Nove metodi per riutilizzare l’acqua di bollitura dei cereali

Avete mai pensato all’acqua di cottura dei cereali (pasta, riso, orzo, farro, miglio…) come a una risorsa? Se ancora non avete riflettuto su questa opportunità, è ora che vi leggiate questo articolo.
L’acqua di cottura dei cereali è ricchissima di sostanze nutritive rilasciate dai cereali medesimi, amido in primis e sali minerali: un consiglio che esula dall’argomento, è quello di cuocere i vostri cereali (tranne la pasta che non si presta per una cottura assorbente), in modo che di acqua non ne rimanga; per capirci, il metodo del risotto sarebbe quello più indicato per non disperdere le sostanze nutritive.
Tornando alla nostra acqua, quando scolate la pasta, cercate di recuperarla mettendo sotto lo scolapasta un recipiente: se non la utilizzate subito, potrete conservarla in delle bottiglie di vetro anche per 15 giorni.

PER COSA SI UTILIZZA L’ACQUA DI BOLLITURA DEI CEREALI

PER I SUGHI
Allungare sughi, minestre e stufati di verdure se risultano essere troppo secchi.

PER LE PIANTE
Bagnare le vostre piante e fiori: in questo caso va bene diluirla con un 1/3 di acqua fresca. L’amido e i sali minerali gioveranno alla crescita delle vostre piantine.

LAVARE I PIATTI
Lavare i piatti: versate l’acqua di bollitura nel lavello o in una bacinella, aggiungete un po’ di limone e bicarbonato, o qualche goccia di detersivo ecologico e avrete un lavaggio super ecologico delle vostre stoviglie!

IMPASTARE LA PASTA
Con l’acqua di bollitura dei cereali si può impastare la pasta di sale, allungare gli acquerelli e le tempere.

EMOLLIENTE

Grazie all’amido, l’acqua di bollitura della pasta è emolliente: potrete, quindi, utilizzarla per fare dei pediluvi o detergere il volto dopo esservi struccare.

PER I LEGUMI
Ottima anche per lasciare a bagno i legumi: assorbiranno l’acqua necessaria e tutte le sue sostanze nutritive.

PER BOLLIRE LE VERDURE

Per bollire le verdure, potrete utilizzare l’acqua di cottura riportandola a ebollizione

IMPASTARE LA FARINA
Se fate il pane in casa, invece che acqua nuova, reimpiegate quella di bollitura dei cereali per impastare le vostre farine!

BEVANDA RIINFRESCANTE
Con l’acqua di cottura si può anche creare una bevanda rinfrescante: fatela raffreddare in frigorifero e aggiungete sciroppo d’acero, mirtilli, menta, orzata o lampone.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × due =