Hai 25 anni? Nel B&B paghi solo 25 euro
Accade al Bed & Breakfast Filosofia della Quotidianità: dimmi quanti anni hai e ti dirò quanto pagherai. Tra low cost e sostenibilità nel savonese

Nei pressi di Ramata, vicino Calice Ligure (SV) si trova Filosofia della quotidianità, il primo Bed & Breakfast della provincia di Savona, aperto 15 anni fa in cui alloggi low cost pagando in base alla tua età (un euro per ogni anno, fino al massimo di 29 euro, senza limiti di ?compleanni) e, nella settimana del baratto, ricambi l?ospitalità con il tuo saper fare. La struttura era una vecchia casa colonica, chiamata ?la casa dei bambini? che Elisa e Fabio hanno ristrutturato. I consumi sono all?insegna dell?autoproduzione. Il target degli ospiti, negli anni è mutato, per volere stesso dei proprietari. All?inizio e per anni, per definizione stessa di Elisa, ?era alto?, e il B&b era frequentato soprattutto da ?intellettuali di mezza età?. Cinque anni fa, però, al ?Filosofia della quotidianità? si è deciso per un cambiamento radicale. I sei ettari a contorno della casa sono coltivati secondo i principi sia tradizionali che della permacoltura e regalano gli ortaggi per la famiglia e gli ospiti. Il tutto arricchito dalla presenza di cani, gatti, galline per le uova, e a breve, le oche.Nei pressi di Ramata, vicino Calice Ligure (SV) si trova Filosofia della quotidianità, il primo Bed & Breakfast della provincia di Savona, aperto 15 anni fa in cui alloggi low cost pagando in base alla tua età (un euro per ogni anno, fino al massimo di 29 euro, senza limiti di “compleanni) e, nella settimana del baratto, ricambi l’ospitalità con il tuo saper fare.

Il nome riassume un po’ la storia della gestrice del B&b, Elisa Buratti accompagnata dai suoi tre figli e dal marito Fabio. Di origine milanese, decise anni fa di scappare dalla città 21 anni fa per abbandonare il caos e ripartire dai boschi vicino al mare con i seminari di filosofia, vivendo in armonia con la natura, diventando parte della stessa. Quindici anni fa, chiuso l’unico albergo della zona, il sindaco di Calice chiese ai concittadini a cui “avanzasse” una stanza libera di ospitare i turisti.

“Io diedi la mia disponibilità ( fui l’unica) e il sindaco m’inserì tra gli elenchi dei B&b, senza neanche avvisarmi”, ci racconta Elisa, la quale prosegue: “Ricevetti molte chiamate, perché allora i B&b non esistevano ed io ero l’unica della provincia di Savona, ma non ero pronta ad un arrivo massiccio di turisti. Per un anno rifiutai fino a quando arrivò una coppia tedesca al cancello, pioveva, era novembre. Dovevano rimanere una notte: si fermarono una settimana”. Da lì in poi la filosofia abbandonò i seminari per prender dimora nel B&b, con grande soddisfazione di Elisa.

La struttura era una vecchia casa colonica, chiamata “la casa dei bambini” che Elisa e Fabio hanno ristrutturato. I consumi sono all’insegna dell’autoproduzione: i sei ettari a contorno della casa sono coltivati secondo i principi sia tradizionali che della permacoltura e regalano gli ortaggi per la famiglia e gli ospiti. Il tutto arricchito dalla presenza di cani,  gatti,  galline per le uova, e a breve, le oche. L’acqua calda viene prodotta grazie al termo solare e il riscaldamento si ottiene con la legna dei boschi. E il casale è anche luogo di sperimentazione con il microeolico.

Si finisce al Filosofia dell’ospitalità innanzitutto per scappare dalle città e trovare il contatto con la natura e come ci raccontano, spesso tornano per il clima familiare. Gli amanti dello sport  fanno tappa, poi, per le scalate sulle rocce perché, grazie alla vicinanza al mare, non le trovano mai ghiacciate. Chi ama la mountain bike, poi, può godersi il grande circuito che c’è in zona e poi il mare a 10 minuti.

Sul cosa non potrete trovare, Elisa con un sorriso ci risponde: “I cacciatori. Anche i nostri cani, due splendide maremmane, devono esserci allergiche perché, da quando stanno con noi, non abbiamo più visto fucili nelle vicinanze…”.
Il target degli ospiti, negli anni è mutato, per volere stesso dei proprietari. All’inizio e per anni, per definizione stessa di Elisa, “era alto”, e il B&b era frequentato soprattutto da “intellettuali di mezza età”. Cinque anni fa, però, al “Filosofia della quotidianità” si è deciso per un cambiamento radicale.

“Volevamo mettere a disposizione il B&b a coppie di persone giovani con bambini e animali, ai giovani in generale”
, ci racconta la gestrice. Quindi, l’arredo venne sostituito e ringiovanito e, soprattutto, venne decisa una nuova modalità di prezzo (oggi ancora in vigore): un euro per ogni anno di età, ma non oltre i 29 euro a persona, con possibilità, nella settimana del baratto, di pagare il soggiorno con i propri prodotti e servizi. Il risultato è stato l’arrivo di moltissime coppie giovani da tutta Europa e non solo, con tanti figli e magari con i loro animali: “il nostro obiettivo è stato quello di diventare una grande famiglia aperta a tutti. Se vogliono, gli ospiti  cenano a tavola con noi e poi aiutano a sparecchiare”.

Info: filosofia della quotidianita

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + 10 =