARE LE CILIEGIE

marmellata di ciliegie lavaggio

Avendo trovato le ciliegie adatte, le si pongono in una ciotola per lavarle, poi in uno scolapasta per scolarle ed infine stese su un panno per asciugarle.

SNOCCIOLARE LE CILIEGIE

marmellata di ciliegie snolocciolatURA

Poi con pazienza si prende una ciliegia dopo l’altra per togliere il gambo ed il nocciolo, preferibilmente senza utilizzare il coltello ma semplicemente con le mani: sarà più faticoso ma ne varrà la pena!

COTTURA

marmellata di ciliegie COTTURA

A questo punto scegliete una pentola dai bordi alti, adatta a contenere il quantitativo di ciliegie a disposizione. Ponete le ciliegie nella pentola e cuocete a fuoco lento, aggiungendo esclusivamente il succo di un limone e mescolando la frutta con un cucchiaio di legno.

Dopo circa venti minuti aggiungete lo zucchero in misura della metà del peso della frutta snocciolata: quindi se le vostre ciliegie snocciolate pesano 1 kg, aggiungete 500 gr di zucchero.

Continuate a mescolare; eventualmente potete mixare il composto direttamente nella pentola con un frullatore ad immersione per rendere la marmellata più fluida. Se in superficie si forma della schiuma procedete con la ramaiola per toglierla.

Per controllare il grado di cottura sarà sufficiente versare un cucchiaino di composto su un piattino ed attendere che si raffreddi: se inclinando il piatto la marmellata non scenderà, vorrà dire che il lavoro sarà terminato. Spegnete dunque il fornello e versate la marmellata nei vasetti precedentemente sterilizzati, chiudeteli bene e capovolgeteli sul tavolo attendendo che si rafreddino e si formi il sottovuoto.

STERILIZZARE I BARATTOLI PER LA MARMELLATA DI CILIEGIE

I barattoli in vetro ed i loro coperchi devono essere sterilizzati in acqua bollente per la conservazione delle marmellate. È possibile disporli a questo proposito in una pentola dai bordi alti foderata con stracci puliti: sistemate i vasetti di vetro all’interno con l’apertura rivolta verso l’alto e con degli stracci tra l’uno e l’altro affinché non si tocchino e non si rompano urtandosi. Riempite la pentola con l’acqua fino a ricoprire tutti i barattoli. Fate bollire l’acqua, poi abbassate il fuoco e lasciate i barattoli ancora per mezz’ora. Dopo 20 minuti di “cottura” unite anche i coperchi. infine, dopo 30 minuti, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Poi asciugate i vasetti e i coperchi o facendoli scolare capovolti oppure in forno acceso al minimo. Quando saranno asciutti, ma ancora caldi, usateli per metterci dentro la marmellata di ciliegie calda.

COME CONSERVARE LA MARMELLATA DI CILIEGIE

Una volta aperti i barattoli, si consiglia di conservare la marmellata di ciliegie in frigo e di consumarla entro una settimana. Senza dubbio, sarà un ottimo ingrediente per iniziare la giornata, spalmandola su una fetta di pane a colazione, o per preparare golose crostate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 5 =