Le migliori 13 piante diuretiche e depurative (le guide)

La natura ci viene incontro per ogni male e le piante diuretiche e depurative sono un vero talismano per la nostra salute. Tè verde, mirtillo, aceto di sidro di mele, tarassaco, ortica, finocchio, cocomero, cetriolo, crescione, carciofo, asparago, cavoletti di Bruxelles, barbabietola, avena, cavolo, carote, lattuga,  aglio, rafano, sedano, prezzemolo, tarassaco, bacche di ginepro, asparagi, carciofo e melone.
Basta assumerli nel corso della nostra alimentazione per trarne benefici, ma per molti di loro, il miglior modo per dare benefici alla diuresi e consumarli sotto forma di tisane e decotti.
PIANTE DIURETICHE ELENCO:
L’ORTICA
Famosa perché irritante l’ortica è una piante che ha in se molte sostanze positive. Ricca di sali minerali è ottima nelle zuppe, nelle frittate e nei risotti. Elimina scorie e tossine e quindi favorisce la diuresi e previene la formazione della renella.
Per farne una eccellente tisana si deve raccogliere le foglie più piccole e tenere (con attenzione) nel periodo della fioritura, che va da giugno ad agosto. Una volta lavate si possono utilizzare in due modi. Si può fare una tisana con le foglie fresche oppure le si possono seccare e utilizzare in un secondo momento.
Se si utilizzano le foglie fresche si versa una tazza acqua bollente su tre foglie e poi si lascia riposare per cinque minuti dolcificando a seconda dei gusti con il miele. In caso di foglie essiccate invece si lascia due cucchiaini in infusione nell’acqua bollente per dieci minuti. Importante non fare mai bollire la pianta perché altrimenti perderebbe le sue grandi proprietà curative.
LEGGI ANCHE: TISANE DIURETICHE QUALI USARE

TISANE DEPURATIVE
TISANE DEPURATIVE, RICETTE PER PURIFICARSI

SAMBUCO
Tra le piante diuretiche le bacche di sambuco sono perfette per favorire la diuresi. Contengono un altissima percentuale di acqua, tante vitamine e la sambucina che è un eccellente antinfiammatorio. Perfetto quindi per curare le infiammazioni delle vie urinarie, mentre la corteccia dalle proprietà diuretiche e lassative è ottima per un decotto da prepararsi in 250 ml di acqua far bollire 3 cucchiai di foglie di sambuco per 5 minuti. Lasciare riposare per 10 minuti, filtrare e bere a digiuno la mattina e la sera prima di andare a letto.
TARASSACO
La tisana al tarassaco è un toccasana per tutto il corpo. Da questa eccellente pianta officinale si può realizzare una panacea che favorisce la diuresi grazie al suo grande apporto di potassio.
Per la preparazione della tisana raccogliete i fiori delle “bocche di leone” – altro nome di questa pianta– ma anche le radici e preparate un infuso facendo bollire per venti minuti e bevete dopo avere filtrato.
TÈ VERDE
Il tè verde tra le piante diuretiche è tra quelle che hanno maggiori proprietà diuretiche. Secondo la University of Maryland Medical Center una tisana al tè verde è considerata come una delle cure più sicure per la diuresi. Il tè verde lo si acquista in erboristeria, sfuso o in bustine, e basta farlo bollire in acqua per risolvere ogni problema.
PILOSELLA
La pilosella (Hieracium pilosella) è una pianta che appartiene alla famiglia delle Asteracee e ha notevoli proprietà diuretiche e antibiotiche. Perfetta da utilizzarsi in caso di infezioni urinarie e cistiti va assunto sotto forma di infuso. La diuresi perfetta la si ottiene con un cucchiaio raso di parti aeree della pilosella in una tazza d’acqua bollente. Una volta spento il fuoco va lasciata in infusione per almeno dieci minuti prima di essere consumata lontano dai pasti.
ANICE STELLATO E FINOCCHIO
Ottima soluzione per problemi di infiammazioni urinarie e cistiti l’anice stellato è ottimo ingrediente per favorire la diuresi specie se utilizzato in combinazione con il finocchio.
Un eccellente tisana la si ottiene con due/tre frutti di anice stellato, un cucchiaino di finocchio, miele o zucchero di canna per dolcificare.
Fate bollire i semi di finocchio in un colino per tè e l’anice stellato in un pentolina con una tazza abbondante di acqua per circa sette minuti. Lasciate riposare un paio di minuti e dolcificate a piacere. Tra le piante diuretiche sono le più apprezzate.
SEDANO
Il sedano è uno dei più noti diuretici che la natura offre. Contiene tanta acqua e un olio essenziale dall’azione vasodilatatoria che favorisce la diuresi. Per preparare una tisana di sedano si pulisce il gambo togliendo solo la radice e lo si fa bollire in due litri di acqua per mezz’ora per ottenere un liquido da consumarsi nell’arco della giornata.
ANANAS
L’ananas (Ananas sativus) grazie alla presenza della bromelina ha un’azione decongestionante, oltre che essere ricca di sali minerali e in vitamine. Il suo gambo è celebre nella lotta alla cellulite e ritenzione idrica, ma avendo anche una notevole azione diuretica, grazie agli acidi organici, stimola l’eliminazione dei liquidi in eccesso accumulatisi nel tessuto sottocutaneo favorendo la diuresi. Da mangiarsi e anche da consumarsi come succo al naturale.
CARCIOFO
Depurante, miracoloso nell’eliminare scorie e tossine è un vero medicinale naturale per riattivare la circolazione, sgonfiare la pancia, mantenere in salute il fegato e favorire la diuresi. Da consumarsi come tisane utilizzando le foglie.
Tre sono le preparazioni possibili: solo con le foglie se il gusto amaro vi piace; insieme al finocchio per aggiungere un azione sgonfiante; con cicoria, radice di liquirizia e alcune foglie di menta piperita e melissa per addolcire il sapore.
Per la preparazione delle tre tisane fate bollire in una tazza d’acqua gli ingredienti, spegnete il fuoco e lasciare in infusione per un quarto d’ora circa. A questo punto filtrate e bevete, sorseggiando. Un consiglio, non aggiungete dolcificanti ma tutt’al più, se proprio non ce la fate, un cucchiaio di miele d’acacia.

CRESCIONE
Il crescione è una pianta che andrebbe usata fresca in quanto l’erba essiccata perde le sua qualità organolettiche. Dal sapore piccante ha proprietà espettoranti, depurative, vitaminizzanti e riminalizzanti. Andrebbe bevuto prima dei pasti un cucchiaio di succo di crescione centrifugando la pianta oppure schiacciandola con un panno. L’infuso di crescione si ottiene utilizzando una manciata di foglie di crescione e una tazza di acqua. Si scalda l’acqua e si immergono le foglie per dieci minuti circa tenendo il bricco coperto. Si filtra e si dolcifica. Se ne beve una tazza a digiuno il mattino.
EQUISETO
A torto ritenuta una erbaccia l’equiseto è una pianta perenne, chiamata anche “erba cavallina” ottima per i rimedi naturali e medicinali. E’ utilizzata per le affezioni bronchiali e della vescica. E’ un depurativo per eccellenza e viene utilizzata di sovente anche per la diuresi. Consigliato il decotto di equiseto come diuretico. La ricetta è la seguente: 10 grammi di equiseto su 100 ml di acqua. Bollire l’acqua, spegnere il fuoco, unire l’equiseto, coprire il pentolino e lasciare per almeno dieci minuti in infusione. Filtrare, dolcificare e bere a digiuno al mattino.
PARIETARIA
Tra le piante diuretiche è forse la meno conosciuta ma cresce sulle rocce e sui vecchi muri è anche chiamata “vetriola”. Si raccoglie tra giugno e settembre. Dal gusto amarognolo ha proprietà diuretiche, depurative, sudorifere e emollienti. L’infuso di parietaria si prepara così: 14 gr di parietaria, 1 litro di acqua e una scorza di arancia. Unire all’acqua bollente la parietaria e la scorza di arancia, coprendo la teiera e far macerare per almeno 10 minuti. Filtrare, dolcificare e bere.

NEWSLETTER 1
LEGGI ANCHE

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 5 =