Il sapone fatto in casa si fa con l’olio usato da cucina
Si chiama ‘Fabbrica del Sapone’ l’invenzione di una studentessa spagnola che concorre allo smaltimento dell’olio usato in modo naturale

Il sapone fatto in casa. Riciclare l’olio usato in cucina oggi è possibile con la “Fabbrica del Sapone”, il primo apparecchio che trasforma l’olio in sapone. Così, per fare il sapone fatto in casa, la giovane iberica Analia Blanco, studentessa all’ Università Cardenal Herrera di Valencia, ha inventato una valida soluzione pratica contro il forte impatto ambientale dato dal cattivo smaltimento dell’olio, che spesso viene gettato nel lavandino di casa, anziché essere consegnato alle ditte specializzate per lo smaltimento. Grazie alla “Fabbrica del Sapone” sarà possibile sbarazzarsi dell’olio usato in modo rapido e pulito, ottenendo sapone adatto anche all’igiene personale.Riciclare l’olio usato in cucina oggi è possibile con la “Fabbrica del Sapone“, il primo apparecchio che trasforma l’olio in sapone. Così, per fare il sapone fatto in casa, la giovane iberica Analia Blanco, studentessa all’ Università Cardenal Herrera di Valencia, ha inventato una valida soluzione pratica contro il forte impatto ambientale dato dal cattivo smaltimento dell’olio, che spesso viene gettato nel lavandino di casa, anziché essere consegnato alle ditte specializzate per lo smaltimento.
Grazie alla “Fabbrica del Sapone” sarà possibile sbarazzarsi dell‘olio usato in modo rapido e pulito, ottenendo sapone adatto anche all’igiene personale.

Basandosi sul processo di realizzazione del sapone fatto in casa il dispositivo sfrutta mezzo litro di olio, unito mezzo litro d’acqua e 80 grammi di soda caustica, attraverso un processo di soli 75 muniti confeziona  un set di ben 10 barre di sapone pronto all’uso.

In questo modo oltre a preservare l’ambiente da un elemento altamente inquinante si potrà godere di un netto risparmio sull’ acquisto di saponi.
“Fabbrica di sapone” fa parte degli oltre 500 progetti provenienti da 18 paesi che sono stati presentati quest’anno all’International Design Competition James Dyson, un concorso il cui obiettivo principale è quello di incoraggiare e motivare i giovani ingegneri e progettisti industriali. Il vincitore internazionale, sarà annunciato l’8 novembre.

 

LEGGI ANCHE

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × uno =