Come riciclare le foglie del carciofo, anche come tisana purificante
Cosa fare delle enormi quantità di foglie di scarto dei carciofi? La buona notizia è che si possono riciclare: in cucina tante ricette a base di foglie di carciofo recuperate

È un vero peccato, ogni volta, produrre assurde quantità di rifiuti vegetali: il carciofo è veramente il Re dello scarto. Ma quello che forse ancora non sapete è che le foglie del carciofo si possono riciclare! Vediamo 4 ricette che ci insegnano a riutilizzare questo prezioso ortaggio che, tra l’altro, aiuta il nostro corpo a purificarsi.

SCOPRI TUTTE LE QUALITA’ DEL CARCIOFO

CARCIOFO
IL CARCIOFO E LE SUE PROPRIETÀ BENEFICHE PER IL FEGATO

1- TISANA PURIFICANTE
Sono ormai conosciute le proprietà diuretiche, depurative del carciofo, questo meraviglioso ortaggio ricco di ferro, potassio, fosforo e calcio.
Del carciofo non si butta via niente, neppure le foglie che sono perfette da utilizzare ad uso interno. Il decotto di foglie è indicato contro l’arteriosclerosi, l’artrite e la gotta; potrete anche lavare il volto con questo decotto purificante e tonificante. Bevete l’infuso di foglie di carciofo, invece, per abbassare il colesterolo nel sangue. L’infuso è anche un ottimo digestivo: aggiungete mezzo limone spremuto e bevete.

SCOPRI TUTTE LE TISANE DEPURATIVE

TISANE DEPURATIVE
TISANE DEPURATIVE, RICETTE PER PURIFICARSI

2 – CONSOMME’ ALLE FOGLIE DI CARCIOFO 

Lessare, per circa dieci minuti, in pentola a pressione le foglie di carciofo con due/tre dita d’acqua e mezzo spicchio d’aglio. Passarle, quindi, al passaverdura per estrarre tutta la polpa che trasferirete in  minuti una pentola: allungare la polpa con brodo vegetale e una patata lessa passata, fate sobbollire per circa 15 minuti e servite con una spolverata di prezzemolo e crostini di pane.

SCOPRI TUTTI GLI USI DELLA SALVIA

SALVIA
SALVIA PER LA SALUTE: TUTTE LE PROPRIETÀ E I BENEFICI

3 – PASTA CON CREMA DI FOGLIE DI CARCIOFO 
Lavate le foglie esterne del carciofo e fatele stufare in padella con olio extravergine di oliva, aglio e acqua per non farle attaccare. Quando sono cotte – diciamo dopo 40 minuti, anche se non cuociono mai completamente, frullatele aggiungendo acqua di cottura dei cuori di carciofo se l’avete, oppure brodo vegetale, fino ad ottenere una crema densa. Aggiustate di pepe e sale. In questa cremina fate quindi saltare la pasta, ben si prestano i fusilli di farro. Servite con una spolverata di gomasio.

4 – Flan di foglie esterne e gambi di carciofo
Ingredienti per 4 persone

  • Foglie esterne e i gambi di 5 carciofi
  • 1 uovo
  • formaggio grattugiato
  • mollica di pane secco, 1 pugno, bagnata nel latte
  • burro
  • sale e pepe

Preparazione
Lavare bene le foglie esterne e i gambi. Cuocerli in pentola a pressione con poca acqua per circa 20 minuti dal fischio. Scolare le foglie e i gambi. Tritare grossolanamente le foglie e i gambi, quindi passarli al passa-verdura. Ottenere una crema a cui unire l’uovo, il formaggio, il pane bagnato nel latte e strizzato, il sale e il pepe. Versare il composto in un’unica terrina, che disporrete in una pirofila riempita d’acqua e infornare a 180° per 30 minuti. In alternativa cuocere nel cestello della cottura a vapore in pentola a pressione per circa 20 minuti. Lasciare intiepidire e sformare sui piatti da portata. Servire con germogli freschi, rape rosse a julienne, valerianella fresca con anelli di cipolla crudi.

NEWSLETTER 1

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − tre =