Ardengo Soffici, opere da scoprire

“Soffici e la cultura artistica dell’area pratese” attraverso l’affresco di Fognano in mostra al Museo Soffici a un anno dall’apertura. All’inizio degli Anni Trenta il podestà del Comune di Montale, Mario Ammirandoli, amico di vecchia data chiese a Soffici di decorare la fontana pubblica  nella frazione di Fognano allora raggiunta dall’acquedotto. La costruzione, a forma di tabernacolo avrebbe così avuto sul fondo una decorazione ad affresco: fu questa l’unica commissione pubblica compiuta da Ardengo Soffici che per la realizzazione – che durò dodici giorni – ebbe come collaboratori due giovani artisti, Quinto Martini e Leonetto Tintori.  Una mostra e un ciclo di conferenza dedicata proprio all’esperienza dell’affresco del grande tabernacolo di Fognano a Montale (Pistoia) ha dato il via  a una serie di appuntamenti al Museo Soffici, che indagano su “Soffici e la cultura artistica dell’area pratese” organizzati dall’assessorato alla cultura del Comune di Poggio a Caiano.  La mostra – curata da Luigi Cavallo (curatore del Museo Soffici), Luigi Corsetti (direttore del Museo) e Maria Pia Mannini (conservatrice del Museo Civico di Prato) –  di dipinti a olio e dei disegni  preparatori per l’affresco della fontana di Fognano che ha per tema il “Miracolo di San Francesco” realizzati da Soffici dal 1932 al 1934, oltre a pubblicazioni, riviste e documenti dell’epoca. Esposto anche un bozzetto inedito di Soffici preparatorio per la scena con “San Francesco e il Miracolo della Fonte” conservato al Museo Civico di Prato che documenta il lungo percorso creativo del tabernacolo di Montale e conferma l’importante collaborazione con Tintori. Di quest’ultimo è uno dei lavori meno conosciuti ma si rivelò determinate per gli sviluppi della sua attività come scrisse lo stesso Tintori che attribuisce a Soffici, dopo l’esperienza di Fognano, il merito di “mettere in moto” e “sviluppare” le sue possibilità “indicandomi – scrive Tintori – la via di una più approfondita ricerca anche se a scapito dell’inventiva e del successo”.  Il ciclo di conferenze al Museo Soffici continua fino a giugno per approfondire altri aspetti dell’influenza di Soffici nell’arte e nella cultura pratese. Il 7 maggio alle 21,15 Lucia Minunno storica dell’arte e curatrice, terrà la conferenza dal titolo “Soffici e Quinto Martini” e il 21 maggio alle 21 sarà a volta dello scrittore e critico d’arte Marco Moretti che si occupa da anni di movimenti artistici e letterari del Novecento. Moretti in questa occasione parlerà di “Soffici e la poesia di Bino Binazzi”. Il ciclo di conferenze si concluderà a Prato, il 10 giugno alla Biblioteca Lazzerini dove Luigi Cavallo terrà la conferenza su “L’artista Ardengo Soffici” mentre  Maria Pia Mannini si soffermerà su “Soffici e gli artisti pratesi”. Per informazioni: Museo Soffici www.museoardengosoffici.it,  tel. 055 8701287/0/1.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 4 =