Intolleranze alimentari: attenti ai francobolli!

Chi soffre di intolleranze al grano deve stare molto attento anche ai francobolli che spesso contengono proteine del frumento

Le intolleranze alimentari sono in crescita solo nel mondo occidentale perché si tratta di una società che vede in crescita despressione, ansia e stress. Se siete intolleranti al grano, non vi basta evitare pane, pizza e farina, ma doveste stare attenti a molte più insidie, nascoste addirittura nei francobolli. I sintomi dell?intolleranza al frumento possono essere vari e diversi: cefalea, sonnolenza, ansia, stipsi e gonfiori. Al contrario dell?allergia, l?organo coinvolto in questo processo è infatti in primo luogo l?intestino, che recepisce il frumento come “tossico” e scatena le reazioni infiammatorie.

Attenzione! Se siete INTOLLERANTI al grano, non vi basta evitare pane, pizza e farina, ma doveste stare attenti a molte più insidie, nascoste addirittura nei francobolli. E’ quanto sostengono i medici dell’Istituto Riza di Milano che da anni si occupa di salute naturale. Pare infatti che la COLLA SECCA da attivare con un po’ d’acqua o saliva contenga le proteine del frumento, così come moltissimi eccipienti di farmaci, sughi pronti, DADI, preparati per zuppe e risotti e lieviti in polvere. Attenzione, naturalmente, anche ai liquori come WHISKY o gin, ai quali non si pensa, ma che sono invece distillati proprio dal grano.

I sintomi dell’intolleranza al frumento possono essere vari e diversi: cefalea, sonnolenza, ansia, stipsi e gonfiori. Al contrario dell’allergia, l’organo coinvolto in questo processo è infatti in primo luogo l’intestino, che recepisce il frumento come “tossico” e scatena le reazioni infiammatorie. Le cause possono essere ricondotte ad una predisposizione genetica, a un consumo eccessivo, a un’alterazione della flora batterica intestinale dovuta a un consumo di cibi poco genuini o ricchi di conservanti e additivi chimici e, non ultime, ci sono le cause psicosomatiche.

Le intolleranze alimentari sono infatti in crescita solo nel mondo occidentale, un po’ per i fattori appena esposti, ma anche perché si tratta di una società che vede in crescita despressione, ansia e stress.

Insomma, l’intolleranza al grano risulta molto più complessa da gestire delle altre. E per fortuna che i francobolli oggi sono quasi tutti autoadesivi. Ma se vi fosse rimasto qualche esemplare più vecchio, attenti a come usarlo!

[email protected]
Visita il sito RICETTE SENZA. Troverai tante idee per chi ha intolleranze alimentari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *