Strage di pipistrelli: negli Usa morti 1 milione di esemplari

Un fungo sta mietendo vittime tra i pipistrelli americani. Lo ha reso noto il U.S. Fish and Wildlife Service che ha deciso di iniziare un’indagine di 90 giorni per capire se le due specie di pipistrelli colpite sono da considerare a rischio.
Il fungo scoperto nel 2006 è all’origine della cosiddetta sindrome del naso bianco poiché fa comparire sul naso dei pipistrelli colpiti delle macchie bianche sul muso e sulle ali.
La malattia ha ucciso fin’ora più di un milione di esemplari.
In particolare le specie più colpite sono due appartenenti alla famiglia dei vespertilionidi il Myotis leibii il più piccolo pipistrello d’America  e Myotis septentrionalis detto anche pipistrello dalle  lunghe orecchie.
Intanto le agenzie che si occupano della protezione della fauna selvatica hanno preso provvedimenti per arrestare l’epidemia incluso vietare l’accesso alle caverne dove vivono questi mammiferi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − sei =