La Taieddha: tipico piatto salentino
La Taieddha, immancabile piatto delle tavole dei leccesi. Si serve come piatto unico o come contorno. Si prepara con pochi ingredienti, ha proprietà disintossicanti, drenanti e depurative

La Taieddha, questo tipico piatto salentino deve il suo nome alla teglia nella quale lo si cucinava in passato. Le origini di questo piatto si devono alla dominazione spagnola nel meridione d’Italia, durante il Regno di Napoli. La ricetta originale, rispetto a quella che vi proporrò, prevede l’uso del pomodoro che io non amo quando è cotto e che inumidisce troppo gli ingredienti di questo piatto semplice, pratico ma molto gustoso e salutare. Gli ingredienti sono pochi e per questa ragione dovrebbero essere di stagione.

BENEFICI
I benefici derivanti dal consumo di Taieddha sono molteplici. La presenza della patata, ricca di antiossidanti, aiuta a ridurre la pressione sanguigna; la zucchina oltre ad avere un ridottissimo contenuto di calorie, ha proprietà diuretiche e aiuta a contrastare i problemi delle vie urinarie.
Infine, la cipolla, oltre ad essere un potente diuretico, è ricca di un flavonoide (la quercetina) efficace nella prevenzione dei tumori del tratto digerente; la cipolla grazie alla sua naturale azione antibatterica, protegge e stimola le difese immunitarie.

VALORI NUTRIZIONALI
Vediamo nello specifico i valori nutrizionali degli ingredienti presenti nella Taieddha:
La patata è principalmente costituita da acqua e amido, quest’ultimo nonostante abbia un elevato potere calorico è molto indicato nell’alimentazione degli sportivi; inoltre, la patata è ricca di vitamine (soprattutto vitamina C e vitamine del gruppo B) e sali minerali, soprattutto potassio.
La zucchina è costituita prevalentemente da acqua e ha un buon contenuto di fibre, calcio, ferro, potassio, fosforo, beta-carotene e vitamina C.
La cipolla è invece una buona fonte di sali minerali e vitamine quali: ferro, potassio, calcio, fosforo, vitamina C e quercetina.

USO
La Taieddha si serve come piatto unico o come contorno e il suo consumo è indicato anche per i bambini.

INGREDIENTI PER UNA TEGLIA

2 patate
2 zucchine
3 cipolle
olio extravergine di oliva
pangrattato

REALIZZAZIONE
Accendere il forno a 180° C, oleare la teglia, tagliare le verdure a rondelle di uno spessore pari a qualche millimetro. Disporre un primo strato di patate a seguire, disporre le zucchine infine, disporre le cipolle salare e condire con una croce di olio ogni strato, coprire le cipolle con il pangrattato, infornare per una mezz’ora nel piano basso del forno o fino a quando le patate si sono cotte, infine, con il calore della parte superiore del forno, rosolare la cipolla. Servire tiepido.

TEMPI DI PREPARAZIONE: 40 minuti (inclusa la cottura)
COSTO: € 2

SCHEDA DEL VINO

Vino
AZIENDA: Agricola Sanchirico
SEDE: Salice Salentino (LE)
NOME DEL VINO: Zimara (Rosato IGT Salento)
ANNATA: 2010
UVE: Negroamaro
GRADAZIONE: 13°
MATURAZIONE E AFFINAMENTO: acciaio
TEMPERATURA DI SERVIZIO: 14-16° C
PREZZO: € 7,50
RECENSIONE: Colore rosa chiaro, piacevoli i sentori fruttati di melagrana e floreali di roselline spontanee. Persistenza soprattutto dei primi, piacevole l’acidità e le finali note minerali. La salinità, ben armonizzata di questo vino, contrasta perfettamente l’untuosità del piatto. Abbinamento armonico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + sei =