Radicali liberi: dove trovare gli antiossidanti naturali
Muesli, goji, kiwi e cioccolato sono solo alcuni alimenti che ci aiutano a combattere l’invecchiamento e le malattie causate dai radicali liberi. Scopriamo tutte le ricette per utilizzarli al meglio


Fu il ricercatore Denham Harman nel 1956 a dare per primo la colpa dell’invecchiamento ai radicali liberi, considerati causa di una serie di problemi come aumento di peso e perdita di capelli. Ma cosa sono i radicali liberi? I radicali liberi sono specie chimiche altamente instabili: si tratta di un atomo o una molecola cui manca un elettrone che, per trovare il proprio equilibrio, prende l’elettrone mancante ad un altro atomo causando però la nascita di un altro radicale libero, e così via, in un processo chiamato “ossidazione a catena”.

NEWSLETTER 1

I radicali liberi infatti reagiscono con qualsiasi molecola si trovi in loro prossimità, danneggiandola e compromettendone la funzione. Se un radicale libero reagisce con una specie non radicalica può perdere o guadagnare elettroni o unirsi alla molecola stessa: ad ogni modo, la specie non radicalica si trasforma in un nuovo radicale, innescando appunto una reazione a catena che si ferma soltanto quando due radicali si incontrano.
LA BARRIERA ANTIOSSIDANTE NATURALE
La produzione di radicali liberi è dovuta principalmente all’ossigeno: impossibile dunque fermarla del tutto, essendo un evento fisiologico. Anche per questo, i sistemi viventi hanno sistemi di difesa endogeni in grado di proteggere le biomolecole strutturali e funzionali fermando il potere dannoso dei radicali liberi.

LEGGI ANCHE: SEMI DI GIRASOLE OTTIMI ANTIOSSIDANTI

semi_di_girasole
I SEMI DI GIRASOLE: I GUSTOSI ANTIOSSIDANTI

Una sorta di “barriera antiossidante”, in assenza della quale i radicali liberi reagirebbero rapidamente con le biomolecole fondamentali per la vita, come proteine, DNA e lipidi, provocando gravi danni cellulari e perfino la morte delle cellule stesse. Il problema però è che la produzione di radicali liberi può essere stimolata anche da fattori esterni: fumo, inquinamento atmosferico, raggi ultravioletti, alcool sono ad esempio alcuni fattori che ci indeboliscono e aumentano la produzione di radicali liberi. Se l’equilibrio tra radicali liberi e antiossidanti viene meno, vengono compromesse le funzioni di cellule e tessuti: una situazione che è associata a molte patologie croniche come diabete, cancro malattie neurodegenerative e disturbi cardio-circolatori.
COME CONTRASTARE I RADICALI LIBERI?
Cosa possiamo fare dunque per aiutare il nostro organismo a contrastare i radicali liberi?

LEGGI ANCHE: ORIGANO COME ANTIOSSIDANTE

ORIGANO
ORIGANO: L’ANTIBIOTICO NATURALE RICCO DI ANTIOSSIDANTI

Come prima cosa, possiamo rivedere la nostra alimentazione, assicurandoci di assumere alimenti che contengono antiossidanti (in particolare flavonoidi, polifenoli, vitamine) che proteggono la salute della vista, del cuore e dei vasi sanguigni, oltre a migliorare la circolazione. In questo modo sarà possibile prevenire l’invecchiamento e mantenere i tessuti sani.

 

 

 

MUESLI DI BACCHE DI GOJI CONTRO I RADICALI LIBERI
Definite in Oriente “frutto della vitalità”, le bacche di Goji sono un concentrato di antiossidanti in grado di aiutarci a migliorare la salute dei tessuti e prevenire malattie legate alla pelle.

LEGGI ANCHE: BANCHE DI GOJI TUTTI GLI USI

bacche di goji
BACCHE DI GOJI PER MANTENERSI IN SALUTE

Inoltre, aiutano a proteggere la vista e sono conosciute per le loro proprietà antinfiammatorie. Un’idea, potrebbe essere quella di assumerle a colazione, ad esempio in un muesli costituito da fiocchi d’avena, uvetta, mirtilli rossi e frutta secca.

 

 

 

 

 

KIWI, ANTIOSSIDANTE CONTRO I RADICALI LIBERI
Grazie alla presenza di polifenoli e vitamina C, il kiwi è uno dei frutti più adatti per contrastare i radicali liberi. Inoltre, ha ottimi effetti sull’intestino e sull’apparato respiratorio, aiuta a rinforzare le difese immunitarie ed è un ottimo rimedio contro la stanchezza grazie alla presenza di minerali come fosforo, calcio e potassio.
UNA BARRETTA DI CIOCCOLATO FONDENTE PER CONTRASTARE I RADICALI LIBERI
Per la gioia di grandi e piccini, anche il cioccolato è un alimento che ci aiuta contro i radicali liberi, in quanto ricco di flavonoidi: regola la pressione sanguigna e il colesterolo.

LEGGI ANCHE: ROSA CANINA TUTTI GLI USI

ROSA CANINA
LA ROSA CANINA: PROPRIETÀ, USO, STORIA E MARMELLATA

In particolare, quello fondente contiene molti antiossidanti ed è sempre preferibile scegliere quello con minore presenza di zuccheri raffinati e con maggiore contenuto di cacao.
SPREMUTA DI ARANCIA E POMPELMO COME ANTIOSSIDANTE
Con l’arrivo del freddo, assumere agrumi come arancia, pompelmo e limone è ancora più importante: grazie alle vitamine che contengono ci aiutano infatti a rinforzare le nostre difese ed evitare brutti raffreddori e influenze. In particolare, la vitamina C che contengono gli agrumi è un antiossidante prezioso contro i radicali liberi. Una buona abitudine potrebbe essere quella di iniziare la giornata con una spremuta di arancia e bere dopo il pranzo una spremuta di pompelmo, che favorisce anche la digestione. Meglio evitare invece gli agrumi a cena, poiché potrebbero risultare più pesanti da digerire.
TÈ VERDE, LA BEVANDA PER CONTRASTARE I RADICALI LIBERI
Ricco di polifenoli, bioflavonoidi, tannini, vitamine e sali minerali, il tè verde è l’ideale da bere, sia caldo che freddo, come concentrato naturale di antiossidanti in grado di aiutare l’organismo a contrastare l’invecchiamento cellulare causato dai radicali liberi. Può essere inoltre una buona soluzione contro colesterolo e pressione alta e, rispetto ad altri tipi di tè, contiene meno teina. Per preparare un buon tè verde, mettete nell’infusore un cucchiaino di tè a persona. Fate scaldare l’acqua, e spegnete il fuoco non appena vedrete comparire sul fondo le prime bollicine. Versate l’acqua e lasciate in infusione 3 minuti. Infine, filtrate e servite.

  • ATTENZIONE: Queste informazioni sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Non sostituiscono il medico generico o qualsivoglia specialista. Non vogliono e non devono sostituire le indicazioni del medico al quale vi esortiamo di affidarvi.  L’utilizzo, la somministrazione delle informazioni degli articoli sono di esclusiva responsabilità del lettore.  (ndr)

LEGGI ANCHE:

Vinaccioli: la forza antiossidante dell’uva

Lo zenzero antiossidante e dietetico: tutte sue le qualità

Sambuco, tutte le ricette per utilizzarlo

La Feijoa sellowiana pianta insolita e commestibile

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + 1 =