Guida al risparmio dell’acqua del rubinetto, in casa e in giardino

L’acqua del rubinetto è sacra. Avete mai calcolato quanta acqua viene consumata ogni giorno nelle nostre case? E’ arrivata l‘ora del risparmio seguendo poche e semplici regole che vi permetteranno di controllare l‘acqua del rubinetto, ottenendo un notevole risparmio idrico sulla vostra bolletta.

 

RISPARMIO DELL’ACQUA NELL’IGIENE PERSONALE

Assumere dei comportamenti responsabili durante le quotidiane operazioni d’igiene personale rappresenta uno dei miglior modi di risparmiare l’acqua del rubinetto nelle nostre case.
A cominciare dalla scelta di fare un lungo bagno rilassante o una breve doccia, sicuramente la doccia ci consente di consumare meno rispetto al bagno, si stima infatti che per riempire una vasca occorrono circa 100 litri d’acqua. Ovviamente il consumo idrico durante l’uso della doccia diminuisce più della metà, dai 5 ai 10 lt di acqua al minuto, consigliamo di non prediligere alte temperature e chiudere l’acqua del rubinetto nel momento in cui vi insaponate. Anche la selezione del bagnoschiuma influisce quando facciamo una doccia o il bagno, poichè a seconda dell’aggressività  del prodotto impieghiamo meno tempo per il risciacquo e nel frattempo difendiamo la salute della nostra pelle.

 

COME RISPARMIARE L’ACQUA DEL RUBINETTO 

Avete mai pensato a quanta acqua consumiamo mentre ci laviamo i denti? Purtroppo questo gesto importantissimo per la nostra l’igiene orale porta ad un eccessivo consumo dell’acqua domestica. Grazie ad alcuni piccoli accorgimenti è possibile risparmiare l’acqua del rubinetto:  non occorre infatti tenere il rubinetto sempre aperto nel corso dell’operazione, basta aprirlo solo due volte all’inizio sullo spazzolino ed in seguito per il risciacquo. Se desiderate avere una bocca sempre fresca rimuovete bene dai denti il dentifricio prima del risciacquo finale che vi consigliamo di farlo usando un bicchiere pieno d’acqua, evitando così lo spreco dovuto al getto d’acqua sempre in funzione. Anche per la rasatura è necessario applicare lo stesso sistema, modificando il classico modo di fare la barba avremo un risparmio d’acqua assicurato. Inserite un tappo nel lavello al fine di riempirlo d’acqua sino alla metà , adoperandola di volta in volta per pulire il rasoio. Il getto d’acqua potrà  essere di conseguenza sfruttato solo alla fine per sciacquarsi il volto.

 

RISPARMIO D’ACQUA DI CASA: LO SCIACQUONE

Ormai tirare lo sciacquone del water è entrato a far parte di uno di quei gesti che facciamo quasi senza rendercene conto, purtroppo non consideriamo quasi mai quanto può arrivare ad incidere sul nostro consumo idrico. Si stima infatti che ogni volta che utilizziamo lo sciacquone sprechiamo in media 10 litri d’acqua, che corrisponde al circa 30% degli abituali consumi casalinghi, importante è allora sfruttare le varie soluzioni per risparmiare acqua in casa. Sappiamo che non sempre è necessario impiegare l’intero getto, per regolare il flusso occorrerà semplicemente installare una cassetta di scarico azionata da un doppio tasto in base al bisogno effettivo. Una soluzione casalinga che vi farà risparmiare sulla chiamata dell’idraulico èl’inserimento nella cassetta di una bottiglia di plastica piena d’acqua ben sigillata aggiungendo anche qualche sassolino, con questo rimedio si riduce il consumo sulla bolletta. Importante: togliete l’etichetta sulla bottiglia all’interno dello sciacquone per evitare che la carta marcisca nell’acqua stagnante. Non dimenticate inoltre di controllare periodicamente la presenza di eventuali perdite nel water. Per scovarle senza aiuto di tecnici versate nella cassetta dello scarico, la sera prima di andare a letto, una fialetta di colorante alimentare (non tossico e facile da smaltire) se troverete il colore sulle pareti del water o sul fondo sarà  il segnale di perdita.



RISPARMIO D’ACQUA: LA LAVATRICE E LA LAVASTOVIGLIE

Ormai risulta davvero difficile fare a meno dell’ utilizzo di elettrodomestici come lavatrice e lavastoviglie nelle nostre case. Allora per un risparmio energetico e idrico vi consigliamo di scegliere un “ciclo economico” a pieno carico, preferibilmente nelle ore serali oppure nei giorni festivi, a basse temperature. Controllate che gli elettrodomestici siano Classe A++, ovvero con il marchio Energy Star per l’efficienza energetica. In questo modo risparmierete il 50% sia sulla bolletta dell’ elettricità che su quella dell’acqua.



RISPARMIO D’ACQUA LAVANDO I PIATTI

Ancora non avete introdotto la tecnologia nella vostra cucina e lavate i piatti a mano, anziché usare l’acqua del rubinetto conservate quella di cottura della pasta, ricca di amido, che fra l’altro funge da ottimo sgrassante. Se non avete acqua di cottura a disposizione ricordate riempire una bacinella versando alcune gocce di detersivo per insaponare e sgrassare le stoviglie. In questo modo userete l’acqua corrente solo per il tempo necessario a risciacquare i piatti.
Inoltre evitate l’uso di tritarifiuti o dissipatori di rifiuti da lavello, poichè per un corretto funzionamento è necessario lo scorrimento di molta acqua ed inoltre aumenta notevolmente il volume dei rifiuti negli scarichi.

 

RISPARMIO D’ACQUA CURANDO IL GIARDINO

Un giardino arricchisce certamente la nostra abitazione, anche se prendersi cura delle piante ci porta ad un grande consumo idrico. Mantenere vivo il giardino risparmiando si può come prima cosa scegliere piante appropriate e resistenti che non richiedano una grande quantità  di acqua, annaffiandole quando il sole ormai è tramontato per rendere l’evaporazione più lenta. (Questo in estate, in inverno annaffiare nelle ore più tiepide della giornata).
In alternativa raccogliere in una vasca dell’acqua piovana da poter riciclare per ridurre la quantità  di acqua del rubinetto, riutilizzandola successivamente per l’irrigazione. Non meno importante la scelta del vaso in cui posizionare la pianta scegliere sempre colori molto chiari, per respingere in parte i raggi solari, mentre isolate con della plastica a bolle o polistirolo prima di disporre il terriccio nel vaso. Poichè prevenire il surriscaldamento del vaso permette al terreno di trattenere per più tempo l’acqua. Se disponete di un sistema d’irrigazione automatico optate per quello “a goccia” regolabile con funzione per la scelta della quantità  di gocce da impiegare in base alle necessità  della pianta. Ricordate, la maggior parte dei prati domestici ha bisogno di essere innaffiato una volta alla settimana, predisponete in modo corretto gli irrigatori evitando di bagnare le aree pavimentate. In questo modo noterete un notevole risparmio d’acqua sulla vostra bolletta.


RISPARMIO DELL’ACQUA CON DEI PICCOLI ACCORGIMENTI TECNICI

Un accorgimento tecnico che vi permetterà  di risparmiare acqua del rubinetto sino al 40% senza cambiare le vostre abitudini è sicuramente l’uso dei miscelatori d’aria da posizionare nei rubinetti e nelle docce.
Si tratta di piccoli oggetti che vanno ad aggiungersi al rubinetto con la funzione di miscelare l’acqua del rubinetto in uscita con l’aria, nessuno di voi si renderà  conto della differenza del getto anche se influirà  notevolmente sul consumo complessivo inferiore a quello del tradizionale rubinetto.
La vostra attenzione onde evitare un eccessivo consumo idrico dovrà  essere rivolta anche al controllo periodico delle tubature della casa, anche una piccola perdita può far sprecare fino a 20 litri d’acqua al giorno. Quindi tenete d’occhio sempre il contatore dell’acqua, verificando che la cifra di lettura riportata corrisponda in diverse ore del giorno, se la cifra varia è presente una perdita.

 

OCCHIO AL RICICLO

Quando vi trovate a far scorrere l’acqua del rubinerro in attesa che diventi calda, conservate quella che arriva in una bacinella, potrete sfruttarla per innaffiare, lavare i pavimenti, imbottigliarla e metterla in frigo. Lavate sempre frutta e verdura in una bacinella lasciandola qualche minuto a bagno, ricordate mai gettare via l’acqua corrente usata può essere riutilizzata.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 8 =