Erbe selvatiche commestibili da cucinare: ecco le nostre ricette selvatiche
E dopo averle raccolte, cosa preparare con le erbe selvatiche commestibili dei campi di giugno? Ecco per voi delle meravigliose ricette vegetariane a base di borragine

Borragine monamour! Abbiamo parlato qui delle erbe commestibili selvatiche da raccogliere in giugno; ecco allora che oggi vogliamo farvi venire l’acquolina in bocca e darvi qualche idea per cucinarle al meglio.
Buon appetito selvatico!

NEWSLETTER 1

Bruschette con olio aromatizzato di dragoncello
Ingredienti per l’olio aromatizzato
1 litro di olio extravergine di oliva, 5 rametti di dragoncello, 4 spicchi di aglio, 1 peperoncino.
Preparazione dell’olio aromatizzato
Sfogliare il dragoncello e tritare le foglie insieme all’aglio. In un contenitore dalla bocca larga versare l’olio, il trito e il peperoncino.
Lasciare quindi riposare per 1 mese in luogo buio, scuotendo ogni due-tre giorni. Trascorso questo tempo l’olio è pronto: in questa ricetta, l’olio non va filtrato per permettere agli ingredienti di continuare a rilasciare il loro sapore nell’olio.
Preparazione della bruschetta
Arrostire del pane toscano, salare e pepare q.b. la fetta e cospargerla di olio aromatizzato.

Voulevant con salsa di menta e peperone
Ingredienti
2 Peperoni verdi, 10 foglie di menta piperita, 10 pomodori secchi, voulevant.
Preparazione
Frullate i peperoni insieme alla menta e ai pomodori, precedentemente ammollati per circa due ore, fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Riempite i voulevant e infornare per 15-20 minuti a 180 gradi.

Tortelli amari di Castel Goffredo
Ingredienti (per il ripieno)
Erbette (spinaci, foglie di tarassaco), formaggio stagionato grattugiato (pecorino, parmigiano), pane grattugiato, erba di San Pietro, uova, salvia, cipolla, aglio, sale, noce moscata.
Preparazione del ripieno
Cuocere le erbette e macinarle nel macinacarne di media grandezza. Soffriggere nel burro salvia, cipolla, aglio. Aggiungere il soffritto alle erbette macinate ed unire uova, formaggio, pane grattugiato, salvia, cipolla e aglio macinati, noce moscata, sale e uova.
Amalgamare il tutto e in ultimo aggiungere q. b. (circa 1/3 delle erbette totali) di erba amara, macinata cruda.
Preparare la sfoglia di pasta all’uovo tagliata a quadratini di 5 cm, farcire con 8 gr. di ripieno e piegare a triangolo con pinzatura al centro.
Cuocere in acqua salata e servire con una spolverata di buon formaggio grattugiato ed un cucchiaio di burro fuso e salvia croccante.

Conchiglie alla borragine
Ingredienti
400 gr di borragine fresca tra fiori e sommità, 200 gr di pasta a conchiglie, 1 cipolla, 4 cucchiaini di olio di oliva, sale, pepe.
Preparazione
Soffriggere la cipolla tritata finemente nell’olio fino al suo imbiondimento, aggiungere quindi la borragine. Ricoprire di acqua, salate e pepate a piacere, quindi far cuocere per trenta minuti.
A parte, cuocere le conchiglie che ripasserete nel sugo di borragine, aggiungendo a piacere del pecorino stagionato grattugiato.

LEGGI ANCHE: Borragine: il toccasana contro tosse e pelle secca

Pesto di borragine
Ingredienti per circa 200 grammi di pesto
30 gr di fiori e sommità di borragine, 30 gr di noci, 30 gr di erbe aromatiche (2-3 foglie di salvia, rosmarino, origano, timo e santoreggia), 2 spicchi d’aglio, 70 gr di pecorino semistagionato, Olio extra vergine d’oliva, Sale q.b.
Preparazione
Sciacquate i fiori e le sommità della borragine (escludendo le foglie) e le erbe aromatiche; sgusciate le noci; tagliate a tocchetti molto piccoli il formaggio.
In un mixer ponete i fiori, le noci, le aromatiche, l’aglio e il formaggio: mixate tutto fino a ottenere un composto molto fine. Trasferite il pesto in un contenitore di ceramica, vetro o terracotta e condite con sale e olio extra vergine d’oliva.
Se non lo consumate subito, coprite il vostro pesto con olio evo e riponete in frigo dove si conserverà tranquillamente per una settimana.
Il pesto di borragine è ottimo per servire bruschette con pane integrale, come condimento di pasta e cereali, per condire stufati di verdure. In quest’ultimo caso, a cottura quasi avvenuta aggiungete alle vostre verdure un cucchiaio o due (a seconda delle quantità delle verdure) di pesto di borragine.

Sciroppo di menta
Ingredienti
25 foglie di menta, 250 gr di zucchero, 250 ml di acqua, buccia di ½ limone
Preparazione
Lavare e asciugare bene le foglie di menta. Frullare le foglie con metà dello zucchero fino ad ottenere una pappetta. Versarla quindi in un pentolino insieme all’acqua e al restante zucchero e alla buccia di limone grattugiata. Prima di accendere il fuoco, mescolare bene il composto affinché lo zucchero si sciolga.
Cuocere quindi a fuoco basso e spegnere quando inizia a sobbollire: se desiderate uno sciroppo più sodo, fate bollire più a lungo.
Fate riposare lo sciroppo in frigo dalle 4 alle 48 ore.
A questo punto si filtra: sterilizzare accuratamente una bottiglia di vetro facendola bollire per 20 minuti in acqua, porvi sopra il colino e una garza dentro a quest’ultimo: filtrare e strizzare la garza intrisa di sciroppo dentro al colino alla fine dell’operazione.
Questo sciroppo si conserva in frigorifero.

VIDEO TUTORIAL: COME FARE IL SALE AROMATICO CON LE ERBE AROMATICHE


LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 1 =