Candeggina: il multiuso sempre attuale
E’ il perfetto tuttofare di casa. Molti la temono per la sua composizione chimica; è una soluzione a base di ipoclorito di sodio, ma la candeggina è sicuramente, grazie al suo essere economica ed estremamente versatile uno dei pochi prodotti che non può mancare in casa.

La candeggina è una vera manna del cielo: la sua grande azione ossidante la rende perfetta per disinfettare e sbiancare soprattutto. Importante è anche la sua azione battericida, funghicida, sporicida e virocida. E’ per questo il prodotto preferito delle maniache della pulizia. Andiamo a scoprire dove e come usarla

SCONTO DEL 10% SU TUTTI I PRODOTTI ECO BIO

PER CHI SI ISCRIVE ALLA NEWSLETTER

newsletter stile naturale

SCOPRI TUTTE LE OFFERTE DELLA SETTIMANA!

A TUTTO BUCATO
In ogni lavatrice c’è il programma candeggio, non a caso. Se volete un bucato bianco e splendente non potete fare a meno della candeggina. Ma non solo, agisce alla grande anche contro le macchie più difficili.
Può essere usata sia in lavatrice – versandola direttamente nell’apposito spazio del cestello – che per il bucato a mano e il dosaggio ideale è mezzo bicchiere in cinque litri di acqua e in ogni caso per ottenere risultati ottimi conviene lasciare in ammollo per circa venti minuti prima di sciacquare.
Ma quali sono le macchie difficili che la candeggina riesce a combattere? Le più ostinate! Pomodoro, caffè, sudore, fango, vino, frutta, rossetto, fondotinta, mascara e altri trucchi. Si può versare il prodotto direttamente sulla macchia, ma con cautela per evitare che i colori degli abiti schiariscano. Ricordate sempre che trattasi di uno sbiancante. Come alternativa sbiancante e ecologica alla candeggina vi ricordiamo che esiste il percarbonato!
LAVATUTTO, SGRASSA ELIMINA I GERMI
Sgrassa i depositi più ostinati, igienizza meglio di qualsiasi altro prodotto, elimina germi e batteri e combatte lo sporco più ostinato.
Solo alcuni dei motivi per cui le vere maniache delle pulizie in casa adorano la candeggina.
E’ perfetta per le piastrelle, la plastica, il legno chiaro, i pavimenti, i sanitari, il piano di cucina nel dosaggio di un bicchiere per ogni litro d’acqua. Per il wc invece si può utilizzare gettandola direttamente nella tazza, mentre per i pavimenti si consiglia un bicchiere ogni quattro litri di acqua.
GLI ALTRI USI: CATTIVO ODORE, ANTIMUFFA, IGIENIZZANTE PER I GIOCATTOLI
Ma non è finita qui. Essendo come abbiamo detto particolarmente versatile la candeggina si presta ad altre molteplici applicazioni.
Ideale per combattere ad esempio il cattivo odore che viene dagli scarichi di docce, vasche e lavandini anche se più ecologico è l’acido citrico! Comunque basta gettare nello scarico due bicchieri di candeggina diluiti in due litri di acqua calda.
Si usa anche per igienizzare gli utensili di cucina (coltelli, posate, taglieri, pentole e piatti purché non in acciaio o alluminio) lasciandoli in ammollo in tre litri di acqua con un bicchiere per venti minuti per poi lavare il tutto molto bene.
Per la sua capacità di distruggere le membrane cellulari dei microrganismi la candeggina è perfetta come antimuffa. Basta tamponare la zona da trattare insieme all’acqua.
Anche i giochi dei bambini di plastica e gomma possono essere accuratamente lavati diluendo mezzo bicchiere del prodotto in cinque litri d’acqua e lasciati in ammollo per un quarto d’ora prima di essere risciacquati bene.
Infine la candeggina è l’alleata ideale dei fiori recisi. Non solo aiuta a mantenere ben vivo il colore a lungo, ma cinque gocce di candeggina nel vaso gli fa mantenere vivi molto più a lungo.

 

LEGGI ANCHE:

Acido citrico: vantaggi e controindicazioni all’uso in casa

Percarbonato: tutti gli usi dello sbiancante naturale

Muffa sui vestiti, come eliminarla dai tessuti in modo naturale

Il limone, un alleato naturale. I 10 modi per farne un buon uso

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + sette =