L’abbigliamento intimo dermocompatibile: la scommessa vinta di H-earth

Dal distretto tessile di Prato ecco la storia, un?azienda italiana che ha saputo riconvertirsi per far fronte alla crisi e alla concorrenza dei prodotti stranieri, puntando tutto sull’ecologia e la sostenibilità. La T.S.G. è una piccola azienda familiare che l’imprenditore Emiliano Santi oggi conduce assieme a suo padre, producendo la linea di abbigliamento intimo H-earth fatto con tessuti naturali e dermocompatibili costituiti principalmente con fibra di amido di mais, fibra di legno fibra di bambu’. Il lavoro si avvale anche della collaborazione della biologa Silvia Bulgarelli

Dal distretto tessile di Prato ecco la storia, un’azienda italiana che ha saputo riconvertirsi per far fronte alla crisi e alla concorrenza dei prodotti stranieri, puntando tutto sull’ecologia e la sostenibilità. La T.S.G. è una piccola azienda familiare che l’imprenditore Emiliano Santi oggi conduce assieme a suo padre, producendo la linea di abbigliamento intimo H-earth fatto con tessuti naturali e dermocompatibili costituiti  principalmente con fibra di amido di mais, fibra di legno e FIBRA DI BAMBU’

Il progetto che oggi Emiliano porta avanti con l’indispensabile aiuto della biologa Silvia Bulgarelli  è nato dall’incontro avvenuto nel 2005 con un altro imprenditore pratese: l’ambientalista Marco Benedetti. Emiliano aveva intuito che per far sopravvivere un prodotto italiano occorre puntare su innovazione e qualità e che questo salto di qualità era tecnicamente possibile investendo su un prodotto d’abbigliamento che rispetti la natura e che non si limiti ad essere indossato.

Il benessere di una persona dipende anche da ciò che si indossa e specialmente se è a contatto con la pelle. Per questo i capi naturali H-earth sono tutti dermatologicamente e clinicamente testati e pensati per assicurare alla pelle confort protezione e morbidezza. I capi H-earth sono adatti a chi ama uno stile di vita ecocompatibile, a chi ha problemi di pelle come irritazioni, psoriasi, candida, ma anche coloro che amano lo sport e più in generale qualsiasi persona che voglia provare a farsi coccolare dalla morbidezza  di questi tessuti.

La fibra di amido di mais è una delle materie che sono state usate fin dalle prime sperimentazioni ed ed oggi è un elemento quasi insostituibile dei prodotti naturali H-earth. La fibra di amido è un materiale straordinario per stare a contatto con la pelle perchè oltre ad essere morbida al tatto non irritare l’epidermide, riduce la formazione di batteri e attenua i cattivi odori.  La materia prima proviene da scarti di lavorazione del mais, no ogm che non sono adatti all’alimentazione ed è naturale.

Le altre due materie utilizzate hanno proprietà simili sono la FIBRA DI LEGNO e la fibra di bambù. La prima è una viscosa detta Lenpur, un prodotto ecologico che proviene da risorse rinnovabili. Il Lenpur, viene importato dal Canada, è utilizzato per il rivestimento esterno dei capi. Questo materiale è ecologico in quanto è viene estratto da una potatura dell’abete canadese e quindi  senza abbattere gli alberi. La fibra di legno ha la caratteristica di essere molto porosa e  assorbente. Queste straordinarie proprietà fanno rendono il tessuto traspirante e hanno reso possibile la realizzazione di una linea di abbigliamento tecnico che non ha niente da invidiare ai più diffusi e magari costosi vestiti sintetici. 

L’altra risorsa rinnovabile è la fibra di bambù realizzata con piante provenienti dalla Cina. Questa fibra è altamente ecofriendly e ad impatto zero in quanto la sua produzione non necessita di additivi chimici ed è totalmente biodegradabile e dona ai capi capacità traspiranti, e antibatteriche.
H-earth produce anche linee di prodotti d’abbigliamento ecologico su richiesta, come la linea biomedicale pensata per degenti e personale ospedaliero che sfrutta le proprietà antibatteriche e termoregolatrici delle fibre naturali. Gli indumenti H-earth possono avere anche un’azione cosmetica sulla pelle, grazie a una speciale formula che inserisce i principi attivi di vari estratti naturali nelle fibre del tessuto favorendo un’azione anticellulite sulla pelle 24 ore su 24.

Oggi l’azienda di Emiliano e Silvia è una realtà piccola ma in crescita. Da qualche anno ha iniziato a farsi conoscere sul mercato nazionale partecipando a importanti eventi e fiere di settore come Fa la cosa giusta a Milano ed EcocityExpo a Pisa. Alla T.S.G.  non si riciclano solo i vecchi modelli di fare impresa ma anche i ciò che non serve più: gli scarti infatti vengono dati via ad altre aziende che si occupano di riconvertirli, alimentando l’indotto virtuoso orientato alla sostenibilità.

Per info:h-earth

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici + 6 =