Cavia peruviana: malattie, alimentazione e cure
La cavia peruviana è sempre più scelta come “compagno” a quattro zampe. Diventa quindi molto importante conoscerne le abitudini e le caratteristiche per capire se possiamo dedicargli le giuste cure e attenzioni prima di scegliere di adottarne uno (o, come impareremo a capire, più di uno!)

Il luogo di origine della cavia peruviana sono gli altipiani erbosi ad oltre 4000 metri di altitudine delle Ande, va da sé quindi che sono abituati a climi asciutti e temperature piuttosto stabili, con notti fredde. Le alte temperature non fanno per loro e d’estate dovremo fare attenzione a sistemarle in luoghi freschi e asciutti, garantendo ombra e riparo.
Vivono in gruppi di 5-10 animali e fanno tutto insieme, si proteggono e si supportano a vicenda, per questo le cavie peruviane non stanno bene se vengono tenute da sole tutto il giorno. Se decidete di adottarle è meglio che siano almeno due, a meno che non abbiate davvero tanto tempo tutti i giorni da trascorrere insieme.

QUANTO VIVE

La cavia peruviana vive mediamente 4-5 anni ma può raggiungere anche i 7-8 anni. In natura evitano di muoversi nelle ore centrali della giornata e sono più attive di mattina e di sera, e anche questo va considerato per poter rispettare le loro abitudini. Sono animali molto timidi e tendono a fuggire e nascondersi se si spaventano, ma sono anche grandi comunicatori: si conoscono almeno undici differenti tipi di suoni che emettono nelle diverse situazioni!

Coniglio da compagnia
L’alimentazione del coniglio: i consigli del Medico Veterinario

ALIMENTAZIONE: FIENO, FIENO E ANCORA FIENO

Si tratta di animali erbivori stretti, con un lungo intestino e un cieco particolarmente sviluppato. Devono poter mangiare continuamente, giorno e notte, soprattutto alimenti poveri di calorie e ricchi di fibra: il fieno deve essere la parte principale dell’alimentazione e non deve mai mancare! Come integrazione al fieno si possono dare porzioni di verdure miste e poca frutta, prediligendo le varietà con più alto contenuto di vitamina C, di cui le cavie hanno maggior fabbisogno rispetto ad altri animali erbivori come il coniglio. Quindi peperoni, prezzemolo, rosa canina, rucola, cavoli e broccoli, indivia, agrumi. Le verdure a foglia non devono mai mancare, non dimentichiamo che anche le cavie peruviane, come i conigli, hanno denti a crescita continua e se non mangiano correttamente svilupperanno presto problemi di malocclusione dentale, gravi e difficili da risolvere. Proprio per questo, e per evitare patologie dell’apparato digerente estremamente pericolose, evitare in modo assoluto: pane e prodotti da forno, frutta secca, alimenti commerciali contenenti semi e cereali (leggete sempre molto bene le etichette!), caramelle, dolciumi, snack vari, prodotti a base di latte. Fieno (tanto, tanto, tanto), verdure miste due o tre volte al giorno e poca frutta garantiranno salute e longevità a questi affascinanti piccoli mammiferi. Acqua fresca e pulita va sempre lasciata a disposizione, in piccole ciotole fissate in modo da non poter essere rovesciate o con gli appositi beverini a goccia.

Il gatto
Come capire il linguaggio del tuo gatto

MALATTIE

La cavia peruviana non è soggetta a malattie infettive per le quali siano richiesti trattamenti vaccinali, ma vanno comunque portate in visita da un Medico Veterinario esperto almeno una volta l’anno, ogni sei mesi sarebbe l’ideale, per verificare lo stato di salute, controllare i denti (non solo gli incisivi, ma anche i premolari e molari!), accorciare le unghie e valutare le condizioni generali. In questi animali ancora più che in altri la prevenzione dei problemi è fondamentale! Vanno approcciati con delicatezza perché sono timorosi e si spaventano facilmente e soprattutto all’inizio della convivenza è necessario rispettarne i tempi, lasciarli liberi di scegliere quando e come avvicinarsi a noi senza forzarli è il segreto per costruire una buona relazione (e non solo per loro!). Non amano essere sollevate da terra e se non è strettamente necessario sarebbe bene non farlo per non rischiare di spaventarle. Se poi dovessero mangiare meno o addirittura smettere di mangiare, se le feci cambiano aspetto, se dovessero presentare una produzione di saliva che imbratta il mento è fondamentale consultare tempestivamente il proprio Medico Veterinario di fiducia, sono sintomi da non sottovalutare.

Antiparassitari
Come usare i rimedi naturali come antiparassitari per il tuo cane

IN CASA: UNA CASETTA RIFUGIO E UN AMPIO RECINTO

Una buona soluzione per ospitare delle cavie è dedicare loro un ampio recinto, con un fondo morbido (ad esempio carta di giornale coperta da fieno). Evitate griglie e grate, che finirebbero per danneggiare la cute delicata delle zampe. Indispensabili delle casette-rifugio, che daranno alla cavia peruviana la sicurezza di potersi nascondere nel caso in cui ne sentano l’esigenza. Vanno benissimo allo scopo anche scatole di cartone, da sostituire frequentemente. Per quanto riguarda la lettiera, difficilmente verrà utilizzata perché generalmente le cavie urinano e defecano in posti diversi.

UNA CURIOSITÀ

Le cavie peruviane, a differenza di altri mammiferi, nascono identiche agli adulti, con il pelo, gli occhi e le orecchie aperte, solo che pesano tra i quaranta e i cento grammi. Non lasciateci ingannare dalle apparenze però, anche se iniziano a mangiare cibo solido a pochi giorni di vita è necessario che rimangano con la madre per il tempo necessario, non adottatele mai troppo precocemente!

 

Dott.ssa Cinzia Ciarmatori, DMV, GPCert(ExAP)
GPCert Exotic Animal Practice
Iscr. Albo AN 326
Consulente per Animali Esotici e Selvatici
Accreditato FNOVI per la Medicina e Chirurgia dei Piccoli Mammiferi, Rettili e Anfibi
Medicina Integrata, Bach Fondation Registered Animal Practitioner
Mail [email protected]
facebook.com
cinziaciarmatori.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + 1 =