Cucina cinese: squali in estinzione per colpa delle pinne

Un accorato invito in difesa degli squali arriva dagli Stati uniti dove Natural Resources Defense Council una delle più importanti associazioni ambientaliste, si è schierata contro il commercio delle pinne di squalo in California. La legge negli Stati Uniti attualmente vieta l’estrazione delle pinne di squalo, una pratica crudele che da anni è la principale causa del loro declino, ma finora niente è stato detto sul loro commercio. Pare infatti che la California sia uno dei mercati più importanti per le pinne di pescecane al di fuori dell’Asia, pinne che vengono preparate nella cucina cinese.
L’associazione ha invitato i cittadini californiani a fare pressione sul loro rappresentanti affinchè passi al senato della California un  provvedimento che il prossimo 28 giugno potrebbe mettere al bando il possesso e il commercio delle pinne di squalo.
In questi giorni inoltre la giornalista ambientale del Washinton Post Juliet Eilperin ha pubblicato un libro dal titolo Demon Fish, dove racconta con passione il suo viaggio alla scoperta del temibile predatore dei mari. Spostandosi dai mercati del pesce di Hong Kong alle immersioni subacquee faccia a faccia con questa creatura straordinaria e allo stesso tempo misteriosa per l’uomo, Juliet Eilperin racconta che lo squalo anche se ha terrorizzato l’uomo per generazioni non è un demone me è al contrario una creatura intelligente e necessaria per l’equilibrio biologico degli oceani.
Ogni anno vengono uccisi dai 23 ai 76 milioni di squali solo per le loro pinne, il resto viene gettato in mare.
Le pinne di pescecane sono infatti una materia prima molto redditizia in quanto costituiscano l’ingrediente principale della  rinomata e costosa zuppa alle pinne di squalo, un piatto tipico della cucina cinese che è sempre più richiesto sul mercato orientale e non solo.
Probabilmente ne il provvedimento californiano ne il libro della Eilperin riusciranno a salvare lo squalo dal rischio estinzione, ma sono sicuramente due segni importanti.

Fonte: www.huffingtonpost.com

Info: switchboard

Letizia materassi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + 3 =