Lucciole a energia solare a Tokyo
Grazie a 100 mila Led a energia solare si è tenuto nella capitale nipponica il ?Tokyo Hotaru Festival? che ha visto una marea di lucciole artificiali galleggiare sul fiume Sumida

Le lucciole sono tornate in città a Tokyo grazie 100 mila Led a energia solare. Domenica scorsa si è tenuto nella capitale nipponica il ?Tokyo Hotaru Festival? che ha visto una marea di lucciole artificiali galleggiare sul fiume Sumida che per una notte si è colorato di un brillante blu elettrico.
L’amore dei giapponesi per le lucciole (Hotaru in giapponese) è antichissimo. Spesso questi piccoli insetti venivano celebrati in molti Haiku e altre poesie e a questi è legata una simbologia particolare che le rende creature speciali. Basti pensare che il Giappone è l’unico paese al mondo che ha una legge che per preservarle dall’estinzione.Le lucciole sono tornate in città a Tokyo grazie 100 mila Led a energia solare. Domenica scorsa si è tenuto nella capitale nipponica il  “Tokyo Hotaru Festival” che ha visto una marea di lucciole artificiali galleggiare sul fiume Sumida che per una notte si è colorato di un brillante blu elettrico.

L’amore dei giapponesi per le lucciole (Hotaru in giapponese) è antichissimo. Spesso questi piccoli insetti venivano celebrati in molti Haiku e altre poesie e a questi è legata una simbologia particolare che le rende creature speciali. Basti pensare che il Giappone è l’unico paese al mondo che ha una legge che per preservarle dall’estinzione.

Oggi le lucciole si trovano solo nelle aree rurali
ma per secoli gli abitanti della città di Tokyo erano soliti andare al fiume per ammirarle. L’urbanizzazione ha fatto si che le lucciole non siano più presenti in città con il loro spettacolo di luci. I Led a energia rinnovabile di domenica scorsa hanno fatto tornare in vita in maniera artificiale l’antica magia anche se solo per poche ore.

Le luci di 8 centimetri e mezzo di diametro sono state liberate dagli abitanti della città sul fiume, dove hanno galleggiato trasportate dalla corrente e poi raccolte in delle ceste. Come altri commentatori hanno detto ci auguriamo che le lampadine una volta raccolte siano state riciclate. Se così non fosse sarebbe un peccato per un evento che è stato presentato come una rappresentazione della vita del fiume e di quello che era il suo ecosistema.


Info:  news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − 1 =