Barbabietola rossa: le varietà e le consociazioni
Non solo in autunno ma anche in primavera la barbabietola rossa è la protagonista del nostro orto. Vediamo tutte le varietà, le consociazioni e i metodi di coltura

La barbabietola rossa da orto appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae ed è una pianta erbacea biennale ideale da seminare durante i mesi di marzo aprile quando ha inizio il periodo primaverile. Il suo sapore è molto dolce e coltivarla all’interno del proprio orto la rende ancora più gustosa da assaporare. La sua polpa si presenta di un colore rosso e le foglie commestibili si possono cucinare a zuppa o come gli spinaci. La barbabietola rossa è molto ricca di sostanze nutritive come vitamine e sali minerali.

stile naturale promo

LE VARIETA’
La natura ci offre una vasta scelta di varietà della barbabietola rossa da seminare. Abbiamo la barbabietola a radice piatta ideale per essere coltivata durante i mesi primaverili. Poi c’è la varietà che si presenta con radici grosse e globose molto buone anche da mangiare. Anche questa varietà può essere seminata in primavera ma anche in estate e in autunno. L’ultima specie è quella che si presenta a radice lunga e che deve essere coltivata in estate. Vediamo allora come si chiamano le diverse varietà di barbabietole disponibili.

  • Tonda di Chioggia: la sua radice è arrotondata e si presenta con una polpa dolce e di colore rosa con alcune zone in rosso. Si tratta di una barbabietola molto precoce che può essere coltivata anche sotto tunnel.
  • Paonazza d’Egitto: la sua forma è appiattita e si presenta con un colore rosso tendente al violaceo e può essere seminata nei mesi tra gennaio e luglio.
    Sanguigna d’Ingegnoli: è la cosiddetta barbabietola a palla rosa. Infatti il suo colore è molto scuro.
  • Albina Vereduna: questa varietà si presenta di colore bianco e con un sapore molto dolce. Si può consumare sia cruda che cotta, comprese le foglie che sono commestibili.
  • Burpee’s Golden: si presenta di colore giallo dorato e di grandezza pari ad una palla da tennis. Il suo gusto è molto succoso e dolce. Si possono consumare anche le foglie.
  • Loma: la sua forma è allungata e con un colore rosso scuro. La sua polpa è molto tenera e dal succo molto zuccherino.
  • Red Cloud: barbabietola dalle grandi radici tonde e dal colore scuro. È una varietà che si adatta molto al clima caldo riuscendo a resistere molto anche a climi molto secchi.
    IL TERRENO
    Il terreno più indicato per la raccolta della barbabietola è quello leggero ma ricco di sostanze organiche. Inoltre la barbabietola rossa predilige suoli profondi e con pH neutro.
    LA SEMINA
    Il seme della barbabietola da orto si caratterizza per essere un seme-frutto poligerme in quanto all’interno di uno solo sono contenuti più semi i quali danno vita a più piantine. Il periodo ideale per procedere alla semina della barbabietola è quello dei mesi di aprile e maggio, anche se alcune varietà possono essere seminate anche a febbraio. Come si procede alla semina della barbabietola rossa da orto? La prima cosa da fare è preparare il terreno prima di cominciare a seminare. Vangare il terreno arrivando ad una profondità che varia tra i 35/40 cm e contemporaneamente incorporare una sostanza organica a scelta. Rastrellare ancora una volta l’orto prima di seminare. Ora dovete creare dei piccoli solchi nel terreno distanti l’un l’altro circa 40 centimetri e profondi circa 2 centimetri. Mettere i semi in queste buche e ricoprire con il restante terreno ed infine innaffiare. Nell’attesa che le prime barbabietole rosse crescano nel vostro orto, è necessario procedere al diradamento e alla sarchiatura che permettono di eliminare tutte le erbe che infestano l’orto per poi arrivare ad interrare le piccole piantine di barbabietole che sono scalzate. Vi consigliamo di procedere con una semina a scalatura di almeno 15 giorni in modo che si può raccogliere la barbabietola fino alla stagione autunnale.
    LE CONSOCIAZIONI
    La barbabietola rossa può essere consociata nel’orto con altri ortaggi come il cavolo rapa, i fagiolini, la cipolla e la lattuga.
    LE CURE E LE AVVERSITA’
    Quando decidete di seminare la barbabietola nel vostro orto è necessario sapere a quali avversità si va incontro per essere pronti ad intervenire in modo efficace e preventivo avendo cura della salute di questi ortaggi. Le avversità più frequenti sono peronospora e ruggine che si curano con delle irrorazioni di poltiglia bordolese non appena cominciano a manifestarsi i primi sintomi.
    CONCIME
    La barbabietola rossa necessita di un concime come il letame con una concimazione moderata.
    IRRIGAZIONE
    L’irrigazione della barbabietola rossa è regolare e costante cercando di evitare che il terreno resti asciutto e secco. Solo nel periodo della germinazione, la pianta necessita di maggiore irrigazione che aumenta a più di un paio di volte a settimana.
    LA RACCOLTA
    La raccolta della barbabietola da orto deve avvenire dopo circa 80/90 giorni dalla semina. Questo però dipende molto dalla varietà che si andrà a seminare in quanto ce ne sono alcune molto precoci le quali già dall’estate sono pronte. La raccolta avviene a scalare e con l’estirpazione di tutta la pianta.

NEWSLETTER 1

LEGGI ANCHE

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 11 =