Malva: 5 ricette per la salute
Conosciuta come “omnis morbi”, rimedio per ogni male, la Malva è una pianta che con i principi attivi contenuti in fiori e foglie aiuta a combattere molti mali. Antinfiammatoria, lassativa, emolliente e lenitiva è ottima in caso di irritazioni e infiammazioni.

La Malva Sylvestris è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Malvacee caratterizzata da fiori violetti con 5 petali; cresce soprattutto nelle zone dell’Europa e dell’Asia con clima temperato. Della Malva vengono utilizzati non soltanto la radice (da raccogliere preferibilmente in autunno) ma anche le foglie e i fiori, che possono essere raccolti anche in estate. Le proprietà della Malva sono davvero numerose: antinfiammatoria, lassativa, emolliente e lenitiva. Inoltre, è indicata in caso di raffreddore, mal di gola, tosse, gastrite e cistiti, congiuntivite. Addirittura, la Malva viene utilizzata sin dall’800 a.C. come rimedio medicamentoso e nel 1600 in Italia era nota con l’appellativo di “omnis morbi”, cioè “rimedio per ogni male”.

SCOPRI COME CURARE LA TOSSE CON LE ERBE

RIMEDI NATURALI
MAL DI GOLA, TOSSE E RAFFREDDORE: CURARLI CON I RIMEDI NATURALI

TISANA ALLA MALVA CONTRO LA STITICHEZZA
I fiori e le foglie della Malva contengono principi attivi: sono ricchi di mucillagini, sostanze di natura polisaccaridica in grado di assorbire l’acqua. In questo modo si forma un gel che stimola le pareti intestinali a contrarsi regolarmente facilitando l’evacuazione. La mucillagine dunque conferisce alla pianta proprietà lassative che aiutano a combattere la stitichezza. La sua efficacia contro questi problemi è nota sin dall’antichità, tanto che il nome “Malva” deriva dalla radice greca “malachè” che significa “morbido” e dall’espressione latina “mallire mallum” che sta per “ammorbidire il ventre”. Contro la stitichezza dunque si può provare una tisana realizzata con un essiccato di foglie e fiori della Malva che, oltre alla mucillagine, contengono anche flavonoidi dalle proprietà calmanti ed emollienti. Per una tazza di tisana, fate bollire 200 ml di acqua, poi mettete in infusione per circa 8 minuti 2 cucchiaini di foglie e fiori essiccati di Malva (si trova in erboristeria). Infine, filtrate e bevete ancora caldo. Sarebbe consigliabile berla una volta al giorno, ancor prima della colazione.

SCOPRI COME SI USANO I SEMI DI LINO CONTRO LA STITICHEZZA

semi di lino
SEMI DI LINO: PER LA SALUTE E PER LA COSMESI (LE GUIDE)

INFUSO ALLA MALVA PER PLACARE LA TOSSE
Le mucillagini rendono la Malva un antinfiammatorio naturale, creando una sorta di pellicola in grado di proteggere da infiammazioni ed irritazioni interne. Queste proprietà antinfiammatorie permettono di utilizzarla soprattutto in casa di tosse, faringite e bronchite. Per calmare la tosse, provate con un infuso con i fiori di Malva, mettendone 5 grammi in 250 ml di acqua bollente, lasciate in infusione 15 minuti, filtrate e dolcificate a piacere con miele: questo infuso avrà una funzione emolliente, espettorante e rinfrescante.

SCOPRI COME USARE LA BORRAGINE PER LA TOSSE

borragine
BORRAGINE: IL TOCCASANA CONTRO TOSSE E PELLE SECCA

OCCHI STANCHI? IMPACCHI CON LA MALVA
La Malva, grazie al suo effetto calmante, è un ottimo alleato in caso di problemi agli occhi, come orzaiolo e congiuntivite, o per arrossamenti delle pelle, scottature e piccole piaghe. Bisognerà realizzare un infuso o con un mix di fiori e foglie essiccate o con la Malva in bustine da acquistare in erboristeria. A questo punto, immergete un batuffolo di cotone nell’infuso tiepido e passatelo delicatamente sugli occhi per detergere e sfiammare, oppure tamponatelo sulla pelle in caso di punture di insetti o arrossamenti.

SCOPRI COME CURARE LE OCCHIAIE CON LA NATURA

occhiaie
OCCHIAIE, RIMEDI NATURALI PER COMBATTERLE

DECOTTO ALLA MALVA PER GARGARISMI
Per realizzare un decotto a base di Malva, versate in una tazza di acqua fredda un cucchiaio di foglie e fiori di Malva essiccati. Portate ad ebollizione per un paio di minuti, poi lasciate in infusione per circa 10 minuti. Infine filtrate e, una volta raffreddato, utilizzate il decotto per fare gargarismi per sfiammare in caso di mal di gola.

COME CURARE LE AFTE CON LE ERBE

afte i rimedi naturali
AFTE, 7 RIMEDI NATURALI PER CURARLE

BAGNO RILASSANTE A BASE DI MALVA
Lasciate in infusione per 15 minuti 200 grammi di foglie e fiori essiccati di Malva in circa 3 litri di acqua bollente. Diluite il decotto ottenuto nell’acqua della vasca da bagno e godetevi il vostro momento di relax a fine giornata!

GUARDA IN QUANTI MODI PUOI FARE UN BAGNO RILASSANTE

bagno_rilassante.jpg
COME PREPARARE UN BAGNO PERFETTO CON GLI OLI ESSENZIALI

CONTROINDICAZIONI
Per la Malva non sono riportate particolari controindicazioni o effetti collaterali legati al suo consumo, eccetto in caso di intolleranze o allergie. Si sconsiglia ad ogni modo di esagerare nelle dosi, poiché potrebbe portare ad effetti lassativi non controllati.
NEWSLETTER 1

ATTENZIONE: Queste informazioni sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Non sostituiscono il medico generico o qualsivoglia specialista. Non vogliono e non devono sostituire le indicazioni del medico al quale vi esortiamo di affidarvi.  L’utilizzo, la somministrazione delle informazioni degli articoli sono di esclusiva responsabilità del lettore.  (ndr)

LEGGI ANCHE

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + 7 =