Sei fiori da seminare nell’orto per la lotta biologica
Il vostro orto pullulerà di vita se insieme alle orticole e aromatiche seminerete anche dei fiori sgargianti che attirano le api e tengono lontani dal nostro cibo parassiti: ecco un esempio di lotta biologica

I lavori nell’orto riprendono come scrivevamo in questo articolo; sappiamo anche quanto sia importante, per salvaguardare la biodiversità, creare delle aiuole salva api ed insetti impollinatoi. Queste aiuole sono caratterizzate dalle molte specie di fiori che possiamo seminare o trapiantare: in generale avere dei fiori nell’orto, in giardino o sul balcone rimane un gesto da fare perché abbellisce l’ambiente in cui viviamo, perché i fiori sono simbolo della vita che rinasce e perché i fiori fanno bene agli animali, alle nostre verdure aumentandone la produzione e al nostro umore.

NEWSLETTER 1

Chi di voi non si è stupito vedendo i primi giacinti spuntare dalla terra ancora fredda dell’inverno e regalarci quel profumo inebriante? O le solari primule che ci annunciano che l’inverno è ormai alle porte?
Insomma, i fiori sono un dono del cielo e come tale abbiamo il diritto di seminarne ovunque!
Ci sono, poi, dei fiori speciali che si prestano in modo particolare per essere seminati o trapiantati nell’orto: scopriamo quali sono.

LEGGI ANCHE: TUTTO SULLE COCCINELLE PER LA LOTTA BIOLOGICA

coccinelle
TUTTO SULLE COCCINELLE ALLEATE DELLA LOTTA BIOLOGICA

IL TAGETE NELL’ORTO
I tagetes sono delle piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Asteraceae, che hanno origine dal Messico e che possono  essere sia di tipo annuale che perenne.
Alcune varietà, i tagetes erecta e i tagetes petula, sono perfette per contrastare parassiti come i nematodi e permettere la crescita migliorata di alcune tipologie di verdure dell’orto. Sono indicate vicino al pomodoro, al basilico e ai fagioli, ma non scontentano nessuna orticola.
La varietà dei colori del tagete, dal giallo all’arancio passando per il rosso carminio, lo fa essere un fiore molto bello e decorativo, simile alle margherite ma molto più ricco di petali: la sua crescita è  rapida ma non va oltre i 15 cm; se sistemati a distanze adeguate, formano dei piccoli cespugli tondeggianti, ottimi per angoli e bordure.
La loro fioritura si protrae da maggio fino a ottobre a seconda della temperatura.
Si possono seminare, ma consigliamo l’acquisto in piantino e il trapianto in piena terra nel mese di maggio.

stile naturale promo

LA SEMINA DEL TAGETE

La semina del Tagete si effettua tra marzo e aprile. Importante farlo in cassone, oppure in piccoli vasetti. Il tutto deve essere effettuato in ambiente protetto, in serra dove si mantengano i 18 gradi. Per chi non ha una serra riscaldata può farlo in casa provando ad utilizzare i vasetti da semina con terriccio universale abbondantemente bagnato. Porre due o più semi distanziati per vasetto. Chiudere i vasetti con pellicola trasparente e tenerli in prossimità del termosifone e in luogo luminoso, senza mai aprire la plastica. Il microclima caldo umido che si creerà aiuterà la radicazione. Una volta che vedrete spuntare i cotiledoni (le prime due foglie), togliere la plastica e tenere bagnata la terra ma non fradicia sempre vicino ad una fonte di calore e luminosità (va benissimo una finestra senza tende). Tenere sempre in casa fino a quando in esterno non si siano raggiunti i 18 gradi.

LE ZINNIE NELL’ORTO 

La bella zinnia è una pianta erbacea annuale anch’essa proveniente dal Messico. Si utilizza per creare aiuole e bordure decorative, piace molto agli insetti impollinatori.
Si semina in semenzaio in febbraio, mentre la messa a dimora avviene in aprile-maggio, possibilmente in piano sole, quando ritrova i climi caldi del suo paese di origine. Fiorisce da giugno a ottobre.

NASTURZIO (Trapaeolum majus) 

Ecco una delicata rampicante annuale, regina dell’orto: buono anche da mangiare in insalata, il nasturzio si abbina perfettamente al pomodoro, ma anche ai fagioli, poiché tiene lontani gli afidi.
Fiorisce da giugno ad ottobre e non ha problemi particolari né di temperatura né di irrigazione: da trapiantare nell’orto in maggio, fine aprile in mezzo alle varie orticole!

CALENDULA 
Le accese corolle della calendula (Calendula officinalis) faranno apparire il vostro orto bellissimo, soprattutto se faranno compagnia al tagete e al nasturzio. La calendula scoraggia l’insediamento dei nematodi nel terreno. In più i petali della calendula sono ottimi per dare colore ad insalate e minestre.

ALTRI FIORI 
Nell’orto sono indicati anche la pianta del tanaceto (Tanacetum vulgare) contro afidi, cimici, dorifora e formiche: si pianta tra le file degli ortaggi come una gialla sentinella. Anche l’erba gatta (Nepeta cataria) è efficace contro afidi, crisomelidi e cimici, da posizionare sul bordo delle aiuole.

SCOPRI LE OFFERTE DEL NEEM IDROSOLUBILE PER LA LOTTA BIOLOGICA

neem-idrosolubile-
NEEM IDROSOLUBILE PER L’ORTO E IL GIARDINO

LEGGI ANCHE

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × uno =