L’energia pulita per sterilizzare i bisturi

Convertire l’energia solare in elettricità a basso costo per sterilizzare strumenti medici. Capteur Soleil è il dispositivo sviluppato da un team di ricercatori della Rice University di Houston in Texas che sarà in grado di  alimentare un autoclave per sterilizzare pinze, bisturi e quant’altro sfruttando energia pulita. Nato per fornire energia solare a basso costo nei paesi in via di sviluppo e nelle aree non coperte dalla rete adesso dopo essere stato approvato dal FDA (l’agenzia del farmaco americana) Capteur Soleil potrà contribuire a salvare vite umane sfruttando energia pulita.

Il prototipo usato per i test si è dimostrato in grado di mantenere il contenitore a una temperatura di 131 gradi Celsius per 30 minuti come richiesto dagli standard previsti dal Centers for Disease Control and Prevention, l’agenzia federale del governo USA che si occupa di tutelare la salute pubblica.
Durante i test nell’autoclave assieme agli strumenti sono state messe alcune spore e un pollice d’acqua. Dopo essere state esposte al vapore e tenute in incubazione per 24 ore le spore sono risultate negative alla crescita biologica, la prova che il dispositivo funziona correttamente.

L’apparecchio essendo in grado di convertire facilmente e senza grossi investimenti l’energia del sole in elettricità è stato pensato per esportare energia rinnovabile nei paesi in via di sviluppo e in tutte quelle aree altamente svantaggiate dove non esiste la rete elettrica.
Capteur Soleil è stato inventato dal professor Jean Boubour, ed è composto da un letto di specchi curvi che captano i raggi solari e riflettano il calore verso un tubo in acciaio dentro il quale scorre acqua. Il calore che viene focalizzato sul tubo creal del vapore acqueo che viene poi usato come energia per svolgere vari compiti.  Ad esempio Capteur Soleil per anni è stato usato per alimentare un piano cottura su cui si può cucinare di tutto: riso, patate, fagioli, verdure e persino la carne. Purtroppo però non è ancora in grado di fornire abbastanza calore per scaldare l’olio per le fritture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 10 =