Il fruttariano: guida all’alimentazione estrema


Oltre al vegano e al vegetariano, c’è un altro regime alimentare che prende sempre più consensi da parte dell’opinione pubblica: si tratta del fruttariano. Con questo termine si indica quel soggetto che decide di seguire un regime alimentare composto di sola frutta cruda sia essa fresca che secca escludendo quindi alimenti di derivazione animale. Arrivare a questa scelta non è semplice perché comporta numerose rinunce ma si è convinti che possa aiutare l’organismo a depurarsi e disintossicarsi da tutto ciò che assorbe quando vengono ingeriti cibi a base di carne che, come si crede, possono comportare l’insorgere di malattie gravi.

SCOPRI TUTTI I BENEFICI DELLA PAPAYA

PAPAYA
PAPAYA: PROPRIETÀ E BENEFICI PER SALUTE E BELLEZZA
  • LA DIETA FRUTTARIANA
    Il fruttariano è definito tale in quanto segue un regime alimentare che si basa sulla dieta fruttariana che prevede il solo consumo di frutta sia quella fresca che quella secca eliminando quindi ogni forma di cibo che abbia altra origine sia animale che vegetale. La dieta fruttariana prevede di scegliere tra ben sette gruppi diversi di frutta e, una volta consumato un tipo è necessario attendere circa 90 minuti per mangiarne un’altra che appartenga ad un altro gruppo. Inoltre se dopo aver mangiato la propria porzione di frutta si avverte ancora un po’ di fame allora basta che la prossima volta si aumenti la quantità finché non si avverte una sensazione di sazietà. Ecco quali sono i gruppi principali di frutta fresca e secca

SCOPRI I BENEFICI DELLE BACCHE DI GOJI

bacche di goji
BACCHE DI GOJI PER MANTENERSI IN SALUTE
  • 1° gruppo: frutta dolce come meloni, uva, banane e loti;
  • 2° gruppo: frutta secca come prugne secche, fichi secchi, datteri;
  • 3° gruppo: frutta acida come kiwi, mandarini, arance, pompelmi, ananas, mirtilli, melograni, mele;
  • 4° gruppo: frutta con poca acidità come mango, albicocche, pere, papaya, ciliegie, mele dolci, pesche, mirtilli, fichi e more;
  • 5° gruppo: frutta oleosa come olive, noci di cocco e avocado;
  • 6° gruppo: noccioline di ogni tipo tra cui le noci pecan, pistacchi, nocciole, mandorle, noci macadamia, pinoli;
  • 7° gruppo: frutta a base di semi come girasole, zucchina, zucca e sesamo.
    Prevedendo il solo consumo della frutta, la dieta fruttariana permette di mangiare sempre ed in particolare ogniqualvolta si avverte un senso di fame durante la giornata non badando di certo alle calorie presenti in ogni frutto. Inoltre per il fruttariano non è necessario bere molta acqua così come viene consigliato solitamente ma molto meno in quanto è già presente all’interno della composizione della frutta.

SCOPRI TUTTI I BENEFICI DEL KIWI

KIWI
KIWI: L’ANTI-AGE CHE VIENE DALLA NATURA
  • COSA RISCHIA IL FRUTTARIANO
    Nonostante si sia sempre affermato che mangiare tanta frutta faccia bene al nostro organismo, seguire una dieta alimentare di sola frutta comporta dei seri rischi per la salute del nostro organismo. Innanzitutto ingerendo solo frutta si incorre in carenze nutrizionali serie in quanto non si fornisce al corpo sostanze come calcio, alcune vitamine e proteine, minerali, ferro, zinco, magnesio, acidi grassi che sono fondamentali per il corretto sviluppo dell’organismo e per affrontare le normali attività quotidiane. La soluzione sarebbe quella sì di seguire un regime alimentare fruttariano ma fare in modo che vengano assimilate anche altre sostanze nutritive oltre a quelle normalmente presenti nella frutta. Essere fruttariani comporta un impegno molto estremo che solo chi ci crede veramente e chi è convinto di questa scelta riesce a seguire fino in fondo.

SCOPRI COME REALIZZARE LA FRUTTA SECCA IN CASA

FRUTTA SECCA
FRUTTA SECCA: COME PREPARARLA IN CASA PROPRIA
  • DIFFERENZA TRA FRUTTARIANO E FRUTTIVORO
    Quando si parla di fruttariano non bisogna però confondersi con il fruttivoro. Se il fruttariano è colui che per scelta di vita decide di seguire un regime alimentare che si basa solo sul consumo di frutta fresca o secca, il fruttivoro invece è quella persona che mangia la frutta normalmente come un alimento che accompagna pranzi e cene composte anche da carne, verdura, pesce, latte e derivati e cereali. Si può definire quindi che i fruttivori sono la maggior parte delle persone che vivono nel mondo.

NEWSLETTER 1

LEGGI ANCHE

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + 15 =