La qualità dell’aria? A breve si potrà misurare da soli
Sta entrando in produzione il nuovo Air Quality Egg, un oggetto che permetterà ai cittadini di raccoglie i dati sulla qualità dell’aria e condividerli sul web

Quanto è buona l?aria che respiri? Difficile rispondere a una simile domanda, perché i dati a disposizione raccolti dagli enti pubblici o privati vengono rilevati a chilometri di distanza da casa nostra. Ecco perché un team misto formato da designer, architetti, sviluppatori e artisti ha deciso di dare vita a Air Quality Egg, un progetto open source comunitario che permetterà ai cittadini di raccoglie i dati sulla qualità dell?aria e condividerli sul web.Quanto è buona l’aria che respiri? Difficile rispondere a una simile domanda, perché i dati a disposizione raccolti dagli enti pubblici o privati vengono rilevati a chilometri di distanza da casa nostra. Ecco perché un team misto formato da designer, architetti, sviluppatori e artisti ha deciso di dare vita a Air Quality Egg, un progetto open source comunitario che permetterà ai cittadini di raccoglie i dati sulla qualità dell’aria e condividerli sul web.

Il progetto prende questo nome perché il dispositivo avrà la forma di un uovo. Si tratta di una piccola stazione di rilevamento dati domestica a cui verranno trasmessi in radiofrequenza i dati sulla qualità dell’aria da dei sensori posti all’esterno di un edificio. La stazione uovo poi tramite una connessione Ethernet provvederà a inviare i dati su Pachube un servizio web che si occupa di archiviare diversi tipi di dati e poi provvedere il libero accesso ad essi.

Il progetto sta entrando in produzione e si prevede che il primo Air Quality Egg venga rilasciato il prossimo luglio. Intanto è possibile seguire gli sviluppi del progetto sulla loro pagina kickstarter, sul wiki ufficiale e sul gruppo d discussione.

Maggiori info:
www.kickstarter.com
airqualityegg.wikispaces.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − 4 =