Come fare in casa il Vermut con soli 3 euro e 10 centesimi
Vermut: la storica bevanda da aperitivo è facilmente autoproducibile in casa propria. Ecco una ricetta che parte dai campi per arrivare nelle nostre case

Il Vermut, il liquore delle famiglie italiane, inventato da un italiano e conosciuto con il nome di Martini Bianco, il vermut è un liquore dolce e storico: e come tutti i liquori, la sua base è un’erba, l’Artemisia Vulgaris. Il sostituto industriale ha ingredienti di sintesi, aromi e sciroppi: ha perso, quindi, la sua aura benefica e medicinale.
Ma la buona notizia è che il vermut si può fare in casa propria. Ed è anche più economico.

Il costo di una bottiglia di Martini Bianco è, infatti, intorno ai 10 euro
.
Il costo del vermut autoprodotto:
Foglie di Artemisia Vulgaris: 0 euro, si raccolgono in mezzo ai campi (prima di utilizzare le erbe raccolte informatevi sempre presso gli istituti competenti sulla loro validità, ndr);
1 litro di vino rosso del contadino: circa 2 euro;
1 bicchiere di grappa di qualità medio-alta: circa 0,80 centesimi di euro;
1 bicchiere di zucchero: 0,10 centesimi di euro;
1 stella di anice: 0,10 centesimi di euro;
Totale: 3,10 euro

E allora vediamo insieme la ricetta dell’aperitivone nazionale.

Ingredienti

  • 1 pugno abbondante di foglie di artemisia vulgaris
  • 1 litro di vino rosso
  • 1 bicchiere di grappa
  • 1 bicchiere di zucchero
  • 1 stella di anice

Lasciare le foglie nel vino a macerare per cinque giorni, trascorsi i quali filtrate. Aggiungere al liquido ottenuto la grappa, lo zucchero, l’anice stellato e tenere a macerare per altri sette giorni.
A questo punto non vi resta che filtrare di nuovo e riporre il vostro vermut in una bottiglia di vetro. Conservatela in frigorifero per evitare problemi di fermentazione.

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo hanno solo scopo informativo,  per tanto l’Editore  non è  responsabile dell’uso  improprio e di eventuali danni morali e materiali che possano derivare dal loro utilizzo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × due =