Come sarà la casa del III Millennio

Dal 4 al 20 dicembre, Prato: La casa del III Millennio – Etica dell’abitare, nuova estetica del vivere. Come sarà la casa del terzo millennio? Per scoprirlo basta visitare la mostra allestita da Cna artigianato, in collaborazione con enti e istituzioni locali, nell’Urban Center (Palazzo Pacchiani) di Prato. Fino al 20 dicembre è possibile visitare le tre sale espositive, dedicate alle tre “R” della sostenibilità: il Risparmio in fase di produzione e nell’impiego dei materiali, il Riciclo di materie prime o di scarti di produzione, il Riuso e la flessibilità funzionale dei complementi d’arredo. a terza edizione de “La Casa del III millennio” è dedicata al tema “Etica dell’abitare, nuova estetica del vivere”. La mostra, curata dall’architetto Salvatore Re in collaborazione con il collega olandese Frits Van Dongen, raccoglie i 12 migliori progetti tra i 120 presentati al concorso di idee per un nuovo modo di abitare etico, e successivamente sviluppati con le aziende durante un workshop. L’obiettivo è incentivare imprese e designer a trovare soluzioni alternative per l’arredo e per i singoli componenti, affinché siano durevoli, di qualità artigiana e realizzati con gli scarti delle produzioni. Accade così che nel padiglione dedicato al riciclo, ci sia una poltrona-pouf ottenuta con gli avanzi della lavorazione tessile e un complemento d’arredo formato da t-shirt. Nella casa del III millennio anche il bagno è ecosostenibile: in mostra un monoblocco che contiene in un paio di metri doccia, lavabo e wc, e permette di risparmiare circa 40 litri d’acqua al giorno, riciclando quella per lo scarico del water. “Le nostre aziende – ha detto Anselmo Potenza, presidente di Cna artigianato pratese – hanno realizzato prodotti artigiani all’avanguardia sul fronte del “riuso, riciclo e risparmio”, mixando la creatività dei progettisti con l’abilità di chi realizza opere con le proprie mani”. In mostra anche un bio-box, padiglione multisensoriale con giardini verticali, realizzato in collaborazione con l’Istituto nazionale di bioarchitettura. In concomitanza con la mostra sono previsti incontri nella sala conferenze dell’Urban Center.

Agata Finocchiaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − quattro =