Agricoltura e futuro: Scaramuzzi traccia la sfida
E’ stato presentato presso l’Accademia dei Georgofili di Firenze “Il tempo delle Idee. Fra l’80° e il 90° anno di Franco Scaramuzzi” il libro che traccia gli ultimi dieci anni di ricerche, leggi e opportunità dell’agroalimentare italiano. Il tutto in chiave propositiva e illuministica per una agricoltura moderna ed efficace

L’”ottimismo della volontà” ha risuonato nella sala delle adunate dell’Accademia dei Georgofili di Firenze per la presentazione del libro “Il tempo delle Idee. Fra l’80° e il 90° anno di Franco Scaramuzzi” edizioni Polistampa (pagine 234, 16 euro).

EXPO 2015

Il professor Scaramuzzi, attualmente presidente emerito della più antica accademia agraria del mondo, ha raccolto, a cura del giornalista Maurizio Naldini, il proprio lavoro di approfondimento delle tematiche alimentari, paesaggistiche e agricole dell’ultimo decennio.

Dal mancato svolgimento della tema dell’Expo 2015Nutrire il pianeta” all’ ”assalto speculativo ai paesaggi agricoli e alla loro terra” fino ad arrivare ad una stimolante appendice di cento articoli redatti dal professore, che vanno dal 2006 al 2016, dove anno per anno, si toccano le gioie e i dolori dell’agroalimentare italiano.

 

La copertina del libro "Il tempo delle idee" dove è ritratto in primo piano il Professore Franco Scaramuzzi
La copertina del libro “Il tempo delle idee” (ed Polistampa) con il ritratto in primo piano del professore Franco Scaramuzzi

Durante l’incontro Scaramuzzi ha “preteso” con enfasi dai giornalisti presenti, Marco Bernardelli, Lorenzo Frassoldati e Alessandro Maresca, di confutare le tesi raccolte nel libro, una richiesta impossibile da esaudire.

L’ottimismo della volontà per Scaramuzzi è questo e si incarna nello scambio costruttivo delle idee, nello stimolo creativo del sapere anche se questo passa per opinioni contrarie alla nostra. Perchè citando Snoopy “Non si discute per avere ragione ma per capire meglio“.

L’OTTIMISMO DELLA VOLONTA’

Il vero accademico è questo, non ha bisogno di uno scranno per essere autorevole e non scambia l’autorità per autorevolezza.

Del presidente Scaramuzzi l’Accademia sentirà la mancanza: con lui si consuma la genuina fertilità dell’incontro delle idee, del confronto delle opinioni e dell’accrescimento del sapere.

Ma non saremo soli, ci porteremo impressi nella memoria l’”ottimismo della volontà” del quale Scaramuzzi è stato il mentore per tutta la vita.

 

POTREBBERO INTERESSARTI

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − 3 =