Come risparmiare sul prezzo del carburante in sole 9 mosse

Come risparmiare il carburante il 9 mosse. Caro-benzina … sentire pronunciare questa parola in questo periodo fa rabbrividire gli italiani. Se anche voi da tempo state meditando seriamente di dire addio alla vostra automobile per paura di finire sul lastrico, ma purtroppo non potete rinunciare ad usarla per motivi di lavoro, sappiate che esistono molti trucchi per diminuire la spesa sul prezzo del carburante .

Caro-benzina: sentire pronunciare questa parola in questo periodo fa rabbrividire gli italiani. Se anche voi da tempo state meditando seriamente di dire addio alla vostra automobile per paura di finire sul lastrico, ma purtroppo non potete rinunciare ad usarla per motivi di lavoro, sappiate che esistono molti trucchi per diminuire la spesa sul prezzo del carburante .
Stile Naturale ha scovato infatti per voi una serie di accorgimenti per permettervi di risparmiare carburante fino al 40% sul carburante. Con questi semplici consigli riuscirete a risparmiare tra i 200 ed i 300 € all’anno per le vetture a benzina e sino a 270 euro per i mezzi a gasolio.

Come risparmiare il carburante il 9 mosse

1 Regolare il proprio stile di guida
Ad incidere sul risparmio del carburante è sicuramente il nostro stile di guida preferire una guida fluida e lineare, oltre a salvare la vostra vita, vi permette di ottenere un risparmio pari al 30% della spesa annua. Questo significa premere sull’accelleraratore in maniera graduale viaggiando sempre ad una velocità moderata evitando decellerazioni brusche, così da non far andare su di giri il motore inutilmente.
Vi consigliamo di impostate una velocità di crociera da mantenere il più a lungo possibile, controllandola per i primi chilometri ed evitando sgassate e partenze a razzo una delle cause maggiori di spreco del carburante.

2 Scegliere la marcia giusta

Uno dei primi rudimenti che vengono insegnati a scuola guida è quello che la macchina è dotata di cinque marce, allora perchè non utilizzarle tutte? Ricordare infatti una delle regole base per risparmiare benzina è quella di passare al momento opportuno alla marcia superiore.
Le marce andrebbero regolate in modo da mantenersi tra i 1600 ed i 1800 giri al minuto, in questo modo il consumo cala del 20% circa, sembra infatti che mantenere basso il numero di giri del motore è una delle abitudini di guida più efficaci per risparmiare sul consumo di carburante.
Attenzione: non viaggiate troppo giù di giri altrimenti otterete l’effetto contrario.

3 Fai il pieno nelle “pompe bianche”
L’ultimo consiglio per risparmiare carburante, ma non il meno importante individuate nelle vostre città le cosidette “pompe bianche” quelle prive di marchio. Avere una conduzione autonoma dell’impianto permette la riduzione dei costi di gestione influendo sul prezzo finale della benzina, si potrà risparmiare anche 5-6 centesimi al litro e considerando un consumo di 100 litri al mese il risparmio è pari a circa 72 euro l’anno. Sul sito del Codacons è possibile trovare la mappa delle pompe bianche presenti in Italia.

4 Spegnere il motore durante le soste prolungate
Quante volte ci capita di incontrare quel semaforo che sembra durare un’infinità? Evitate assolutamente di rimanere in sosta con il motore acceso, questa pratica rappresenta infatti una delle principali cause del consumo di carburante, spegnendo il motore riuscirete a risparmiare fino al 30% per cento.
Ovviamente questa regola vale anche quando vi trovate nel bel mezzo di un ingorgo, sembra un’osservazione banale ma quando la vettura è ferma non serve tenere il motore acceso. A guadagnarci sono solamente i benzinai.

5 Una manutenzione corretta dell’automobile
Tenere sotto controllo lo stato di funzionamento della propria vettura, effettuando una manutenzione periodica, rappresenta uno dei segreti per contenere il consumo di carburante.
Fondamentale badare alla pressione dei pneumatici, basandovi sul valore prescritto all’interno del libretto dell’auto, regolate la pressione considerando che dei pneumatici sgonfi hanno un maggiore attrito con l’asfalto agendo come elemento frenante al moto della vettura. E’ buona norma controllare questi valori almeno ogni due settimane, ricordando di dare un’occhiata anche alla convergenza dell’auto dal gommista.
A contribuire al consumo del carburante anche avere un filtro dell’aria intasato o l’olio lubrificante troppo vecchio entrambe infatti comportano uno sforzo maggiore al motore consumando un 10-15% in più sul totale.
Cercate quindi di pianificare un check up della vettura ogni anno recandovi nella vostra autofficina di fiducia.

6 Evitare di caricare la macchina
Spesso scambiamo il portabagagli dell’auto con uno sgabuzzino infilandoci oggetti inutili che incrementano solo il peso della vettura. Dovete pensare invece che ogni chilo in meno vi farà risparmiare molti euro in carburante.
Maggiore è il peso portato e maggiore è il consumo di benzina, quindi smontate porta-pacchi e  porta-sci che penalizzano fortemente l’aerodinamicità dell’automobile, riposizionarli al bisogno al massimo vi farà solamente specare qualche minuto.
Lo stesso vale per il numero di persone a bordo: evitando di portare passeggeri al di fuori di quelli previsti otterrete un vantaggio economico che può arrivare perfino al 30%.

7 Non abusare del climatizzatore
Il climatizzatore rappresenta sicuramente una grande invenzione pronta a donarci un po’ di sollievo in macchina durante la stagione estiva, ma sappiate che il suo utilizzo comporta un aumento di consumo del carburante del 20%. E’ necessario quindi non abusarne troppo, evitando di preferirlo al classico finestrino o al tettuccio apribile.

8 Un aiuto arriva dalla tecnologia

Sbagliare strada, oltre a farvi perdere tempo, vi farà sprecare anche molta benzina ad aiutarvi nel trovare la giusta soluzione a questo tipo di problema è sicuramente l’acquisto di un navigatore satellitare. Una spesa che viene affrontata una sola volta e che andrà ad essere ammortizzata evitando di perdersi per gli anni a venire.
Il navigatore satellitare inoltre riuscirà a fornirvi informazioni sulle condizioni della viabilità e del traffico in tempo reale, individuare la strada migliore è uno dei passi razionali per risparmiare carburante.
Mentre se possedete una vettura di ultima generazione ad aiutarvi nel risparmio di carburante sarà il computer di bordo. Il quadrante visualizza su un display il consumo di carburante nel mezzo. Tenere d’occhio questo dato mentre si guida aiuta a migliorare le proprie performance di eco-guida ed evitare gli sprechi.

9 Muoviti con il car sharing
Una pratica da prendere in considerazione per contribuire al risparmio del carburante e ridurre l’inquinamento ambientale è sicuramente quella del car sharing. Condividere un’automobile con un gruppo di persone, spesso avviene tra vicini di casa o colleghi di lavoro, questo permette di dividere le spese per la benzina e la manutenzione del mezzo.
Se non desiderate mettere a disposizione la vostra vettura potete adottare la formula del car sharing utilizzando un mezzo in affitto. Ogni comune fornisce questo servizio, la prenotazione è riservata ai maggiori di 21 anni con un almeno un anno di patente, in media il costo è di 100 euro all’anno.
Importante: All’interno dell’auto in affitto è proibito fumare, non si devono trasportare animali, il serbatoio deve essere pieno per almeno un quarto e la macchina va riconsegnata nello stesso parcheggio in cui è stata prelevata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 13 =