Il cuscino naturale: come sceglierlo
Il cuscino naturale è il nostro vero alleato per stare in salute. Contro lo stress, i dolori alla cervicale e l’insonnia il miglior alleato è il cuscino naturale in pula di farro o pula di miglio. Vediamo perché!

Dormire allunga la vita, ma anche se non fosse proprio vero questo vecchio adagio è certo che un buon riposo rende più felici e meno stressati. Per farlo al meglio è bene scegliere il cuscino naturale, l’unico in grado di darci garanzie.

QUEL MAGICO RETTANGOLO
Non è solo un pezzo di stoffa imbottito con materiale morbidissimo adatto a ospitare la nostra testa tutta la notte. Lui, insieme a una buona rete e un buon materasso aiuta, in maniera naturale, a prevenire un sacco di disturbi quali artrosi cervicale, mal di testa, contrazioni muscolari, reumatismi, infiammazioni e torcicollo.

QUALE MATERIALE
La scelta della materia prima è fondamentale Nel cuscino è quella che fa la differenza.
Tanti davvero i materiali esistenti fra cui scegliere, per ogni esigenza. Si va dai classici in piuma d’oca molto confortevoli ma poco adatti ad asmatici e allergici perché facilmente colonizzabili dagli acari a quelli in gommapiuma ottimi per chi soffre di riniti. Un buon compromesso fra comfort e igiene è il cuscino di lattice anche se un po’ rigido; meglio quelli ad acqua che si adattano al movimento della testa e i moderni in microfibra. I più avanti sono i cosiddetti “memory fam” ovvero i cuscini in schiuma id lattice in grado, col calore del corpo di conformarsi alla nostra testa.
Infine esistono quelli, a nostro avviso, migliori. I cuscini naturali e biologicamente controllati. Quelli che hanno al loro interno pula di farro, gusci di miglio, grano saraceno, noccioli di ciliegia e quarzo rosa.

LA GEOMETRIA DEL CUSCINO
Il cuscino naturale perfetto è una questione di misure, equilibri e geometrie. Un cuscino deve avere la giusta altezza e consistenza. L’altezza perfetta non esiste, è individuale. Non c’è una regola che dice che un cuscino debba essere alto e morbido. Ognuno ha la sua posizione del sonno ed è questa che fa la differenza perché quando dormiamo la nostra colonna vertebrale deve state il più possibile nella posizione più rilassata, innanzitutto nel tratto cervicale.
L’altezza varia quindi a seconda di quale sia la posizione assunta durante il sonno. Chi dorme supino se ha un cuscino troppo basso costringe il collo ad accentuare la sua curvatura e di conseguenza, durante la notte, s’irrigidisce la muscolatura e poi, all’ora di colazione compaiono dolori a collo e spalle. Stessa reazione con un cuscino troppo alto perché anche qui si costringe il collo ad una posizione innaturale. L’altezza del cuscino è quindi molto importante ed è strettamente legata anche alla sua consistenza. Se è troppo morbido il rischio è di sprofondarci dentro e se è troppo rigido il problema è l’opposto. In tutti e due i casi il nostro povero collo è ancora costretto a una posizione innaturale che la muscolatura traduce in dolori. Stessa cosa vale per il cuscino allattamento strumento del quale le mamme in gravidanza non possono fare a meno.

IL CUSCINO DELLA SALUTE
Il cuscino naturale è l’alleato della salute. La pula di farro, i gusci di miglio, il grano saraceno, i noccioli d’uva o di ciliegio e le erbe di alta montagna aiutano a rilassare e far del bene a corpo e mente. I materiali naturali fanno da trasmettitori benefici sia di caldo che di freddo e si ispirano ai principi della medicina orientale nella loro azione dall’alto valore terapeutico. Usato caldo il cuscino naturale aiuta a sciogliere tensioni muscolari favorendo il rilassamento. Perfetto anche per riscaldare mani e piedi freddo e favorire il sonno.
Freddo invece è utilissimo in caso di ematomi, contusioni e infiammazioni in generale.

POTREBBERO INTERESSARTI

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − tre =