Lavanda, come coltivarla anche sul balcone e utilizzarla
La lavanda è una pianta perenne meravigliosa che ci riconduce al calore dell’estate e della primavera. Ecco una guida per coltivarla in casa propria e utilizzarla al meglio

La lavanda è facilmente coltivabile sul balcone e in orto o giardino: impariamo insieme a curarla e a d autoprodurre tante cose con i suoi principi attivi! Dall’ammorbidente fino al sale aromatizzato tante ricette per voi

La lavanda è una pianta bellissima che con i suoi fiori color lillà ci fa presagire l’arrivo della calda stagione.
Utilizzata fin dall’antichità come pianta per detergere il corpo, il suo nome è infatti già spia di questo suo particolare utilizzo (deriva dal latino lavare).
Nell’antichità la lavanda era usata non solo per il suo profumo e per l’igiene personale ma anche come disinfettante: nel Medioevo e fino al 1700 si cospargevano e si strofinavano i pavimenti utilizzando la lavanda come disinfettante. I primi pout pourrì si preparavano poi proprio a base di lavanda.

Coltivazione della lavanda
La lavanda appartiene alla famiglia delle Lamiaceae, piante tipiche del Mediterraneo. Non ha particolari esigenze di coltivazione, ma essendo di una specie mediterranea necessita di una forte esposizione solare e pochissima acqua.
La sua forma è quella cespugliosa, a seconda come viene potata diviene simile al rosmarino, anch’esso proveniente dal Mediterraneo.
Non sopporta i ristagni di acqua, per cui se la coltiverete in terre argillose e poco ricche dell’elemento minerale, predisponete un’aiuola a forma di cerchio realizzato con dei sassi che potrebbero circondare la lavanda fin nelle vicinanze dei cespugli.
Se la coltivare sul balcone, invece, fate così: in un vaso dalle grandi dimensioni versare del buon terriccio intervallato con dell’argilla espansa, mescolate il tutto e trapiantate la vostra pianta di lavanda. Ponete sul balcone più soleggiato, in modo che possa godere del calore soprattutto d’inverno. La lavanda non ama essere innaffiata, poiché appunto odia i ristagni idrici.
La coltivazione in vaso permette di gestire eventuale maltempo nel modo migliore, mentre quella in terra lo sviluppo della pianta, anche in grandezza, in maniera più vigorosa.
Potatura Si consiglia, dopo la fine della fioritura, quindi in autunno, di potare la lavanda. Si eliminano tutti gli steli fioriferi e si cimano le piante. Alle piante debilitate si fanno potature più drastiche, lasciando solo qualche cm di stelo.

Utilizzi della lavanda
Oltre a lavare, la lavanda è un ottimo tranquillizzante del sistema nervoso centrale, calma l’ansia e l’agitazione.
I fiori di lavanda si raccolgono in epoche diverse a seconda del loro utilizzo: per uso erboristico si raccolgono all’inizio della fioritura, mentre per l’industria cosmetica e per la profumeria nel periodo di massima fioritura.

 

La lavanda per realizzare sacchettini profumati
La raccolta della lavanda deve essere fatta raccogliendo l’infiorescenza con tutto il fusto, si fanno quindi seccare in mazzi appesi a testa in giù, in luoghi ventilati ed ombrosi in quanto il sole scolorirebbe i fiori. Quando sono secchi si separa la spiga dal gambo e si conservano i fiori preparando dei sacchettini di cotone profumatissimi, aggiungendo anche chiodi di garofano e bucce di arancia essiccate, per profumare cassetti e armadi.

 

La lavanda per preparare l’acqua profumata e ammorbidente da aggiungere al bucato
Portate a ebollizione dell’acqua, quindi spegnete e mettete in infuso i fiori di lavanda freschi (200 gr di fiori in 500 ml di acqua). Lasciare raffreddare e utilizzate come profumante del bucato da aggiungere al detersivo oppure nella vaschetta dell’ammorbidente.
In alternativa, tenere i fiori di lavanda in estrazione nell’aceto (500 ml di aceto, 150 gr di fiori di lavanda secchi) per 10 giorni al buio, filtrare e utilizzare come ammorbidente in lavatrice.

 

La lavanda per preparare un tonico fai da te
Macerare al buio per 10 giorni, in 125 ml di aceto di mele, 30 gr di fiori secchi di lavanda.
Filtrate, aggiungete a 300 ml di acqua distillata un cucchiaio di aceto aromatizzato alla lavanda e conservate in un contenitore chiuso. Si applica sul viso con l’aiuto di un batuffolo di cotone.

 

Sale aromatizzato alla lavanda
Su 100 gr di sale integrale si consigliano circa 20 gr di fiori di lavanda essiccati: frullare questi ultimi nel mixer insieme al sale e la vostra aromatica preparazione è pronta!

 

L’olio essenziale di lavanda come profuma ambiente
Rivitalizza in tuoi sensi in modo sempre naturale: attraverso gli aromi puoi migliorare stato d’animo e umore. Versare nel diffusore un po’ d’acqua, alla quale aggiungere 1-8 gocce di olio essenziale biologico alla lavanda.

 

L’olio essenziale di lavanda per un bagno purificante
Un bagno alla lavanda favorisce il benessere, il buono stato d’efficienza e la salute del corpo e della mente.
Riempire la vasca d’acqua calda, aggiungendo da 3 a 20 gocce di olio essenziale di lavanda, immergetevi per una decina di minuti e muovendo delicatamente l’acqua, l’aroma si disperderà nell’ambiente: è il momento di rilassarsi e respirare l’aroma profondamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × uno =