Finocchio: proprietà e usi per la salute e la bellezza
Aiuta nella digestione, ma anche in caso di tosse e raffreddore. Il Finocchio è una pianta importante per il benessere e per la bellezza: può essere utilizzata anche per maschere purificanti per il viso.

Pianta erbacea della famiglia delle Ombrellifere, il Finocchio è conosciuto sin dall’antichità per le sue proprietà aromatiche ed oggi è apprezzato soprattutto per quelle digestive e nutrizionali.
Del Finocchio è bene distinguere le varietà selvatiche, che crescono in maniera spontanea e sono usate come piante aromatiche, da quelle di produzione orticola, caratterizzate da un sapore più dolce. La coltivazione del Finocchio ha al centro la produzione della sua parte commestibile, chiamata “grumolo”: si tratta della struttura compatta costituita dalle guaine fogliari che si presentano di colore biancastro, la cui raccolta può avvenire in tutte le stagioni, a seconda delle zone di produzione, 90 giorni dopo la semina. Il suo aroma è dovuto alla presenza di anetolo. Del Finocchio si possono utilizzare tutte le parti: il grumolo bianco, i semi e anche i ciuffi verdi: basta un po’ di fantasia!
LE PROPRIETÀ DEL FINOCCHIO
Poche calorie (30 per 100 gr) e pochi grassi, tanta acqua (93,20gr su 100 gr) e numerosi minerali come calcio, potassio, sodio, magnesio, zinco e ferro, cui si aggiungono vitamina A, vitamina C e alcune vitamine del gruppo B. Queste le caratteristiche che rendono il Finocchio un alimento davvero importante, soprattutto per l’apparato gastrointestinale. Il Finocchio è infatti diuretico, carminativo, antinfiammatorio, antispasmodico e per questo è indicato per chi ha difficoltà digestive. Inoltre, l’olio essenziale è indicato in caso di tosse, infiammazione dei bronchi e mal di gola.

SCOPRI TUTTE LE QUALITA’ DIURETICHE DELL’ANICE STELLATO

anice stellato
ANICE STELLATO: DIURETICO E ANTINFIAMMATORIO

TISANA AL FINOCCHIO PER LA DIGESTIONE
Le virtù benefiche del Finocchio nei confronti dell’apparato digerente sono utili in caso di problemi di aerofagia o gonfiore addominale: i semi di Finocchio infatti favoriscono la diuresi e aiutano a diminuire il gas intestinale combattendo i processi fermentativi dell’intestino crasso. Uno dei rimedi più semplici da realizzare in casa è senza dubbio l’infuso a base di Finocchio, da bere dopo i pasti, consigliato anche per rilassare la muscolatura liscia addominale e quindi lenire dolori mestruali. Lasciate in infusione 1 cucchiaino di semi di Finocchio (si trovano in erboristeria) in 200 ml di acqua bollente, coprendo la vostra tazza. Dopo circa 10 minuti, filtrate e bevete l’infuso senza dolcificare.

COME USARE LE TISANE DEPURATIVE

TISANE DEPURATIVE
TISANE DEPURATIVE, RICETTE PER PURIFICARSI

MASCHERA PER IL VISO CON IL FINOCCHIO
Grazie alla presenza di Vitamina C, il Finocchio ha proprietà antiossidanti che possiamo sfruttare per la salute della nostra pelle. Per preparare una semplice maschera a casa, avrete bisogno di un Finocchio, un limone, farina bianca o argilla bianca. Cuocete il Finocchio in acqua calda, poi frullatelo aggiungendo il succo di un limone. Successivamente, aiutatevi con un colino e separate in una ciotola il liquido ottenuto dalla polpa. Al liquido di Finocchio e limone aggiungete dunque la farina o l’argilla bianca, quanto basta per ottenere, mescolando, un composto omogeneo e senza grumi. A questo punto, mettetela su viso e collo puliti e lasciate in posa per 20-30 minuti circa; poi risciacquate con acqua tiepida. Con questo trattamento la pelle apparirà più luminosa e purificata, priva di sebo.

SCOPRI COME FARE LA PULIZIA DEL VISO PROFONDA

PULIZIA DEL VISO
PULIZIA DEL VISO: ECCO COME FARLA IN CASA RISPARMIANDO

OLIO ESSENZIALE DI FINOCCHIO PER LA TOSSE
In caso di raffreddore o per lenire gli attacchi di tosse, sia secca che grassa, un rimedio efficace può essere l’olio essenziale di Finocchio, che si trova in erboristeria e che è noto proprio per le sue proprietà espettoranti e antispasmodiche. L’olio essenziale si estrae con la distillazione, o dai semi pressati o dall’intera pianta. Se avete mal di gola, provare a diluire un paio di gocce di olio essenziale di Finocchio in mezzo bicchiere d’acqua, poi fate con la miscela dei gargarismi. Per la tosse invece, assumete fino a 5 gocce di questo olio o in singola dose o in più dosi durante la giornata.

SCOPRI I BENEFICI DELLA BORRAGINE CONTRO LA TOSSE

borragine
BORRAGINE: IL TOCCASANA CONTRO TOSSE E PELLE SECCA

FINOCCHIO IN CUCINA: ZERO SPRECHI
In cucina si possono utilizzare tutte le parti del Finocchio e in particolare il grumolo bianco del Finocchio coltivato può essere mangiato sia crudo (ad esempio nelle insalate) oppure gratinato e lessato. Neanche i ciuffi verdi del Finocchio vanno sprecati: potete preparare una deliziosa crema spalmabile utilizzandoli insieme ai ciuffi verdi delle carote. È sufficiente lavarli e frullarli insieme ad olio, sale e pepe, a seconda dei vostri gusti. Poi servite la crema soci ottenuta insieme a dei crostini, magari realizzati tostando in padella o al forno il pane avanzato: servirete così un simpatico e buon aperitivo.

SCOPRI LA RICETTA DEI FINOCCHI IN GRATIN CON BACCHE DI GOJI

finocchi al gratin con bacche di goji
FINOCCHI AL GRATIN CON BACCHE DI GOJI

FINOCCHIO PER LE DONNE
I fitoestrogeni contenuti rendono il Finocchio un equilibrante naturali dei livelli degli ormoni femminili. Per questo si ritiene che la tisana al Finocchio aiuti a ridurre i disturbi che precedono il ciclo mestruale e a placare i sintomi della menopausa. Inoltre, si dice che stimoli la produzione di latte nelle donne in fase di allattamento, ma secondo altri semplicemente contribuisce a rendere più gradevole per il bambino il sapore del latte. Su quest’ultimo punto non tutti i medici concordano sui reali vantaggi del Finocchio per l’allattamento a causa del potenziale cancerogeno di una delle molecole attive della tisana al Finocchio, cioè l’estragolo, e sconsigliano l’uso di tisane al Finocchio nei bambini sotto i 4 anni, nelle donne in gravidanza e durante l’allattamento. Si trovano comunque in commercio prodotti a ridotto contenuto di estragolo e, ad ogni modo, è importante non allarmarsi da una parte ma neanche abusare di questo prodotto: si consiglia di non superare le 2-3 tazze a settimana.

CONTROINDICAZIONI DEL FINOCCHIO
Si raccomanda un uso limitato e accorto della tisana al Finocchio per le donne in gravidanza e in allattamento nonché nei neonati e nei bambini sotto i 4 anni. Non assumere preparati a base di Finocchio per lunghi periodi, in modo da evitare infiammazioni gastrointestinali. Possono manifestarsi segni di allergia alla pianta con prurito alla bocca e irritazione. L’estratto secco di Finocchio sembra ridurre l’efficacia di alcuni antibiotici come la ciprofloxacina.

NEWSLETTER 1

ATTENZIONE: Queste informazioni sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Non sostituiscono il medico generico o qualsivoglia specialista. Non vogliono e non devono sostituire le indicazioni del medico al quale vi esortiamo di affidarvi. L’utilizzo, la somministrazione delle informazioni presenti nell’articolo sono di esclusiva responsabilità del lettore. (ndr)

LEGGI ANCHE

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 17 =