Pannelli fotovoltaici: quali impianti scegliere
Meglio gli impianti fotovoltaici connessi alla rete, oppure quelli isolati? Tutto quello che c’è da sapere sul mondo del fotovoltaico moderno

Utili per l’ambiente e per le tasche dei consumatori, i pannelli fotovoltaici sfruttando l’energia del sole per poi convertirla in energia elettrica. Quest’ultima viene adoperata e non dispersa generando corrente che, tramite la connessione alla rete o all’uso di batterie, consente a tutti i dispositivi elettrici di funzionare. L’energia, così convertita dai pannelli solari fotovoltaici, può essere definita risorsa non inquinante e rinnovabile, soprattutto economica.

I pannelli solari fotovoltaici sono prodotti di ultima generazione presenti da pochi anni sul mercato ma in grado di utilizzare le migliori tecnologie del settore. Sfruttano la radiazione solare, non solo per produrre calore, ma soprattutto energia elettrica in modo pulito. Il processo di conversione ha luogo nelle celle fotovoltaiche, le quali non sono altro che sottili fette di silicio sottoposte a trattamenti chimici. L’insieme di queste celle forma il modulo fotovoltaico.

CLASSIFICAZIONI
I pannelli solari possono essere suddivisi in due grandi categorie: pannelli solari termici e pannelli solari fotovoltaici. I primi utilizzano l’energia del Sole per trasformarla in calore che riscalda l’acqua della casa, i secondi consente di produrre energia elettrica dalla radiazione solare.

A loro volta gli impianti fotovoltaici si possono catalogare in base alle applicazioni come:

1. Impianti fotovoltaici connessi alla rete
2. Impianti fotovoltaici isolati
Gli Impianti fotovoltaici connessi alla rete si basano su un principio specifico: durante le ore di luce, l’utenza usa l’energia elettrica prodotta dal proprio impianto, invece quando la luce scompare oppure non basta, entra in gioco la rete elettrica che garantirà le risorse necessarie. Viceversa, nell’ipotesi in cui l’impianto produca più energia di quella richiesta dall’utenza, questa energia potrà essere immessa in rete. In tal caso si parla di cessione delle eccedenze alla rete elettrica locale. Ne sono un esempio i pannelli solari montati sui tetti delle case, sui capannoni delle industrie etc.

Gli impianti fotovoltaici isolati, detti anche autonomi (stand alone), sono consigliati nei casi di mancanza di collegamento alla rete elettrica, ad esempio in zone di montagna o di campagna. Questi rappresentano la soluzione ideale per risolvere le esigenze di approvvigionamento energetico per ospedali, istituti per anziani o scolastici situati in aree isolate. A fronte di un investimento, gli impianti fotovoltaici autonomi rappresentano una soluzione utile per gli utenti e soprattutto amica dell’ambiente.

VENDITA E CONTRIBUTI STATALI
L’azienda Climanet a Roma, leader in questo settore, tratta solamente pannelli solari di alta qualità pannellisolariroma.it, certificati dalle normative europee vigenti. Offre il proprio know-how tecnologico che va dalla progettazione allo svolgimento delle pratiche sul territorio, alla realizzazione anche con formula chiavi in mano fino alla gestione e assistenza post-vendita. L’acquisto di un impianto fotovoltaico ha un vantaggio enorme, sia in bolletta, che nel ritorno di spesa. Chi compra un prodotto del genere può utilizzare infatti finanziamenti agevolati stabiliti dalla Legge.
Fonte: climanetonline.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 − due =