Frullati, la guida pratica per preparare smoothie vegan

Le ricette vegane di smoothie e frullati vegan che aiutano il sistema immunitario, l’intestino e aumentano l’energia vitale.

Le ricette vegane di smoothie comprendono anche idee per un buon frullato all’americana. Sano e fantastico per avvicinare anche i bambini al mondo della frutta, anche secca, e della verdura. Se poi ne preparate di vegan, allora il vostro frullato sarà ancora più ‘felice’ sia per voi che per gli animali.
Sappiamo che i cibi che mangiamo influenzano il nostro umore, la nostra forza vitale, l’energia, ma anche il peso corporeo e la longevità di vita. In tal senso, iniziare la giornata con un frullato a base di frutta, verdura e semi sarà davvero un modo divertente, salubre per ricaricare le vostre pile e quelle della vostra famiglia: i risultati solitamente si vedono con il tempo, e questa buona pratica vi farà risparmiare su integratori e medicine.

Perché iniziare la giornata con un frullato vegan
I frullati, anche chiamati smoothie, sono ideali per disintossicare, dare energia, dimagrire, rinforzare il corpo, ritrovare la calma, rinforzare la mente, migliorare la digestione, mantenere in salute il cuore, rallentare l’invecchiamento, potenziare l’umore, rafforzare le difese immunitarie, accrescere la propria bellezza.
Essi idratano l’organismo poiché sono composti da acqua e altri elementi nutritivi come sali minerali importantissimi; accompagnano sia voi che i vostri bambini a un consumo maggiore di frutta, verdura, responsabili di proteggere il sistema immunitario. Anche la voglia di mangiare schifezze e grassi, facendo del frullato vegan un’abitudine, scemerà piano piano.
La dose di fibre giornaliera raccomandata e’ di 25-30 g di fibre al giorno: 150 g di more contengono 8 g abbondanti di fibre, 30 gr di semi di chia ne contengono 11. Questo significa che un buon frullato vegano al mattino vi donerà la quantità corretta anche di fibre. Sforzatevi anche voi a idere ricette vegane di smoothie e vederete che vi cambierà la vita!

Sorbendo, quindi, un buon frullato vegano al mattino a colazione il vostro intestino tornerà regolare, il vostro sistema digestivo ne sarà aiutato, poiché ingerirete del cibo già precedentemente tritato: ogni tanto ci vuole!
Inoltre, da non sottovalutare neppure l’aspetto sociale e modaiolo: quella dei frullati, negli Stati Uniti, e’ divenuta una vera e propria moda salutare; niente di meglio diremo noi! Che cosa aspettiamo a farla diventare tale anche in Italia? Incontrarsi a casa di amiche per bere un buon frullato vegan sarà un momento di socialità davvero speciale.

Come sostituire i derivati animali nelle ricette vegane
Nei frullati vegan non vi sono derivati animali, latticini, panna o siero di latte, tutti ingredienti che donano al frullato quella cremosità speciale.
Vediamo allora come sostituirli.
Lo yogurt di latte animale si sostituisce con yogurt di soia, mandorle, cocco. Il latte animale può essere abbandonato per un qualsiasi latte vegetale, molto più gustoso, riso, mandorla, anacardi, soia, cocco, grano, lino, avena, farro…; la panna montata può essere soppiantata utilizzando quella di di soia, cocco o riso. Attenzione soltanto ai grassi idrogenati che nelle panne vegetali spesso abbondano.

Ricette vegane per il frullato smoothie vegano
Agrumi e pesche
240 ml di succo di arancia appena spremuto e 1 pezzetto di scorza, 1 banana congelata, 40 g di pesche a pezzi o fragole congelate, 6 cubetti di ghiaccio, un po’ di pepe di Cayenna. Frullate tutto e sorbite!

Smoothie Settembrino
200 g di uva verde congelata, 1⁄2 banana, 1 cucchiaino di succo di lime o limone, circa 120 ml di latte di cocco, 6 cubetti di ghiaccio, 1⁄2 cucchiaino di spirulina. Prima versate la frutta e il succo di limone quindi frullate; aggiungere piano il latte di cocco per ottenere una consistenza più liquida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + venti =