Filiera corta: arriva il Pan de Re

Sei giorni con l?aroma del buon pane

Si svolgerà a Reggio Emilia dal 3 all’8 settembre prossimo (Piazza Gioberti, Corso Garibaldi e Palazzo Allende (Provincia), in concomitanza con la tradizionale Sagra della Giareda, la prima edizione di PAN DE RE, festa del pane, dei forni e dei mulini di Reggio Emilia. PAN DE RE è innanzi tutto il nome di un nuovo pane, a qualità controllata da filiera tutta locale, che si propone come alleato nella alimentazione sana e genuina dei reggiani. PAN DE RE è anche occasione per dare spazio ai pani tradizionali e rituali di altre culture in una mostra allestita nel cortile di Palazzo Allende con la collaborazione delle comunità straniere presenti a Reggio Emilia.

Attorno alla basilica della Madonna della Ghiara, nelle vie del centro cittadino, nel cortile di Palazzo Allende, questa edizione della più antica e sentita sagra reggiana si arricchisce così di nuovi contenuti, con una festa nella festa. Saranno sei giorni con l’aroma del buon pane nell’aria e la sua inconfondibile fragranza quando è appena sfornato ma, poiché non si vive di solo pane, nell’occasione verranno serviti per companatico conversazioni e spettacoli gustosi. In questo modo la Provincia di Reggio Emilia e l’Assessorato Provinciale all’Agricoltura intendono proporre all’attenzione dei cittadini il progetto PAN DE RE per la produzione di pane a filiera corta e qualità controllata e rimarcarne il significato come richiamo ai valori dell’agricoltura sana, delle tradizioni gastronomiche e della salute dei cittadini attraverso l’alimentazione. Nei giorni della festa PAN DE RE il pane viene impastato e cotto sotto gli occhi dei visitatori nel forno a cielo aperto di Piazza Gioberti. Potrà essere acquistato ancora caldo (con orario 8,30-13 e 15-21, il giorno 3 settembre dalle ore 17, mentre il 7 settembre tutto il giorno sino alle 23).  A festa conclusa, saranno 50 forni reggiani a produrre quotidianamente PAN DE RE. Il marchio impresso su ogni forma di pane e affisso nei locali di vendita dirà che il forno ha aderito al progetto e si adegua al protocollo e ai previsti controlli di qualità. Inoltre il pane potrà essere gustato sul posto, caldo e fragrante, con i prodotti del territorio acquistati nella mostra mercato allestita dalle associazioni professionali agricole reggiane.

I visitatori più curiosi e intraprendenti potranno apprendere l’arte di fare il pane, iscrivendosi al laboratorio di panificazione che ogni sera, tra le 18,30 e le 20,30, verrà tenuto da maestri panificatori nel cortile di Palazzo Allende. L’atmosfera festosa attorno ad un nuovo pane è anche occasione per un “conversatorio del pane” alla festa PAN DE RE, tutte le sere alle 18,30 con esperti e studiosi di tematiche inerenti il pane anche nelle sue accezioni simboliche. Apriranno il conversatorio, il 3 settembre, il presidente della Provincia Sonia Masini e l’assessore provinciale all’Agricoltura  Roberta Rivi, che hanno voluto il progetto e lo hanno seguito sin nei minimi dettagli durante la fase operativa. PAN DE RE vuole infatti rappresentare un segnale forte che sul territorio reggiano si può praticare un’agricoltura pulita, recuperare le tradizioni locali, muovere un’economia sostenibile e lavorare nella direzione della salute dei cittadini. Facendo tesoro del detto: “Meglio andare al mulino che dal medico”.

Per info: www.provincia.re.it  tel. 0522-444666. [email protected]

Stile Naturale: BIOLOGICO | PRODOTTI NATURALI | PRODOTTI BIOLOGICI | FILIERA CORTA | VIVAI E PIANTE DA COLLEZIONE| ENERGIE RINNOVABILI | VACANZE SOSTENIBILI | ENOLOGIA ETICA | ECO DESIGN | GARDENING |

 Acquista di meno, acquista meglio  STILE NATURALE SHOP

 zoes |

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 + sei =