Smettere di mangiarsi le unghie: ecco come fare

Smettere di mangiarsi le unghie in modo naturale non è difficile, basta metterci  buona volontà e utilizzare qualche segreto consigliato da Stile Naturale in questo articolo. Pochi ma utili passaggi per far diventare le vostre unghie più sane e più belle da vedere
CEROTTI

Mangiarsi le unghie è un tic molto fastidioso. Per eliminarlo passate molto tempo in casa prendete dieci cerotti: ognuno andrà messo su ogni unghia, coprendola del tutto assieme a pellicine e polpastrelli. In questo modo non saranno visibili alla vostra vista e, togliere il cerotto per mangiare l’unghia sarà quasi “faticoso” tanto da farsi passare la voglia. Utilizzate questo metodo semplice e naturale tutti i giorni e tutte le ore in cui non vi trovate in un posto pubblico oppure, se uscite di casa ed è inverno, indossate i guanti.

COME UTILIZZARE LE DITA

Siete in un momento di attesa e la voglia di mettere le mani in bocca è quasi inevitabile? Cercate di fermarvi un attimo e pensare a come sfruttare questo tempo, quindi leggete un giornale, utilizzate il telefono o, semplicemente tamburellate con le dita sulle ginocchia, giocate con i pollici o stringetevi le mani. Mangiarsi le unghie è un atto che si fa per abitudine, quindi è l’abitudine che va tolta. In poche parole tenete le mani occupate, sarà un ottimo modo per smettere di mangiarsi le unghie. 

SMETTERE DI MANGIARSI LE UNGHIE TENENDO OCCUPATA LA BOCCA
Non solo le mani, ma anche la bocca bisognerà tenerla occupata in qualche modo: il metodo più semplice da utilizzare è quello di tenere mangiare ma anche uno stecchetto di liquirizia. Cercate di non esagerare però durante la giornata: probabilmente i primi giorni le caramelle che gusterete non saranno poche, ma cercate di diminuire la dose col passar del tempo oppure gli zuccheri del sangue saliranno alle stelle e le calorie vi faranno ingrassare.

USARE L’ACETO
Prendete alcune gocce di aceto di vino e strofinatelo sulle vostre unghie e pellicine con l’aiuto di un cotton fioc: così facendo quando involontariamente porterete la mano alla bocca, sia l’odore che il sapore vi appariranno sgradevoli e automaticamente il cervello le respingerà. Ripetete l’operazione più volte al giorno, o comunque ogni volta che avrete lavato le mani.

SMETTERE DI MANGIARSI LE UNGHIE CON LO SMALTO
Stendete uno smalto dal colore forte, con un rosso o il nero: uno smalto scheggiato di queste tonalità farà una brutta figura, così facendo starete più attente a tenere le unghie in ordine.

FARSI LE UNGHIE CON UNA MANICURE SETTIMANALE
Mangiarsi le unghie esprime insicurezza e poca cura. Quindi contrastate quest’attitudine effettuando una manicure almeno una volta a settimana: se non riuscite ad utilizzare la tronchesina da sole per tagliare le pellicine, fatevi aiutare da un’amica che ama tenere le unghie in modo curato. Effettuate anche uno scrub a base di zucchero di canna e limone, per eliminare le cellule morte della pelle, rendendola così più giovane e liscia.

ONICOFAGIA
Onicofagia: mangiarsi le unghie o il vizio di mangiarsi le unghie. E’ un termine poco usato ma è il più adatto per descrivere questo vizio molto diffuso fra gli italiani.

MANGIARSI LE UNGHIE E UN VIZIO?
Mangiarsi le unghie sicuramente è un vizio e non un malattia. Spesso deriva da insicurezza, ansia, depressione, incertezza personale. Lenisce gli attacchi di panico e viene attivata anche per noia e per indolenza.

MANGIARSI LE UNGHIE FA MALE?
Mangiarsi le unghie fa molto male perché le dita sono l’organo del nostro corpo atto a toccare qualsiasi cosa che ci circonda e che vogliamo portare alla nostra conoscenza. Quindi le mani sono una fucina di batteri, microbi e germi che vengono ad annidarsi specialmente sotto le unghie. Mangiarsi le unghie è il primo veicolo di malattie di origine batterica.