Coriandolo per la digestione e l’inappetenza
Il coriandolo è una pianta originaria del Mediterraneo è una pianta di cui si utilizzano sia le foglie che i frutti, granelli simili al pepe, gialli e dal sapore dolciastro che ricorda i limoni.

Le  proprietà del coriandolo sono quelle di essere un eccellente carminativo, antispasmodico e stomachico, per questo è il rimedio d’eccellenza che la natura offre contro le coliche addominali e ogni tipo di difficoltà digestiva. Con il coriandolo si possono preparare eccellenti infusi digestivi dall’aromatico sapore. Bastano due grammi di semi in 100 ml. di acqua bollente per qualche minuto. Bastano due cucchiai dopo i pasti per favorire la digestione e l’eliminazione dei gas.
CONTRO LA FATICA E L’INAPPETENZA
E’ un ottimo stimolante per combattere la fatica e l’inappetenza e favorisce anche l’attività celebrale e il buon funzionamento del sistema nervoso. Ha anche effetto fungicida e antibatterico. Nella medicina popolare, il suo olio essenziale – ricco di linalolo, alcoli, aldeidi, terpeni, flavonoidi e steroli – viene usato come vermifugo ed è componente di lenimenti contro reumatismi e dolori articolari. In profumeria lo si utilizza come aromatizzante, mentre in gastronomia e nel mondo dei liquori viene ampiamente utilizzato.

Può interessarti: ACIDO FOLICO anche per l’inappetenza

acido-folico-sorriso

FEBBRE E MAL DI TESTA

Le proprietà del coriandolo erano conosciute fin dai tempi di Plinio il vecchio che consigliava di metterne alcuni semi sotto il cuscino per prevenire febbre e mal di testa.
E’ una pianta dai poteri così strani che influenza anche le altre piante. Non tutti sanno ad esempio che, se lo si pianta vicino al finocchio questi ne soffrirà nella crescita mentre se gli si mette vicino l’anice questa ne trarrà forza.
CORIANDOLI DI CARNEVALE
Curioso sapere che da essa prendono nome quei pezzetti di carta colorata che per tradizione si lanciano per Carnevale. Nel XV secolo durante i festeggiamenti si lanciavano invece confetti che spesso consistevano in semi di coriandolo glassati. Nei secoli questi dolcetti di zucchero si sono trasformati fino a diventare i dischetti di carta che oggi conosciamo e che hanno preso il nome dalla spezia.

CONTROINDICAZIONI
Il fatto che sia largamente utilizzato anche in cucina, sia in foglie che in frutto, non deve lasciare intendere che sia privo di possibili effetti collaterali. Comunemente a tutti i rimedi naturali nonostante sia generalmente ben tollerato può causare intolleranze e allergie in alcuni soggetti sensibili. Il coriandolo non dovrebbe comunque essere assunto in concomitanza con farmaci chimici che già regolano le funzionalità di stomaco e intestino per il rischio di moltiplicarne gli effetti, così come è da evitarsi in contemporanea con neurostimolanti, ansiolitici e psicofarmaci.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + quattro =