Depressione in gravidanza : il 40% delle mamme ne soffre (il sondaggio)
Lo staff di Gravidanza Amore ed Emozione, gruppo di supporto per gestanti, neo mamme ed esperti nel settore ha fatto un sondaggio tra le proprie iscritte approfondendo il tema della depressione in gravidanza . Guardiamo i risultati!

Questa settimana abbiamo affrontato il tema, tanto complesso quanto delicato, della depressione in gravidanza e le modalità con cui viene affrontata, con particolare riferimento alle figure scelte per curarla.
Come primo step, ne abbiamo valutato la diffusione, chiedendo alle nostre lettrici se e in quale periodo della gravidanza ne avessero sofferto.
La percentuale di risposte è stata sorprendentemente alta, considerando anche, la delicatezza dell’argomento.

DEPRESSIONE IN GRAVIDANZA: IL SONDAGGIO

Hanno risposto in totale 213 mamme.
Le percentuali non sono particolarmente allarmanti ma comunque rilevanti;

  • Il 40% afferma di non aver mai riportato episodi depressivi di nessun genere;
  • Un altro 40% di averne sofferto, ma in modo sporadico e/o comunque non tanto grave da compromettere la gestione della propria quotidianità.
  • Il 6% ha dichiarato di averne sofferto, ma non durante la gravidanza, riuscendo ad affrontare, questo particolare periodo della vita di una donna, con la serenità che merita.
  • Il 9% invece, afferma di averne sofferto in maniera grave, con ripercussioni rilevanti sulla gestione della propria vita e di conseguenza di quella famigliare.
  • Infine, solo il 5%, contrariamente alle aspettative, ha dichiarato di averla vissuta post-parto, pregiudicando il rapporto con il proprio bambino.

COME HAI CURATO LO STATO DEPRESSIVO?

Concluso il primo sondaggio e stimata la reale diffusione della depressione in gravidanza; abbiamo deciso di analizzare meglio la questione, ponendo l’accento sulle modalità con cui viene curata e soprattutto tramite quali figure di supporto.
Le percentuali di risposta, in questo caso, sono state più basse, probabilmente, anche perché, affermare di essere riuscite a curare la depressione, per chi ne ha sofferto, è sempre un azzardo.
Le risposte sono state 54.

  • Il 39% ha dichiarato di essere riuscita a curarla da sé, facendo leva sulle proprie forze, senza il supporto di nessuno. (Ricordiamo che chiedere aiuto risulta sempre un grosso ostacolo per chi soffre di depressione, la paura di essere giudicati è più forte della voglia di guarire)
  • Il 17% si è affidata, invece, al calore e all’ appoggio di amici e parenti.
  • Il 22% ha dichiarato di aver chiesto aiuto a figure professionali (psichiatri, psicologi) e valutato insieme la terapia più consona al proprio problema.
  • Il restante 22% infine, ha manifestato la difficoltà di combattere il problema in modo definitivo, nonostante tentativi e percorsi terapeutici differenti.

Alla luce dei dati emersi dai nostri due sondaggi e dalle risposte ricevute, abbiamo potuto constatare, che, le percentuali, anche se non elevate, sono comunque un campanello d’allarme e meritevoli ,sicuramente, di una riflessione in merito.
La depressione in gravidanza viene, troppo spesso, declassata e sottovalutata.
È più comodo pensare ad una semplice condizione di malinconia e tristezza, piuttosto che prendere coscienza della reale entità della patologia, in tutta la sua complessità.
Il fenomeno depressivo ha una sintomatologia molto ampia (come ci hanno anche confermato le singole testimonianze delle nostre fan) e diversi livelli di gravità.
Nessuno può vantare di esserne immune, siamo umani, fragili e vulnerabili, ma tutti abbiamo il dovere di riconoscerla come vera e propria malattia, rispettare e comprendere chi ne soffre e soprattutto far riferimento sempre a specialisti nel settore per curarla.
Se soffrire di depressione in gravidanza è facile, soprattutto in un periodo particolare, come può essere la gravidanza nella vita di una donna, guarire è possibile con gli strumenti adeguati forniti dagli specialisti e perché no, l’affetto e la comprensione di chi ci sta vicino.

Informati sulla gravidanza su Gravidanza amore e emozione, il gruppo Facebook delle mamme

 

POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 17 =