Frittata, pasta e in padella: 3 ricette a base di Topinambur
Come cucinare il topinambur? Ecco tre ricette gustose per preparare e mangiare il topinambur, la pianta dalle proprietà salutari e benefiche

Il topinambur è una pianta di origine tuberosa molto apprezzata nella cosmetica e nella cucina per le sue tante proprietà salutari per il nostro organismo. È conosciuta anche con altri nomi tra cui: tartufo di canna, carciofo di Gerusalemme, patata americana. Se si pensa che per ogni 100 g di topinambur si assumono solo 85 Kcal, si capisce quanto è importante introdurlo nella nostra cucina. Quasi l’80% è composto da acqua mentre il restante è ricco di proteine, fibre, zuccheri, carboidrati e vitamine del gruppo B, C, E, insieme a sali minerali.

LEGGI ANCHE: IL TOPINAMBUR E’ IL NOSTRO ALLEATO

Topinambur
Il topinambur è il nostro miglior alleato per la dieta ipocalorica

Ma le sorprese riservate da questa pianta non finiscono qui! Il topinambur è uno degli alimenti più salutari per il nostro organismo quindi se lo includiamo all’interno della nostra dieta non può che farci bene.

Ecco quali sono i suoi principali benefici:

Perdita di peso

Pulizia intestinale
Rallenta l’assorbimento di zuccheri e colesterolo
Rimedio in caso di spossatezza e stanchezza fisica
IL TOPINAMBUR IN CUCINA
Il topinambur può essere consumato sia crudo che cotto. Nella forma cruda conserva tutte le sue proprietà benefiche e si presenta come un alimento ideale per le insalate. Nella forma cotta può essere cucinato al vapore o in padella, o meglio come si cucinano normalmente le patate. Infatti anche il suo sapore gustoso è tra un misto di patata con carciofo. Ecco allora ben tre ricette gustose da provare: un primo, un secondo e un contorno.
PASTA CON TOPINAMBUR
Gli ingredienti sono:
200 g di penne rigate
1 topinambur
2 pomodori pelati
1/2 cipolla
100 g di formaggio grattugiato
Olio evo
Sale
Basilico

Come preparare la pasta Topinambur
In una padella capiente far appassire la cipolla in un filo di olio evo.
Far cuocere per qualche minuto a fuoco lento il topinambur tagliato fine ed aggiungere i pelati di pomodoro tagliuzzati.
Salare a piacere e lasciare cuocere.

LEGGI ANCHE: PASTA AL RAGU’ DI SILENE, LA RICETTA D’ERBE

PASTA SELENE
Pasta al ragù di silene, la ricetta d’erbe

Nel frattempo in una pentola con acqua salata cuocete la pasta e scolatela al dente.
Con un mestolo aggiungete un po’ di acqua di cottura al sugo e mescolate a fiamma accesa la pasta scolata per qualche minuto.
Spolverizzate il formaggio e decorate con basilico.

FRITTATA DI TOPINAMBUR
Gli ingredienti sono:
3 uova
2 topinambur
Olio evo
1 spicchio di aglio
Sale e pepe quanto basta

Come fare la frittata di topinambur
Pulite i topinambur lavandoli e sbucciandoli e tagliateli nella forma che più desiderate: a spicchi sottili, a fettine … In una padella capiente far soffriggere lo spicchio di aglio in un filo di olio evo. Far cuocere il topinambur per venti minuti circa con dell’acqua.

LEGGI ANCHE: FRITTATA DI CIPOLLE SENZA UOVA E LATTE

frittata di cipolle
Frittata di cipolle senza uova e latte

Una volta cotti mettere da parte. Nel frattempo sbattete le uova in una ciotola con il pepe, il sale e il formaggio grattugiato se volete. Far cuocere le uova nella padella precedentemente utilizzata.
Quando dovete girare la frittata distribuite i topinambur su tutta la superficie. Piegarla a metà nella forma di una mezza luna e continuare a cuocere per qualche minuto fino a quando non sarà cotta anche all’interno.
Servire calda.

TOPINAMBUR IN PADELLA
Gli ingredienti sono:
500 g di topinambur
1 scalogno
Olio evo
Sale rosmarino

Come cucinare il topinambur in padella
Lavate e pulite per bene il topinambur tagliandolo a dadini o a spicchi.

LEGGI ANCHE: SEDANO RAPA IN PADELLA CON BACCHE DI GOJI

SEDANO RAPA
Sedano rapa in padella con bacche di goji

Nel frattempo in una padella con un filo di olio evo fate appassire lo scalogno a fiamma bassa.
Aggiungete il topinambur, il rosmarino, il sale e mescolate. Aggiungete un bicchiere di acqua e se necessario, anche due. Fate cuocere per una ventina di minuti a fiamma bassa con un coperchio. Trascorso il tempo necessario far asciugare l’acqua se ancora presente alzando il coperchio e la fiamma. Servite caldo.

 

 

 

LEGGI ANCHE

Muffin alle bacche di goji

Pasta Frolla: le ricette vegane per palati esperti

Come fare in casa il dado vegetale a crudo

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − cinque =