Sintomi gravidanza: segnali e falsi allarmi
Ci sono molti “ sintomi gravidanza ” che, ancor prima di fare il test o un’ecografia, possono far sospettare una gravidanza in atto, vediamo quali sono e come affrontarli al meglio

I “ sintomi gravidanza ” sono alcuni dei continui segnali che il nostro corpo in generale ci invia per farci comprendere il nostro stato di salute. Questi però devono essere correttamente interpretati per comprenderne il vero significato ed evitare falsi allarmi. Non tutte le gravidanze sono uguali e molti sintomi percepiti da una gestante potrebbero non manifestarsi in un’altra. Tuttavia ci sono dei segnali che, qualora si presentassero, potrebbero essere il segnale di gravidanza in atto, o, al contrario, potrebbero essere falsi allarmi. Rimane ovviamente certo il fatto che solo con un test di gravidanza o un’ecografia ginecologia possono confermare la presenza di una gravidanza.

  • SINTOMI GRAVIDANZA: SEGNALI E FALSI ALLARMI
    Ci sono molti “ sintomi gravidanza ” che, ancor prima di fare il test o un’ecografia, possono far sospettare una gravidanza in atto, vediamo quali sono e come affrontarli al meglio
    I “ sintomi gravidanza ” sono alcuni dei continui segnali che il nostro corpo in generale ci invia per farci comprendere il nostro stato di salute. Questi però devono essere correttamente interpretati per comprenderne il vero significato ed evitare falsi allarmi.
    Non tutte le gravidanze sono uguali e molti sintomi percepiti da una gestante potrebbero non manifestarsi in un’altra. Tuttavia ci sono dei segnali che, qualora si presentassero, potrebbero essere il segnale di gravidanza in atto, o, al contrario, potrebbero essere falsi allarmi. Rimane ovviamente certo il fatto che solo con un test di gravidanza o un’ecografia ginecologia possono confermare la presenza di una gravidanza.
  • SINTOMI GRAVIDANZA PRIMI GIORNI
    Fra i primi sintomi di gravidanza che ogni donna può avvertire c’è la sensibilità verso determinati odori. Si sente tutto e anche quelli che fino al giorno prima erano profumi possono risultare sgradevoli. Tutto ciò ha una causa precisa: la crescita dell’ormone estrogeno.
    Altro sintomo è la spossatezza e stanchezza. Anche salire le scale o una semplice passeggiata può diventare difficilissima e il sonno sembra rapirvi, anche ciò a causa degli innalzamenti ormonali che possono causare anche un mal di testa insistente e repentini sbalzi d’umore.
  • SINTOMI GRAVIDANZA PRIMA SETTIMANA
    Ogni donna avverte subito, fin dalla prima settimana, i cambiamenti che sta facendo il suo corpo per prepararsi alla gestazione. Il seno si fa gonfio e doloranti mentre i capezzoli cambiano colore facendosi più scuri e diventando particolarmente sensibili.
    Fra i cambiamenti del corpo una conseguenza sgradevole è la comparsa di un sempre più frequente mal di schiena, nella parte bassa della colonna, fastidio questo che ahimè, molto spesso accompagna molte donne per tutta la gravidanza. Altro sintomo che poi sarà compagno dei nove mesi è il frequente stimolo a fare pipì a causa dell’ingrossamento dell’utero che va sempre più a comprimere la vescica.
  • SINTOMI GRAVIDANZA PRIMO MESE
    Tante donne durante il primo mese iniziano ad avere molta fame, specie di alcuni cibi particolari e anche questa condizione può durare per tutta la gravidanza. Sensazione questa che spesso si accompagna anche a bruciori di stomaco e improvvisa stitichezza.
    Nel primo mese compare anche il sintomo per eccellenza: la nausea spesso accompagnata anche dal vomito. Fortunatamente, nella maggioranza dei casi questo sintomo scompare quasi sempre dopo il primo trimestre.
    Alcune donne durante il primo mese possono ritrovarsi a dover affrontare anche la spiacevole sensazione di capogiri e senso di svenimento. Salire le scale e alzarsi all’improvviso può dare forti vertigini a causa della compressione dell’utero sulle arterie delle gambe. Infine durante il primo mese importante è l’aumento della temperatura corporea a causa del rilascio dell’ormone hCG.
  • SINTOMI GRAVIDANZA PERDITE
    Piccoli crampi uterini confusi coi sintomi premestruali e un leggero sanguinamento di colore rosato o marrone non paragonabile a una mestruazione sono sintomi di gravidanza. Sono le perdite definite spotting, segnale dell’annidamento, ovvero il momento in cui avviene l’impianto dell’embrione nella parete uterina.
    L’impianto è processo molto delicato con pochissimi sintomi spesso non percepiti ma notati solo a posteriori quando cioè la gravidanza è già stata confermata.
  • PERIODO FERTILE
    Il periodo fertile è importante da conoscere specie se siamo alla ricerca di un bimbo. Coincide con l’ovulazione e di solito si verifica 14 giorni prima delle mestruazioni anche se non tutte le donne hanno cicli regolare di 28 giorni.
    Riconoscere quindi i giorni intorno al quattordicesimo come quelli più fertili significa essere più sicuri di ottenere una gravidanza se la si cerca avendo rapporti in quei giorni, oppure di evitare di averne se non si cerca una gravidanza.
  • SINTOMI GRAVIDANZA EXTRAUTERINA
    La gravidanza extrauterina è una situazione molto pericolosa. E’ la condizione in cui l’embrione si annida al di fuori dell’utero: nella tuba di Falloppio, nelle ovaie, nel collo dell’utero e a volta anche nelle cavità addominali ed è condizione rara.
    All’inizio della gravidanza i sintomi sono assenti, ma con il procedere, oltre all’assenza di ciclo e agli altri normali sintomi può comparire dolore al basso ventre emorragie vaginali, svenienti, nausea, vomito e tachicardia.
    In presenza di questi sintomi è importante rivolgersi subito il medico per poter intervenire immediatamente in quanto la gravidanza extrauterina è, come accennato, situazione molto pericolosa che può mettere in pericolo di vita la donna provocando infezioni anche gravi.
  • L’AMENORREA
    L’amenorrea, ossia l’assenza di mestruazioni é il più significativo tra i sintomi in gravidanza , soprattutto in quelle donne che hanno un ciclo regolare. Va ricordato, tuttavia, che anche quando c’é una gravidanza in atto possono manifestarsi delle perdite di sangue, che non sono però da ricondurre ad una mestruazione ma all’impianto dell’embrione nell’utero, infatti la loro consistenza e durata é molto inferiore rispetto a quelle del flusso mestruale.
  • TENSIONE MAMMARIA
    La tensione mammaria, chiamata anche turgore mammario, é caratterizzata da un ingrossamento e indurimento del seno, dolore ed irritabilità ai capezzoli, maggior evidenza delle vene, scurimento dell’areola mammaria. Già dopo cinque settimane, inoltre, sul capezzolo potrebbero cominciarsi a vedere dei piccoli rilievi, i cosiddetti “tubercoli di Montgomery”, ossia ghiandole che secerneranno una sostanza lubrificante e disinfettante durante l’allattamento.
    Questi segnali cominciano a manifestarsi nelle prime settimane di gravidanza. La tensione mammaria potrebbe essere tuttavia confusa con la sindrome premestruale anche se, tendenzialmente, qualora essa sia dovuta a sintomi in gravidanza é molto più dolorosa rispetto alla tensione da ciclo.

LEGGI ANCHE: I RIMEDI PER I SINTOMI GRAVIDANZA

test sintomi gravidanza
QUALI SONO E I RIMEDI NATURALI PER I SINTOMI GRAVIDANZA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • LA NAUSEA
    Il 50% delle donne in gravidanza soffre di nausea e vomito: sono infatti i “ sintomi gravidanza ” più comuni.La nausea, accompagnata da uno sgradevole sapore amaro in bocca e da una maggiore sensibilità olfattiva, non va confusa dalle normali nausee da malessere che ci si trova spesso ad avvertire nella quotidianità. La nausea é causata dall’aumentare dell‘ormone beta HCG che il corpo comincia a produrre già dopo una settimana dal concepimento e quindi prima della mestruazione attesa: la nausea può essere avvertita intorno alla sesta settimana della gravidanza e quindi circa dopo una settimana dal ritardo, anche se molte donne l’avvertono anche qualche giorno prima della mestruazione. Ci sono donne, invece, che non soffrono di alcuna nausea.

 

LEGGI ANCHE: LA NAUSEA COME DEBELLARLA

MAGNESIO
MAGNESIO: CONTRO CRAMPI, NAUSEA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • LA SENSIBILITA’ AGLI ODORI
    Tra i “ sintomi gravidanza ” si può annoverare, come detto poco fa, anche una maggiore sensibilità olfatti. Questo sintomo si manifesta attraverso un fastidio nei confronti di un odore a cui si é abituati o che addirittura si é ritenuto sempre gradevole, fino a provare, talvolta, un vero senso di nausea. In genere sono episodi a cui non si presta molta attenzione perché sono segnali di breve durata, tuttavia se il loro manifestarsi é frequente potrebbe essere molto fastidioso e quindi tale da essere notato.
  • LE VOGLIE E I SINTOMI GRAVIDANZA
    Insieme alla sensibilità agli odori, tra i sintomi in gravidanza riscontrabili fin da subito vi sono le cosiddette voglie, ossia sia repentine sensazioni di disgusto verso cibi che tendenzialmente si consumano con piacere, sia frequenti desideri di cibi che invece non si consumano abitualmente. A differenza della sindrome premestruale, in cui vi é un maggior desiderio per alimenti dolci, la gravidanza induce a consumare alimenti salati e aciduli, soprattutto per chi soffre di nausee, fermo restando che le voglie possono manifestarsi semplicemente come aumentata ed improvvisa voglia di qualsiasi cibo.

 

LEGGI ANCHE: QUALI ERBE IN GRAVIDANZA

gravidanza
TISANE DRENANTI, QUALI ERBE SONO VIETATE IN GRAVIDANZA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • LA FREQUENZA AD URINARE PIU’ SPESSO
    Nonostante il bisogno frequente di urinare sia una caratteristica tipica del terzo trimestre di gravidanza, talvolta tale esigenza può manifestarsi anche tra i primi sintomi in gravidanza.La minzione frequente é riscontrabile infatti sia già alcuni giorni prima della mestruazione, sia a partire dalla sesta settimana di gravidanza in poi. Tale bisogno é dovuto al rigonfiamento dell’utero che si sta preparando ad accogliere l’embrione e che quindi, ingrandendosi, pesa sulla vescica.
  • LA PESANTEZZA ADDOMINALE
    È uno tra i “ sintomi gravidanza ” difficilmente distinguibile dalla sindrome premestruale.
    La pesantezza addominale si manifesta attraverso tensione addominale e gonfiore, dovuti ai cambiamenti ormonali che si sviluppano con l’impianto dell’embrione nell’utero. Spesso tale sintomatologia é accompagnata dalla stitichezza che é più facilmente rintracciabile qualora si é regolari.
  • AUMENTO DELLA TEMPERATURA
    Qualora la temperatura sia monitorata sin dall’inizio del ciclo, é possibile avvertire un aumento della temperatura, uno dei sintomi in gravidanza più costante dell’avvenuto concepimento.

 

L’aumento della temperatura, il cui valore massimo é di circa 37°, é infatti permanente a partire dalla seconda metà del ciclo fino ai giorni successivi del ritardo. L’innalzamento della temperatura é dovuto all’aumento della secrezione del progesterone, necessario per mantenere il corpo luteo dopo il concepimento.

 

  • LA STANCHEZZA
    Tra i “ sintomi gravidanza “ più comuni, ma del tutto equivocabile, vi é la stanchezza e sonnolenza, avvertibili già dai primi giorni di ritardo del ciclo mestruale. Tale sintomo potrebbe essere infatti equivocabile poiché é lo stesso sintomo che si avverte durante l’incubazione di un’ influenza o altre infezioni. Tuttavia, se si tratta di stanchezza da gravidanza, questa é destinata a concludersi nel corso del primo trimestre, dopo il quale si avvertirà, al contrario, una grande energia.

NEWSLETTER 1

 

 

 

 

 Alla stesura dell’articolo ha collaborato Nadia Fondelli

LEGGI ANCHE:

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 + sei =