Capri: la perla del Mediterraneo
Ponte dell’Immacolata: dal 5 all’8 dicembre 2015, alla scoperta della Perla del Mediterraneo e la sua nobiltà di regina e fascino di sirena

Nobiltà di regina e fascino di sirena. Capri è un’isola che ha saputo mantenere fino ad oggi il senso del mito. Un concentrato di bellezza circondato di azzurro. Ti accoglie con l’allegria colorata, ti incanta con la suggestione dei suoi luoghi, ti stordisce a sorpresa con vedute da batticuore. L’isola è di origine carsica, separata dalla terraferma da uno stretto, e presenta numerosi rilievi fra cui quello di Anacapri che ne è il principale. Il mare da cui emerge è particolarmente profondo, le coste sono aspre, frastagliate e ricchissime di grotte fra le quali la più famosa è la Grotta Azzurra, ma ciò che colpisce di più, a picco nel mare, sono i celebri Faraglioni, piccoli isolotti rocciosi dalle forme più variegate, che sembrano emergere dalle acque azzurre e profonde puntati verso il cielo.
Famosa per le bellezze naturali, la storia millenaria, il clima mite ed il paesaggi o luminoso, l’isola di Capri è, come ben sappiamo, una delle mete preferite dal turismo internazionale e non solo; in questi due giorni ci uniremo a questi turisti visitando i luoghi più famosi e conosciuti dell’isola, tra i quali la Villa di Tiberio, il belvedere di Tragara sui faraglioni e la piazzetta ed i vicoletti di Capri, ma cercheremo allo stesso tempo di restarne un po’ distanti andando anche alla scoperta di luoghi meno frequentati utilizzando viottoli e sentieri da percorrere a piedi e quindi alla velocità giusta per scoprirne ogni aspetto: dalla geologia che denota la sua appartenenza alla penisola sorrentina, alla flora che dona all’isola un aspetto affascinante in ogni stagione, alla fauna presente nonostante l’invadenza dell’uomo, ai panorami più nascosti. Vi aspettiamo quindi per far parte anche voi di tutti quei visitatori che dalla prima metà dell‘800 iniziarono ad affluire sull’isola.
Programma

Non solo trekking: alle camminate nella splendida natura dell’isola di origine carsica si sommano piacevoli passeggiate tra le bellezze naturali, i celebri faraglioni, il famoso rilievo di Anacapri alle attrazioni e ai monumenti incontrati lungo il percorso. una piacevole unione di natura arte e cultura per un vero approccio al viaggiare lento, per scoprire meglio.
1° giorno: CAPRI

Via Krupp di Capri
Partenza dai luoghi di provenienza in treno per Napoli. Da qui partenza in aliscafo per Capri. Arrivati sull’isola, ritrovo con i partecipanti e la guida e dopo aver lasciato i bagagli al deposito, prendiamo la Funicolare per il centro di Capri. Breve visita alla Piazzetta, poi percorriamo il sentiero del Pizzolungo, pochi chilometri in cui il passaggio muta tra le diverse sfumature di verde e di azzurro con una vista inedita sui Faraglioni e la Penisola Sorrentina. Vedremo l’Arco Naturale e Marina Piccola dal Belvedere di Tragara. Con un giro ad anello torniamo al centro di Capri. Tempo permettendo visita ai Giardini di Augusto e alla famosa Via Krupp, oggi aperta, dopo essere rimasta chiusa per 32 anni! Spostamento ad Anacapri per la cena e successivamente in hotel per il pernottamento.
Dislivello: 150 m – Lunghezza: 6 km – Durata: 3:00 ore

2° giorno: SENTIERO DEI FORTINI

Grotta_azzurra capri
Uno dei percorsi più spettacolari di Capri: Il Sentiero dei Fortini. Costeggia il mare dalla Grotta Azzurra al Faro di Punta Carena tra cornici di roccia, scultorei promontori e baie profonde come fiordi dalle acque turchesi. Alla partenza visita della Grotta Azzurra (tempo permettendo). Sul cammino si trovano i tre fortini borbonici che un tempo servivano alla difesa di Capri, utilizzati inizialmente come torri d’avvistamento: Orrico, Pino e Mesola. Rientro in bus ad Anacapri. Visita del centro di Anacapri (Villa san Michele e giardini). Cena libera. Rientro in hotel per il pernottamento.
Dislivello: 100 m – Lunghezza: 5 km – Durata: 5:00 ore

3° giorno: MONTE SOLARO/SENTIERO DELLA MIGLIERA

Funicolare_Capri
Il Monte Solaro (589 m.) Partiremo da Anacapri per il sentiero della Migliera, che culmina nel Belvedere del Tuono. Già il nome la dice tutta sul fascino drammatico che evoca. Qua la bellezza si fa selvaggia, tra rocce aguzze che scendono a picco sul mare e voli di gabbiani. Dal Belvedere dei Faraglioni, proseguiamo lungo il crinale per raggiungere il Monte Cocuzzo e il Monte Solaro. Il sentiero in alcuni punti ha una pendenza molto ripida. Ma dall’alto la vista spazia dal Golfo di Napoli con il Vesuvio alla Costiera Amalfitana e alla penisola Sorrentina. Possibilità di rientro ad Anacapri con la seggiovia. Cena libera e rientro in hotel per il pernottamento.
Dislivello: 300 m – Lunghezza: 5 km – Durata: 5:00 ore

4° giorno: MARINA GRANDE
Da Anacapri scenderemo a Marina Grande, tramite la Scala Fenicia, con i suoi 921 gradini, un tempo unica via d’accesso per raggiungere il comune “alto” dell’isola. La strada carrozzabile tra Capri ed Anacapri è stata costruita solo nel 1874. Risaliremo a Capri per percorrere la strada verso Villa Jovis, la più grande delle ville di Tiberio. Domina l’intero promontorio dell’omonimo monte e la vista che si può godere abbraccia il Golfo di Napoli, spaziando dall’Isola di Ischia fino a Punta Campanella, mentre il lato sud affaccia sul centro di Capri. Nel pomeriggio rientro nei luoghi di provenienza con aliscafo e treno.
Dislivello: 250 m – Lunghezza: 4 km – Durata: 3:00 ore

LINK AL VIAGGIO: Capri 

 

Per saperne di più:
Four Seasons Natura e Cultura
Sito: viagginaturaecultura.it
Mail: [email protected]
PUBLIREDAZIONALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + due =