Erba cipollina : semina, trapianto e conservazione nell’orto bio
L’ erba cipollina è una pianta erbacea dalle molteplici proprietà benefiche per la salute umana e per quella dell’orto. Qui tutto sulla semina, il trapianto, la coltivazione, le malattie, la raccolta e la conservazione. Leggi la guida!

L’ erba cipollina non dovrebbe mai mancare nel nostro orto: consociata con altre piante sviluppa un’efficace azione repellente contro alcuni parassiti, foglie e fiori arricchiscono le nostre pietanze e il consumo regolare ci protegge da molti disturbi, grazie alle proprietà terapeutiche di cui è ricca.

L’epoca di semina dell’erba cipollina si avvicina quindi per non farci trovare impreparati seguiamo questa guida sulle caratteristiche e le cure necessarie per coltivare questa preziosa erba aromatica.

Dalla a alla z tutti gli ortaggi consociabili
Dalla A di aglio alla zeta di zucca: quali piante da consociare e una guida specifica su quali fiori e piante unire agli ortaggi per combattere i parassiti per una agricoltura biologica, sana e redditizia. Leggi la guida!

SEMINA E TRAPIANTO

L’erba cipollina si semina a marzo, aprile e ottobre, su substrati leggeri e terreni mediamente calcarei, concimati e ben drenati per poi essere trapiantata in vasi con terreni più ricchi e solo in seguito coltivata in piena terra.

Per ottenere un altro cespo identico alla pianta madre, nel mese di ottobre potete effettuare la moltiplicazione con la divisione della pianta: rimuovete la pianta dal sottosuolo e suddividetela in 3-4 porzioni ognuna, quindi ponetela a dimora all’interno del terreno o in piccoli vasetti rispettando una distanza di almeno 30 centimetri.

Video tutorial sulla semina dell’erba cipollina
Come si seminano il basilico, il timo e l’erba cipollina. Passo dopo passo la guida pratica all’autoproduzione delle erbe aromatiche! Guarda il video!

CICLO DELL’ERBA CIPOLLINA

L’erba cipollina fiorisce all’inizio dell’estate con infiorescenze di tonalità dal rosa al violetto mentre in inverno si assiste alla caduta delle foglie che non comporta però la fine del ciclo vegetativo, infatti, in questo periodo la pianta conserva le proprie gemme sotto terra per germinare nuovamente in primavera.

Come autocostruire un semenzaio nell’orto
Sei idee per autocostruire un semenzaio da balcone o da orto tradizionale, tanti spunti per riciclare materiali impensati e far crescere i propri germogli

CURE PER LA COLTIVAZIONE

L’erba cipollina è un’aromatica semplice da coltivare e che non richiede particolari cure se non semplici zappature e sarchiature.

Uniche attenzioni che dovete avere, se la messa a dimora non è per fini ornamentali, è di eliminare i getti floreali che via via appaiono, innaffiare solo quando necessario le giovani piantine ricordando che l’estate il fabbisogno idrico aumenta e trapiantarla in luoghi luminosi ma non troppo soleggiati.

Alla fine dei mesi freddi, invece, si potrà provvedere alla concimazione annuale, interrando concime organico maturo.

L’uso della cenere nell’orto e nel giardino (le guide)
La cenere di legna utilizzata come concime e come coadiuvante nel contrastare alcune fitopatologie è naturale e rappresenta una soluzione ecologica allo smaltimento dei residui dei nostri camini

LE MALATTIE

L’erba cipollina non solo è facile da coltivare ma è anche una pianta poco vulnerabile ad attacchi parassitari e fitopatologie.

Ciononostante è una pianta che teme il freddo pertanto è bene, nei mesi invernali, ripararla dalle gelate con paglia o con appositi teli, facendo attenzione alle gelate tardive.

Tutti gli antiparassitari naturali per la lotta biologica (le guide)
Gli antiparassitari naturali servono per difendere le piante da orto e da giardino dagli attacchi fungini, contro le malattie crittogamiche, insetticidi, acaricidi, fungicidi, inibitori della germogliazione. Qui una guida ragionata all’uso dell’equiseto, lecitina, assenzio, felce, neem, ortica e molto altro.

RACCOLTA

Per una raccolta razionale è necessario non strappare le radici e raccogliere i gambi effettuando un taglio netto con l’ausilio di una forbice, nella giusta epoca che va da maggio a settembre.

Si potrà raccogliere l’erba cipollina anche quattro volte nel corso dei mesi estivi, anzi non vi risparmiate perché questo assicura alla pianta una sana e robusta crescita.

Come preparare l’orto e il giardino per la primavera
Vangatura, sarchiatura, fertilizzanti, ammendanti e concimazioni: la guida pratica per preparare l’orto e il giardino alle coltivazioni della bella stagione

CONSERVAZIONE E USO

Per evitare la perdita delle caratteristiche organolettiche, l’erba cipollina andrebbe consumata fresca. Ovviamente, non potendo coltivarla tutto l’anno potrete reciderla alla base, lavarla e asciugarla accuratamente, tagliarla e conservarla in sacchetti adatti alla refrigerazione per poi consumarla secondo necessità. Appena raccolta la potete conservare in un vasetto di acqua come fosse un mazzetto di fiori. Fiori e foglie dell’erba cipollina, con il loro sapore delicato ma deciso che ricorda la cipolla, arricchiscono piatti a base di verdure, salse, uova, formaggi e pesce e sono un’ottima soluzione per chiudere gli involtini in modo naturale e decorare i vostri piatti di portata.

Erba cipollina: 3 ricette vegetariane
Ricette vegetariane arricchite dall’ erba cipollina, un ingrediente speciale che riesce a donare un sapore inconfondibile alle pietanze

PROPRIETA’

Sono queste le numerose proprietà terapeutiche dell’erba cipollina, ricca di sali minerali e di alcune vitamine, risulta utile nell’ orto biologico in consociazione con patata e carota, grazie alla sua azione repellente contro la dorifora che colpisce la prima e la mosca che colpisce le seconde.

Macerato di ortica: preparazione e uso nella lotta biologica
L’ortica è un’erba officinale ricca di acido formico e macro elementi, ha proprietà fertilizzanti, insetticide, curative, immunopotenzianti e fitostimolanti. Ecco come realizzare il macerato di ortica.

CARATTERI BOTANICI

L’ erba cipollina è una pianta erbacea originaria dell’Asia, appartenente alla famiglia delle Liliacee e alla specie Allium schoenoprasum che può arrivare fino a 50 cm di altezza.

Questa aromatica predilige i prati umidi anche a 2500 mt s.l.m., cresce spontanea nelle Alpi e negli Appennini settentrionali della nostra penisola, in Europa, in Siberia e in tutto il Nord America.

L’erba cipollina è dotata di un bulbo dal quale si protendono foglie e fusti cavi e cilindrici e fiori lilla che impollinati dagli insetti si trasformano in frutti di colore nero.

20 concimi organici naturali
Dal guano di pipistrello, al lupino tostato fino alla borlanda, al bokashi e al brodolone: alla scoperta del concime organico. Una carrellata ragionata nella storia, da quelli dimenticati a quelli più diffusi con le tecniche d’uso e le qualità organiche. La guida all’uso del concime organico per l’orto e il giardino biologico e sinergico.

CENNI STORICI

L’erba cipollina fu classificata nel XVIII secolo ma le sue origini sono talmente antiche che non se ne conosce l’esatta provenienza. Alcuni autori sostengono sia originaria della Russia, altri che molto più probabilmente provenga dalla Cina, dove veniva impiegata in campo medico e culinario. Nel I secolo d.C. Plinio il Vecchio nel suo Naturalis Historia scrisse che Celti, Romani e Greci antichi conoscevano e apprezzavano le foglie di erba cipollina, tuttavia non si sa se la coltivassero o se la utilizzassero nella sua forma spontanea. Notizie più precise si hanno a partire dal Medioevo, durante il quale era pratica diffusa negli orti dei conventi coltivare l’erba cipollina per utilizzarla in cucina o come repellente per gli insetti. Un antica credenza, infine, racconta che appendere alcuni mazzi di erba cipollina intorno alla casa tenga lontane le forze maligne.

 

POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 + tredici =