Come autocostruire un semenzaio nell’orto
Sei idee per autocostruire un semenzaio da balcone o da orto tradizionale, tanti spunti per riciclare materiali impensati e far crescere i propri germogli

Il periodo è perfetto per seminare, ma la terra è ancora troppo fredda soprattutto al nord. Può, quindi, essere una buona idea quella di autocostruire un semenzaio in casa propria, adatto sia per orto sul balcone che per orto in terra. Ecco sei idee per semenzai a partire da materiale riciclabile o che sfruttano zone della casa impensate.

SEMENZAIO FAI DA TE CON ROTOLI DI CARTA IGIENICA

Anche i rotoli di carta igienica possono essere riutilizzati, sono infatti perfetti per realizzare un piccolo semenzaio autocostruito, adatto per l’orto sul balcone.
Si recupera una scatolina di plastica con coperchio (come quelle dei pomodori ciliegia che si trovano al supermercato) dove dovremo riporre almeno 6 rotoli di carta igienica, del compost maturo e del terriccio. Si miscelano due parti di terriccio e una di compost maturo e si inserisce la miscela dentro il rotolo di carta igienica che avremo adagiato dentro la scatola di plastica; si riempie per i 2/3, quindi si semina e si copre con altra miscela. Bagnare con uno spruzzino le superfici, quindi chiudere il coperchio: controllare ogni giorno se l’umidità rimane costante, altrimenti spruzzare ogni due giorni circa.
Il vantaggio di questo semenzaio è che, una volta arrivato il momento del trapianto, che sia in vaso o in terra, possiamo prendere il rotolo di carta igienica con il germoglio e trapiantarlo: il cartone è un materiale organico che andrà a compostarsi e arricchire il terreno.

SEMENZAIO FAI DA TE NEI CONTENITORI DELLE UOVA

I contenitori delle uova si possono utilizzare come semenzai: si bucano sul fondo, quindi si riempiono per i 2/3 di terriccio misto a compost (2:1), si semina e si copre il seme. Quindi spruzzare delicatamente in modo da non far muovere il seme, chiudere la scatola e controllare ogni giorno che l’umidità sia costante. È importante porre la scatola in luogo soleggiato.

SEMENZAIO NELLA VERANDA DI CASA

Bella la veranda! Spesso però utilizziamo questo spazio non al meglio: secondo la progettazione in permacultura, la veranda è uno spazio margine tra l’interno e l’esterno dove possiamo fare tante cose! Una di queste è il semenzaio: questo spazio ricco di luce riflessa e amplificata dai vetri sprigiona calore, un importante elemento per far germogliare bene e velocemente i semi.
Possiamo allora costruire delle mensole ai vetri della veranda e posizionarvi dei contenitori recuperati nei quali avremo seminato.
Se decidiamo di creare un semenzaio in veranda dobbiamo, però, ricordarci di areare almeno una volta al giorno per circa 1 ora, altrimenti potrebbero appassire i germogli appena nati per mancanza di aria.

SEMENZAIO FAI DA TE ALLE FINESTRE

Lo stesso principio della veranda di casa vale anche per le finestre: potrete porre i contenitori recuperati, nei quali avrete seminato, sul davanzale interno della finestra, creando dei ganci sospesi o utilizzando delle ventose per attaccare direttamente sulla finestra i contenitori.
Una volta che il germoglio sarà spuntato, la finestra non sarà sufficiente per farlo crescere in modo omogeneo; difatti la luce della finestra arriva al germoglio solo da una direzione, mentre esso ne ha bisogno in tutte le sue parti.

LEGGI ANCHE: TUTTO SULLE COCCINELLE PER LA LOTTA BIOLOGICA

coccinelle
TUTTO SULLE COCCINELLE ALLEATE DELLA LOTTA BIOLOGICA

SEMENZAIO AUTOCOSTRUITO CON BOTTIGLIE DI PLASTICA RICICLATE

Le bottiglie di plastica possono essere riciclate per trasformarle in dei comodi semenzai da balcone.
Si taglia a metà la bottiglia e si buca sul fondo la parte sottostante; quindi vi si praticano due buchetti laterali dove andremo a posizionare del filo che servirà per legare la bottiglia alla balconata o dove meglio crediamo. La parte superiore della bottiglia può essere scocciata sotto la parte superiore in modo da contenere l’acqua in eccesso e creare un circuito di umidità.
Si riempiono quindi i contenitori con terriccio e compost per i 2/3, si semina con cura coprendo il seme; a questo punto andremo a legare le bottiglie al balcone o dove abbiamo spazio, spruzzandole ogni due giorni o ogni volta ve ne sia bisogno.

SEMENZAIO FAI DA TE NELLE CASSETTE DELLA FRUTTA DI LEGNO O PLASTICA

Procuratevi una cassetta qualsiasi di plastica o legno, al mercato o in un supermercato qualunque non dovreste avere problemi. Se non avete terra da mettere nelle cassette, allora acquistate un buon terriccio possibilmente specifico per semenzai; altrimenti prendere un po’ di terra da riporto e mischiatela con della sabbia. Riponete il terriccio nella cassetta, 10 cm di profondità andranno benissimo. Spargete quindi i semi che dovranno essere coperti solo con qualche mm di terra: una volta seminato ricordatevi di mettere dei bastoncini con etichette con il nome dell’ortaggio prescelto. Quindi bagnate con il getto a pioggia avendo cura di non spostare i semi.
Riponete la cassetta in un luogo soleggiato, coprite con un telo di plastica o carta da cucina per mantenere l’umidità: annaffiate ogni due giorni valutando, però, il clima della vostra zona e l’effettivo bisogno del terriccio.
Per realizzare questo semenzaio è possibile scegliere anche dei contenitori di polistirolo da bucare sul fondo.

LEGGI ANCHE

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =