IOricicloTUricicli: 24 progetti per un successo al Fuori Salone
Dopo due straordinarie edizioni cresce al Fuori Salone 2012 il successo dell’evento di eco design più innovativo di tutti i tempi: IOricicloTUricicli

Ventiquattro progetti di design ognuno espressione creativa di singoli o gruppi di lavoro che hanno sperimentato il riciclo di materiali. Un corollario suggestivo e variegato di design sostenibile che nelle giornate espositive ha riscosso un grandissimo consenso. Il tema di quest?anno ?IOricicloTUricicli 3 – c?è la crisi? c?è il design!? ideato e curato dall?Agenzia di Comunicazione Edizioni Eventi Misuraca&Sammarro.
Durante la Design week 2012 il NHOW hotel, location prestigiosa dell?evento nonché cuore di zona Tortona, è divenuto spazio effervescente di un vero e proprio Design Anticrisi!
Eco design, creatività, sperimentazione, sostenibilità, ironia ? ingredienti che ne hanno fatto a tutti gli effetti la mostra più travolgente della Settimana del Design!Ventiquattro progetti di design ognuno espressione creativa di singoli o gruppi di lavoro che hanno sperimentato il riciclo di materiali. Un corollario suggestivo e variegato di design sostenibile che nelle giornate espositive ha riscosso un grandissimo consenso.  Il tema di quest’anno “IOricicloTUricicli 3 – c’è la crisi? c’è il design!” ideato e curato dall’Agenzia di Comunicazione Edizioni Eventi Misuraca&Sammarro.
Durante la Design week 2012 il NHOW hotel, location prestigiosa dell’evento nonché cuore di zona Tortona, è divenuto spazio effervescente di un vero e proprio Design Anticrisi!
Eco design, creatività, sperimentazione, sostenibilità, ironia … ingredienti che ne hanno fatto a tutti gli effetti la mostra più travolgente della Settimana del Design!

I 24 progetti in mostra:
Vecchie scope divengono poetici steli con i vasi “Stork” a firma Sandra Faggiano; sci e tavola da snowboard raccontano “ke storia”, comoda panca di Odvlivingroom; brandelli di lycra si trasformano in un soffice pouf con “Bloom” di Elena Salmistraro. Radicalismo del design elegante e minimale nel progetto di Claudio Cappelletti+Manuel Castellino in cui si assiste alla svolta funzionale di manichette antincendio in “libreria e lampada” (wall\lamp 9487).

Lo spazio espositivo si compone di eccellenti objet trouvè: il “vaso inferno” by ArTWO Lab (da una catena di bicicletta); fino all’“illusion” di Silvia Donato in cui esili sedute divengono elogio alla leggerezza.

L’imperativo è non si butta via niente! così bottiglie creano sculture impensabili grazie all’artista del vetro Bianca Bassi. Lirismo assoluto nell’arazzo “Tappeto sonoro in LAnabemolle” di Tramare e Edilana; delicate e minimal chic le creazioni di FeM Paglia che aprono la sezione critical fashion. Sofisticati ed estremamente cool gli accessori “Edi” di Francesca Ferrara che porta “in passerella” i materiali dell’edilizia.

Non solo stilose collane ma anche ipotesi di decorazioni per pareti e duttili complementi d’arredo per la linea “a Rendere” del trio Claudia D’Aniello, Clarissa Mattei e Marta Pampana che recuperano bunner pubblicitari. Ben due i progetti sociali: Matu Project “message in bottle” a sostegno dei Paesi dei Sud del Mondo e La Casa di Pinocchio “la borsa matassa” realizzata da donne detenute.
Stoffe recuperate rivestono bidoni di plastica componendo un’eclettica seduta a firma Monica Borquez; il colore esplode con la “seduta\mocio” di Alessandro Acerra Hibu e nelle floreali creazioni di Chiara Palermo che fanno di un vecchio cestello della lavatrice, un fantastico pouf. Il legno recuperato è occasione per progettare un caleidoscopico sistema modulare by Dsquadro. Il design è sempre più sostenibile nei progetti di Mauro Fragiotta (termo con alluminio riciclato) e con Emanuele Busato che firma una lampada elegante nel suo minimalismo armonico.

Balle di fieno diventano oggetto raffinato nell’ipotesi d’arredo di Alessandra Fany&Alice Zeni e lamiere di produzione industriale tracciano il profilo di una “luce” etno-chic con Viviana Soligo la Maison Vivì. Ardite e sinuose le forme del cartone nel “cubotto” del gruppo Oon Design e nella “foglia” di Paolo Gentile che firma anche l’ eco-camino Drydesign. Last but not least, lo straordinario e comodissimo progetto “Otari” seduta e tavolo\poggiapiedi by Ateelier2Cè – Art Terre: dal recupero di pvc dal cut-off del settore auto alla realizzazione di un materiale inedito e robusto. Per un design elegante e contemporaneo.

 Info: www.misuracasammarro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =